Lloyd Austin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lloyd James Austin III
Defense Secretary Lloyd J. Austin III (50885754687).jpg

28º Segretario della Difesa degli Stati Uniti
In carica
Inizio mandato 22 gennaio 2021
Presidente Joe Biden
Predecessore Mark Esper

12º Comandante dello United States Central Command
Durata mandato 22 marzo 2013 –
30 marzo 2016
Presidente Barack Obama
Predecessore Jim Mattis
Successore Joseph Votel

Dati generali
Titolo di studio Accademia militare
Università Università di Auburn, United States Army Command and General Staff College, Accademia militare di West Point, United States Army War College e Webster University
Professione Militare
Lloyd James Austin III
General Lloyd Austin III.jpg
NascitaMobile, 8 agosto 1953
Dati militari
Paese servitoStati Uniti Stati Uniti
Forza armataFlag of the United States Army.svg United States Army
Anni di servizio1975 - 2016
GradoGenerale
GuerreGuerra in Iraq
Guerra in Afghanistan
Operazione Inherent Resolve
Comandante diVice-capo di stato maggiore dell'Esercito degli Stati Uniti
United States Central Command
United States Forces- Iraq
Multi-National Corps – Iraq
XVIII Airborne Corps
10th Mountain Division
3rd Brigade, 82nd Airborne Division
2nd Battalion, 505th Parachute Infantry Regiment
DecorazioniArmy Distinguished Service Medal (4)
Studi militariUnited States Military Academy
voci di militari presenti su Wikipedia

Lloyd James Austin III (Mobile, 8 agosto 1953) è un ex generale e politico statunitense segretario della Difesa degli Stati Uniti dal 22 gennaio 2021.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Austin è nato nel 1953 a Mobile, Alabama, ed è cresciuto a Thomasville, in Georgia. Si è laureato presso l'Accademia Militare degli Stati Uniti (West Point) con un Bachelor of Science nel 1975. In seguito ha conseguito un Master of Arts in formazione per consulenti presso il College of Education della Auburn University nel 1986 e un Master in Business Administration in gestione aziendale presso la Webster University nel 1989.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea a West Point, Austin fu assegnato con il grado di sottotenente alla 3ª Divisione di fanteria meccanizzata in Germania. In seguito è stato assegnato alla 82ª divisione aviotrasportata a Fort Bragg, nella Carolina del Nord, dove ha comandato la Compagnia di supporto al combattimento, 2º battaglione (Airborne), 508º fanteria e ha servito come assistente S- 3 (Operazioni) per la 1ª Brigata, 82ª Divisione aviotrasportata. Nel 1981, Austin fu assegnato a Indianapolis, Indiana, dove era l'ufficiale delle operazioni per il Comando di reclutamento del distretto di Indianapolis dell'esercito. Dopo aver completato questo incarico, ha frequentato la Auburn University, dove ha completato gli studi per un master in pedagogia. Fu quindi assegnato all'Accademia militare di West Point, New York, dove prestò servizio come ufficiale tattico della compagnia per l'E-1.

Il Brigadiere Generale Lloyd Austin durante l'incontro con il Segretario della Difesa Donald Rumsfeld a Kabul, in Afghanistan, il 4 dicembre 2003

Dopo la sua selezione e il successivo completamento dell'Esercito Command and General Staff College, Fort Leavenworth, Kansas, è stato assegnato alla 10th Mountain Division (fanteria leggera), Fort Drum, New York, dove ha servito come S-3 (operazioni) e successivamente ufficiale esecutivo per il 2º Battaglione, 22º Fanteria. Nel 1993, Austin tornò nella 82ª divisione aviotrasportata a Fort Bragg, nella Carolina del Nord, dove comandò il 2º battaglione (aviotrasportato), 505º fanteria. In seguito ha comandato la 3ª Brigata, 82ª Divisione aviotrasportata a Fort Bragg, North Carolina.

Poco dopo il comando della brigata, fu assegnato al Pentagono ad Arlington, in Virginia, dove prestò servizio come capo della divisione operazioni congiunte, J-3, nello stato maggiore. Il suo incarico successivo è stato come Assistente comandante della divisione per la manovra (ADC-M), 3ª divisione di fanteria (meccanizzata), Fort Stewart, Georgia. Come ADC-M, ha contribuito a guidare l'invasione dell'Iraq da parte della divisione nel marzo 2003. Austin è stato premiato con una Silver Star per le sue azioni come comandante durante l'invasione.

