Liceo scientifico Torquato Taramelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Liceo scientifico Torquato Taramelli
Pic Ingresso liceo scientifico Torquato Taramelli Pavia.jpg
SoprannomeLiceo scientifico Taramelli
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàPavia
IndirizzoVia Mascheroni, 51
Organizzazione
TipoIstituto d'Istruzione Superiore Statale
PresideSilvana Fossati
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°11′12.62″N 9°09′09.39″E / 45.186839°N 9.152608°E45.186839; 9.152608

Il Liceo scientifico Taramelli, unico indirizzo scientifico presente a Pavia fino al 1980, è divenuto statale solo dopo il 1923. Situato nel centro storico della città, l'istituto prende il nome dal geologo Torquato Taramelli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale liceo si trova in quello che a partire dal XV secolo era un florido convento carmelitano in cui era tenuta una scuola di teologia di preparazione alla laurea. Nel XVII secolo il convento fu sede di una facoltà di filosofia (come rivela un tesario del 1695). A partire dal 1799 fu poi sede delle scuole Normali e alloggio degli insegnanti.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura dell'edificio è costituita da un porticato sorretto da ventidue colonne, abbellite da alcuni semplici capitelli. Nel centro del cortile si trova un grande cedro del Libano che sovrasta tutta la struttura e allo stesso tempo dà una certa armonia e quiete al porticato. Il cortile è collegato (assieme a tutta la struttura) direttamente sia alla piazza del Carmine (a pochi passi dall'istituto) sia all'interno della chiesa che dà sulla piazza.

Chiostro[modifica | modifica wikitesto]

Chiostro del liceo

Il convento si estendeva su tutto il fianco destro della chiesa del Carmine. Chiesa e Convento costituivano una sorta di isola circoscritta da: Piazza del Carmine, Via Mascheroni, Via XX Settembre, Largo Panizza, Via Roma. Ben poco rimane però dello stabile precedente, sopravvivono unicamente due porte, attigue alla chiesa. Nel 1700 a causa di esigenze scolastiche il Chiostro venne trasformato in sede di facoltà filosofica. Lo stabile venne successivamente modificato costruendo due portali archiacuti in terracotta che sono tutt'oggi visibili, uno dalla sacrestia e l'altro nella settima Cappella di destra come comunicazione tra il Chiostro e la Chiesa. Edificato presumibilmente nel 1461 conserva tuttora l'aspetto quattrocentesco: la galleria è retta da massicce volte che sorreggono le strutture sovrastanti e serve da pausa tra due ambienti che hanno funzioni diverse. Tramite un passaggio coperto il chiostro è collegato alla piazza, di forma quadrangolare, circondata da strettoie alternate a sequenze di colonne e arcate. Al centro del cortile si trova un Cedro del Libano.

L'attendibilità delle fonti può essere verificata sul sito della Diocesi della Chiesa del Carmine di Pavia, e dalla ricerca effettuata dal professor Giorgio Pavido, insegnante di disegno e vicepreside ormai in pensione alla scuola statale "Torquato Taramelli" di Pavia, effettuata su basi cartacee reperibili nelle biblioteche pavesi e documenti depositati all'interno della scuola stessa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]