Gabinetto degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Il Gabinetto degli Stati Uniti d'America (indicato anche come il Gabinetto del presidente degli Stati Uniti; in inglese United States Cabinet o U.S. President's Cabinet o semplicemente the Cabinet) è il ramo esecutivo del governo federale degli Stati Uniti ed è composto dal presidente e dal vicepresidente degli Stati Uniti, dai segretari dei 15 dipartimenti dell'Amministrazione e da alcuni funzionari di grado più elevato (l'equivalente del Consiglio dei ministri italiano).

I componenti del Gabinetto sono nominati dal presidente e poi presentati al Senato degli Stati Uniti per ottenere conferma o essere respinti, dietro una votazione a maggioranza semplice. Se approvati, prestano giuramento e cominciano le loro funzioni alla guida dei 15 dipartimenti dell'Amministrazione. A parte il procuratore generale (capo del Dipartimento della Giustizia) e, in precedenza, il ministro delle Poste, tutti ricevono il titolo di segretario, che è un equivalente del titolo di ministro nella maggior parte dei governi delle democrazie occidentali. I membri del gabinetto sono alle dipendenze dirette del presidente, il che significa che il presidente può rimuoverli e sostituirli a sua totale discrezione. Quando il Senato non è riunito, il Presidente può fare nomine provvisorie (la qual cosa avviene sempre ad inizio mandato).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

James K. Polk e il suo Gabinetto nel 1845: fu il primo a essere fotografato

La sua costituzione risale al primo presidente statunitense, George Washington, che, per essere assistito nelle sue funzioni, nominò un gabinetto di quattro persone: il segretario di Stato Thomas Jefferson, il segretario al tesoro Alexander Hamilton, il segretario alla Guerra Henry Knox, e il procuratore generale Edmund Randolph.

Dal 1926 i membri del Gabinetto servono a piacimento del presidente, che può revocarli in qualsiasi momento senza l'approvazione del Senato, come affermato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti nel caso "Myers v. Stati Uniti", o declassare il loro stato di appartenenza al gabinetto

Il presidente Ronald Reagan ha formato sette consigli di sottogabinetto per esaminare singole questioni politiche e i successivi presidenti hanno seguito quella pratica.

Basi costituzionali e legali[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti costituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Riunione del Gabinetto Obama nel novembre 2010

L'articolo III della Costituzione prevede che il presidente può richiedere "il parere, per iscritto, al capo di ciascuno dei Dipartimenti dell'esecutivo, su qualsiasi argomento relativo ai doveri dei rispettivi uffici". La Costituzione non stabilisce però né i nomi, né limita il numero di dipartimenti del Governo, lasciando questo compito al Congresso e al presidente.

In seguito, con la ratifica del XXV emendamento della Costituzione, si prevede che il vicepresidente e "la maggioranza dei principali responsabili" dei dipartimenti che fanno parte dell'esecutivo possano trasmettere una dichiarazione (al presidente della Camera dei rappresentanti e al presidente del Senato pro tempore), nel caso ritengano che il presidente non sia più in grado di esercitare i poteri e adempiere ai doveri della sua carica. Il vicepresidente assume immediatamente il comando fin quando il presidente non trasmetta a sua volta una dichiarazione nella quale affermi la sua adeguatezza all'incarico. Nel caso di ulteriore contestazione è chiamato il Congresso degli Stati Uniti a risolvere la questione.

Riguardo all'eleggibilità dei membri del Gabinetto, la Costituzione non pone alcuna condizione se non quella di incompatibilità con l'appartenenza a una delle due Camere. Questo comporta le immediate dimissioni da deputato o senatore, da parte di quei parlamentari che vengano nominati membri del Gabinetto.

La separazione tra potere esecutivo e legislativo, in questa forma dettata direttamente dalla Costituzione, costituisce una differenza piuttosto marcata rispetto a quanto avviene nei sistemi britannico, canadese e australiano, nei quali addirittura è richiesta l'appartenenza al parlamento per poter essere parte del gabinetto di governo. I fautori del sistema americano sostengono che questo assicura gabinetti più qualificati e più stabili.

Linea di successione[modifica | modifica wikitesto]

Il Gabinetto è molto importante anche per definire la linea di successione del presidente, vale a dire l'ordine in cui i membri del governo potrebbero essere chiamati a succedere al presidente in caso di morte o di dimissioni del vicepresidente, del presidente della Camera dei rappresentanti e del presidente pro tempore del Senato.

