Deb Haaland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Deb Haaland
Deb Haaland official portrait, 116th congress 2.jpg

54° Segretario degli Interni degli Stati Uniti d'America
In carica
Inizio mandato 17 marzo 2021
Presidente Joe Biden
Predecessore David Bernhardt

Membro della Camera dei Rappresentanti - Nuovo Messico, distretto n.1
Durata mandato 3 gennaio 2019 –
16 marzo 2021
Predecessore Michelle Lujan Grisham

Dati generali
Partito politico Democratico
Titolo di studio Laurea in inglese
Dottorato in giurisprudenza
Università Università del Nuovo Messico
Firma Firma di Deb Haaland

Debra Anne Haaland, detta Deb (Winslow, 2 dicembre 1960) è una politica statunitense, segretario degli Interni nella presidenza Biden.

È stata anche membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Nuovo Messico dal 2019 al 2021.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Arizona, figlia di una nativa americana della tribù Pueblo[1] e di John David ‘Dutch’ Haaland, Deb Haaland crebbe con i suoi tre fratelli[2]. Laureatasi in giurisprudenza presso l'Università del Nuovo Messico, fu amministratrice tribale di San Felipe Pueblo.

Entrata in politica con il Partito Democratico, nel 2014 fu candidata alla carica di vicegovernatore del Nuovo Messico ma il ticket composto da lei e dal candidato governatore Gary King perse contro quello repubblicano formato da Susana Martinez e John Sanchez[3].

Nel 2015 la Haaland fu eletta presidente del Partito Democratico del Nuovo Messico[4] e restò in carica per un mandato di due anni.

Nel 2018 annunciò la propria candidatura alla Camera dei Rappresentanti per il seggio lasciato da Michelle Lujan Grisham, candidatasi alla carica di governatore del Nuovo Messico. La Haaland riuscì a prevalere sull'avversaria repubblicana con un margine di scarto di oltre venti punti percentuali[5] e divenne così la prima donna nativa americana ad essere eletta al Congresso, insieme alla collega del Kansas Sharice Davids[6][7][8].

Segretario degli Interni[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 dicembre 2020 è stata nominata da Joe Biden come segretario degli Interni nella sua nuova amministrazione. Viene confermata dal Senato il 15 marzo 2021 con 51 sì e 40 no, prestando giuramento due giorni dopo. Il giorno stesso della sua conferma al Senato rassegna le dimissioni da deputata.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Haaland ha una figlia, Somáh, che ha cresciuto da sola.[9] Gli hobby di Haaland includono la maratona e la buona cucina. È cattolica.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Debra Haaland Could Make History as Lt. Gov. of NM, su newsmaven.io. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Haaland Obituary, su obits.abqjournal.com. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) Former state Democratic Party chairwoman Haaland plans run for Congress, su abqjournal.com. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  4. ^ (EN) Democrats elect Haaland state party chairwoman, su abqjournal.com. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  5. ^ (EN) Official Results General Election - November 6, 2018, su electionresults.sos.state.nm.us. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  6. ^ Le democratiche Davids e Haaland fanno la storia: prime donne native americane al Congresso, su rainews.it. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  7. ^ Chi sono Sharice Davids e Deb Haaland, le native americane elette al Congresso, su letteradonna.it. URL consultato l'11 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  8. ^ (EN) Democrat Deb Haaland's win in New Mexico is historic, su vox.com. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  9. ^ (EN) NM Democratic Chair Haaland Statement On Marriage Equality, in KRWG, 26 giugno 2015. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  10. ^ (EN) Haaland condemns students' behavior toward Native elder at Indigenous Peoples March, su The Hill, 19 gennaio 2019. URL consultato il 4 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1494157162094778980006 · LCCN (ENno2020048690 · GND (DE1197089349 · WorldCat Identities (ENlccn-no2020048690