Pete Buttigieg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pete Buttigieg
PeteButtigieg.JPG

Sindaco di South Bend
In carica
Inizio mandato 1º gennaio 2012
Predecessore Steve Luecke

Dati generali
Partito politico Democratico
Università Università di Harvard
Pembroke College
Firma Firma di Pete Buttigieg

Peter Paul Montgomery Buttigieg (South Bend, 19 gennaio 1982) è un politico statunitense, sindaco della città di South Bend, in Indiana, dal 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Buttigieg è nato a South Bend, Indiana, figlio unico di Joseph Buttigieg e Jennifer Anne Montgomery.[1] Suo padre, che era originario di Malta,[2] aveva studiato per diventare sacerdote gesuita prima di emigrare negli Stati Uniti e intraprendere una carriera come professore di letteratura all'Università di Notre Dame a South Bend.[3] Lo è stato per 29 anni[4] diventando uno egli studiosi più importanti di Antonio Gramsci e traducendo la prima edizione in inglese dei Quaderni dal carcere. La famiglia della madre ha vissuto in Indiana per generazioni.[5]

Prime esperienze[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi all'Università di Harvard e ottenuto un Master al Pembroke College dell'Università di Oxford, Buttigieg ha lavorato dal 2004 al 2005 presso la società di consulenza strategica dell'ex segretario della difesa William Cohen[6], impegnandosi anche per la campagna presidenziale di John Kerry per le elezioni del 2004.[7]

Sindaco di South Bend[modifica | modifica wikitesto]

Buttigieg è stato eletto sindaco di South Bend l'8 novembre 2011, con il 74% dei voti, diventando il più giovane sindaco di una città degli Stati Uniti con almeno 100.000 residenti.[8]

È stato nominato sindaco dell'anno per il 2013 da GovFresh.com, insieme all'ex sindaco di New York Michael Bloomberg.[9]

Nel febbraio 2014 Buttigieg è stato inviato in Afghanistan per sette mesi, in quanto ufficiale dell'intelligence navale nella Riserva della Marina degli Stati Uniti.[10] Durante la sua assenza, fino a ottobre 2014, il suo vice Mark Neal ha assunto brevemente l'interim come sindaco.[11]

Nel marzo 2014, il Washington Post ha definito Buttigieg "il sindaco più interessante di cui non si è mai sentito parlare", discutendo sulla sua età, la sua istruzione e il suo trascorso militare.[8] Nel 2016, il New York Times ha pubblicato un editoriale elogiando il lavoro di Buttigieg come sindaco e chiedendosi nel titolo se potesse alla fine essere eletto come "il primo presidente gay".[12]

Il 3 novembre 2015 è stato rieletto sindaco di South Bend con oltre l'80% dei voti.[13] Nel dicembre 2018, Buttigieg ha annunciato che non avrebbe corso per un terzo mandato da sindaco.[14]

Candidatura presidenziale 2020[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 gennaio 2019, Buttigieg ha annunciato la nascita di un comitato esplorativo per valutare una eventuale candidatura alle primarie del Partito Democratico per le elezioni presidenziali del 2020.[15] Il 14 aprile successivo, annuncia ufficialmente la sua candidatura alle primarie[16] nell'ex fabbrica di Studebaker chiusa negli anni Sessanta e diventata un complesso di società high tech. Ha riassunto la sua sfida a Donald Trump in tre parole: "Libertà, sicurezza, democrazia".[17]

Buttigieg si definisce progressista e sostenitore del capitalismo democratico.[18] I punti del suo programma sono: assistenza sanitaria universale con il mantenimento dell'assicurazione privata; dialogo e cooperazione tra il Partito Democratico e il lavoro organizzato; controlli universali per gli acquisti di armi da fuoco; politiche ambientali che affrontano l'inquinamento e combattono i cambiamenti climatici che considera "una questione di sicurezza". Sostiene inoltre la legislazione federale che vieta la discriminazione nei confronti delle persone LGBT ed il programma di azione differita per l'arrivo di bambini per gli immigrati.[19]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 giugno 2015 Buttigieg ha dichiarato apertamente la propria omosessualità.[20] Esattamente tre anni dopo, è convolato a nozze con il proprio compagno Chasten Glezman, insegnante in una scuola Montessori:[21] la cerimonia religiosa si è tenuta nella Episcopal Cathedral di St.James a South Bend.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Shortest Way Home: One Mayor's Challenge and a Model for America's Future, New York, Liveright, 2019 ISBN 978 1631494376

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Victoria St. Martin, 'It's been a good trip.' Father of Mayor Pete Buttigieg dies after illness, in South Bend Tribune, 28 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Matthew Vella, How do you pronounce Buttigieg... is a question more Americans are asking today, su MaltaToday.com.mt. URL consultato il 21 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Deacon G. Kandra, Beck Interviews Buttigieg About His Faith and Catholic Roots, in The Deacon's Bench, 3 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Dennis Brown, Hesburgh-Yusko Scholars Program to seek new director to replace retiring Joseph Buttigieg, in Notre Dame News, 15 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2019.
  5. ^ (EN) Justin L. Mack, Pete Buttigieg: What you need to know about the presidential hopeful, in Indianapolis Star.
  6. ^ Pete Buttigieg Has His Eye On The Prize, in indianapolismonthly.com, 16 dicembre 2018. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  7. ^ Winning Between The Lines, in The New York Times, 10 luglio 2004. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  8. ^ a b The most interesting mayor you’ve never heard of, in The Washington Post, 10 marzo 2014. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  9. ^ GovFresh names Buttigieg mayor of the year, in wndu.com, 22 gennaio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  10. ^ Meet Pete Buttigieg: A gay mayor, Afghan War vet and millennial who's running for president, in NBC, 23 gennaio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  11. ^ Mayor Buttigieg Reports Being Back on US Soil, in southbendvoice.com, 24 settembre 2014. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  12. ^ The First Gay President?, in The New York Times, 12 giugno 2016. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  13. ^ South Bend Mayor Pete Buttigieg wins re-election, in wndu.com, 3 novembre 2015. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  14. ^ With 2020 looming, South Bend mayor Pete Buttigieg says he won't seek third term, in CNN, 17 dicembre 2018. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  15. ^ Who is Pete Buttigieg? Indiana mayor and war veteran launches bid to become first gay US president, in The Independent, 23 gennaio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  16. ^ Pete Buttigieg si è ufficialmente candidato alle primarie del Partito Democratico americano, in Il Post, 15 aprile 2019. URL consultato il 15 aprile 2019.
  17. ^ Pete Buttigieg, gay sposato e cattolico, è il nuovo volto dei democratici USA, su ilfattoquotidiano.it, 20 aprile 2019.
  18. ^ (EN) Zack Beauchamp, Pete Buttigieg makes the case for “democratic capitalism”, su Vox, 28 marzo 2019. URL consultato il 1º aprile 2019.
  19. ^ (EN) Jessica Yarvin, What does Pete Buttigieg believe? Where the candidate stands on 7 issues, su PBS NewsHour, 15 febbraio 2019. URL consultato il 29 marzo 2019.
  20. ^ South Bend Mayor: Why Coming Out Matters, in Huffington Post, 16 giugno 2015. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  21. ^ Pete Buttigieg Might Be President Someday. He’s Already Got the First Man., in The New York Times, 18 giugno 2018. URL consultato il 19 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3604154075989911860000 · LCCN (ENn2018061520 · GND (DE1184475768 · WorldCat Identities (ENn2018-061520