Per questo motivo, è prassi comune di non avere l'intero Gabinetto in un unico luogo, anche per cerimonie come il Discorso sullo stato dell'Unione, in cui almeno un membro del Gabinetto è assente. Questa persona è il "sopravvissuto designato", è cioè tenuto in un luogo sicuro e non divulgabile, pronto a subentrare se il presidente, il vicepresidente, il presidente della Camera, il presidente pro tempore del Senato, il segretario di Stato e il resto del Gabinetto venissero uccisi.

Gabinetto in carica[modifica | modifica wikitesto]

Il Gabinetto non ha poteri esecutivi collettivi o funzioni proprie e non è necessario votare. I membri sono 24 (25 compreso il vicepresidente): 15 a capo di un dipartimento e nove membri a livello di gabinetto; tutti, tranne due, devono essere approvati ("confermati") del Senato.

Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimento Carica Titolare Foto in carica dal

Ufficio del Presidente
Presidente degli Stati Uniti d'America Joe Biden 20 gennaio 2021

Ufficio del Vicepresidente
Vicepresidente degli Stati Uniti d'America Kamala Harris 20 gennaio 2021

I segretari dei dipartimenti[modifica | modifica wikitesto]

(Membri in ordine di successione):

Dipartimento Carica Titolare Foto in carica dal

Dipartimento di stato
Segretario di Stato Antony Blinken 26 gennaio 2021

Dipartimento del tesoro
Segretario al Tesoro Janet Yellen 26 gennaio 2021

Dipartimento della difesa
Segretario della Difesa Lloyd Austin 22 gennaio 2021

Dipartimento di giustizia
Procuratore Generale Merrick Garland 10 marzo 2021

Dipartimento degli interni
Segretario degli Interni Deb Haaland 15 marzo 2021

Dipartimento dell'agricoltura
Segretario dell'Agricoltura Tom Vilsack 23 febbraio 2021

Dipartimento del commercio
Segretario al Commercio Gina Raimondo 2 marzo 2021

Dipartimento del lavoro
Segretario del Lavoro Julie Su

(facente funzioni in quanto Vice Segretaria del Lavoro durante il mandato di Marty Walsh)

12 marzo 2023

Dipartimento della salute e dei servizi umani
Segretario della Salute e dei Servizi Umani Xavier Becerra 18 marzo 2021

Dipartimento della casa e dello sviluppo urbano
Segretario della Casa e dello Sviluppo Urbano Marcia Fudge 10 marzo 2021

Dipartimento dei trasporti
Segretario dei Trasporti Pete Buttigieg 2 febbraio 2021

Dipartimento dell'energia
Segretario dell'Energia Jennifer Granholm 25 febbraio 2021

Dipartimento dell'istruzione
Segretario dell'Istruzione Miguel Cardona 1 marzo 2021

Dipartimento degli affari dei veterani
Segretario degli Affari dei Veterani Denis McDonough 8 febbraio 2021

Dipartimento della sicurezza interna
Segretario della Sicurezza Interna Alejandro Mayorkas 2 febbraio 2021

Funzionari con rango di membri di Gabinetto[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimento Carica Titolare Foto in carica dal

Ufficio esecutivo del Presidente
Capo di gabinetto della Casa Bianca Jeff Zients 8 febbraio 2023

Ufficio per la gestione e il bilancio
Direttore dell'Ufficio per la gestione e il bilancio Shalanda Young 17 marzo 2022

Agenzia per la protezione dell'ambiente
Direttore dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente Michael Regan 10 marzo 2021

Ufficio del Rappresentante per il Commercio
Rappresentante per il Commercio Katherine Tai 17 marzo 2021

Dipartimento di Stato
Ambasciatore presso le Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield 23 febbraio 2021

Agenzia per le piccole imprese
Direttore dell'Agenzia per le piccole imprese Isabel Guzman 16 marzo 2021

United States Intelligence Community
Direttore dell'Intelligence nazionale Avril Haines 21 gennaio 2021

Consiglio dei Consulenti Economici
Presidente del Consiglio dei consulenti economici Cecilia Rouse 12 marzo 2021

Ufficio per le politiche scientifiche e tecnologiche
Direttore dell'Ufficio per le politiche scientifiche e tecnologiche Alondra Nelson 18 febbraio 2022

Ufficio esecutivo del Presidente
Consulente scientifico del Presidente Francis Collins 18 febbraio 2022

Inviato speciale del Presidente per il clima
Inviato speciale del Presidente per il clima John Kerry 21 gennaio 2021

Dipartimenti soppressi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Sito ufficiale, su whitehouse.gov. URL consultato il 29 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2009).