Austin ha servito dal settembre 2003 all'agosto 2005 come comandante generale della 10ª divisione da montagna (fanteria leggera), con incarico come comandante della Combined Joint Task Force 180, durante la guerra in Afghanistan. La sua posizione successiva è stata quella di capo di stato maggiore del Comando centrale degli Stati Uniti presso MacDill AFB, a Tampa, in Florida, dal settembre 2005 all'ottobre 2006.

Vice President Joe Biden, Austin, and Command Sergeant Major Earl Rice, at an event marking the award of the Iraq Commitment Medal in December 2011
Il vice presidente Joe Biden, Llyod Austin, e il sergente maggiore Earl Rice, in Iraq nel 2011

L'8 dicembre 2006, Austin è stato promosso tenente generale e ha assunto il comando del XVIII Airborne Corps, Fort Bragg, North Carolina. Nel febbraio 2008, Austin è diventato il secondo comandante di grado più alto in Iraq, prendendo il comando del Corpo multinazionale - Iraq (MNC-I). In qualità di comandante della MNC-I, ha diretto le operazioni in tutti i settori dell'Iraq. Austin ha ceduto il comando del XVIII Corpo per diventare Direttore dello Stato Maggiore Congiunto nell'agosto 2009.

Comandante generale in Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2010, Austin è diventato il comandante generale (CG) delle forze armate degli Stati Uniti - Iraq (USF-I) durante una cerimonia al Palazzo Al-Faw a Baghdad. Ha preso il posto del generale Ray Odierno. [10] [11] In qualità di CG, USF-I, Austin era il comandante militare senior responsabile di tutte le forze della coalizione statunitensi in Iraq. La loro missione era di consigliare, addestrare, assistere ed equipaggiare le forze armate irachene e le agenzie di sicurezza che fanno parte del ministero dell'Interno. Come comandante, Austin ha richiesto una presenza di truppe aggiuntive in Iraq da 14.000 a 18.000.

Il gruppo di comando del XVIII Airborne Corps ritorna negli Stati Uniti dall'Operazione Iraqi Freedom nell'aprile 2009; Austin è in primo piano

Austin ha supervisionato la transizione dall'Operazione Iraqi Freedom e le operazioni di combattimento all'Operazione New Dawn e le operazioni di stabilità incentrate sulla consulenza, l'assistenza e l'addestramento delle ISF. È stato ampiamente coinvolto nelle discussioni interne degli Stati Uniti e poi nei negoziati con il governo iracheno che hanno portato alla firma dell'Accordo di partenariato strategico. Opponendosi al ritiro totale degli Stati Uniti, Austin preferì che gli Stati Uniti mantenessero oltre 10.000 soldati in Iraq dopo il 2011 e approvò la pianificazione del personale per un massimo di 20.000 soldati. Ha diretto il ritiro delle forze e la ridistribuzione di circa 50.000 uomini. Austin, insieme ad altri membri dello staff USF-I, lasciò l'Iraq il 18 dicembre 2011.

Prima del CENTCOM, dal 31 gennaio 2012[1] al 22 marzo 2013, il generale Austin è stato il 33° vice capo di stato maggiore dell'esercito degli Stati Uniti ed è stato l'ultimo comandante generale delle forze statunitensi di stanza in Iraq nell'operazione New Dawn, che si è conclusa il 18 dicembre 2011.

Segretario della Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 dicembre 2020, la stampa ha anticipato la sua nomina a segretario di stato della difesa nell'amministrazione di Joe Biden[2]. È entrato in carica il 22 gennaio 2021.

Austin mentre giura come Segretario della Difesa al Pentagono il 22 gennaio 2021

Essendosi ritirato dal servizio militare attivo da meno di 7 anni, è stata approvata una deroga speciale al National Security Act per potergli consentire di ricoprire l'incarico, così come già avvenuto per James Mattis dell'amministrazione Trump[3] e ancor prima, nel 1950, per il generale Marshall, scelto da Harry Truman.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Cattolico, descritto come un uomo "intensamente riservato", Austin è sposato da oltre 40 anni con Charlene Denise Banner. Charlene ha fatto parte del Military Family Research Institute presso la Purdue University. Hanno due figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Austin sworn in as vice chief of staff, su www.army.mil. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  2. ^ (EN) Katie Benner, Michael S. Schmidt e Peter Baker, Transition Highlights: Biden Plans to Pick Lloyd Austin, Former Iraq Commander, for Defense Secretary, in The New York Times, 7 dicembre 2020. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  3. ^ (EN) Dan Lamothe, Trump picks retired Marine Gen. James Mattis for secretary of defense, in Washington Post, 1º dicembre 2016, ISSN 0190-8286 (WC · ACNP). URL consultato l'8 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171788907 · LCCN (ENno2011091741 · GND (DE1224680987 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011091741