Asilo Mariuccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Asilo Mariuccia è un'istituzione aconfessionale italiana fondata nel 1902 a Milano per iniziativa di Ersilia Bronzini meglio nota quale Ersilia Majno, moglie di Luigi Majno, seguendo le ultime volontà della figlia Maria, familiarmente detta Mariuccia, morta a 13 anni di difterite nel giugno 1901.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ersilia Majno Bronzini (la seconda nella foto)

Nato con l'obiettivo di "addestrare all'emancipazione le fanciulle pericolanti", l'Asilo Mariuccia venne fortemente sostenuto dalle militanti dell'Unione femminile nazionale (UFN), un'associazione emancipazionista milanese di matrice socialista, fondata nel 1899, che raccoglieva le varie organizzazioni emancipazioniste operaie, per tutelare i diritti delle donne, sia in ambito sociale, sia negli ambienti di lavoro.

Nel 1901 si costituì, all'interno dell'Unione, la sezione milanese del Comitato contro la tratta delle bianche, che si batteva contro la prostituzione. In seguito a studi e indagini condotti sul fenomeno, alcuni membri del comitato ebbero l'idea di creare un rifugio che potesse accogliere, senza vincoli burocratici e senza distinzioni di religione o nazionalità, le giovani che si trovassero a vivere in ambienti "moralmente malsani" ed esposte al rischio di essere introdotte alla prostituzione.

All'epoca della fondazione vi erano a Milano altre cinque istituzioni dedicate al ricovero e recupero delle minorenni con precedenti di prostituzione o provenienti da ambienti familiari a rischio. Tutte queste istituzioni erano accomunate dall'avere origine di tipo filantropico/pietista; in altre parole, intervenivano sul bisogno immediato ma non si proponevano di porre le basi per un recupero delle ricoverate.

Fu la poetessa Ada Negri a tenere il discorso inaugurale dell'Asilo nel 1902.

Oggi l'Asilo Mariuccia è una Fondazione e una ONLUS.

Modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione "Asilo Mariuccia", piuttosto diffusa nel gergo lombardo e soprattutto milanese, ha col tempo assunto un significato ironico per indicare un asilo d'infanzia ("questi sono discorsi da Asilo Mariuccia!", nel senso di "questi sono discorsi infantili") o una situazione in cui molti si comportano in modo infantile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]