Lee Adamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lee Adamo
Lee Adamo.png
UniversoBattlestar Galactica
SoprannomeApollo
Autori
1ª app. inPrima parte (miniserie)
Ultima app. inL'ultimo salto (serie)
Interpretato daJamie Bamber
Specieumana
SessoMaschio
Luogo di nascitaCaprica
ProfessionePilota di Viper, Comandante della Pegasus
AffiliazioneFlotta Coloniale

Leland Joseph "Lee" Adamo (Adama nella versione originale, nome di battaglia "Apollo") è un personaggio della serie televisiva Battlestar Galactica, interpretato dall'attore Jamie Bamber. È uno dei personaggi principali della serie.
Rappresenta il remake del personaggio di Capitan Apollo dell'originale serie del 1978 Galactica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'attacco[modifica | modifica wikitesto]

Lee Adama è nato da William Adama, un veterano della Prima guerra del Cylon, e da sua moglie, Carolanne Adama. Aveva anche un fratello minore, Zak Adama. Il loro padre incoraggiava fortemente entrambi i ragazzi ad entrare nella Flotta Coloniale e diventare piloti di Viper. Sfortunatamente, Zak non era un pilota naturale come suo fratello e suo padre , e fu ucciso in un incidente dopo essere stato premiato con il miglior giudizio del suo istruttore di volo e sua fidanzata, l'allora tenente Kara "Starbuck" Trace. La morte di Zak complico il rapporto tra Lee e suo padre, rapporto che sarebbe stato guarito solo due anni dopo, dopo la Caduta delle Dodici Colonie.

Dopo l'attacco[modifica | modifica wikitesto]

Al momento dell'attacco dei Cylon sulle Dodici Colonie, Lee Adamo è un Capitano nella Riserva della flotta coloniale con il segnale di chiamata "Apollo". È un ospite speciale alla cerimonia di smantellamento del Galactica, comandata da suo padre. Dopo che il maggiore Jackson "Ripper" Spencer, il CAG della Galactica (comandante del gruppo aereo) viene ucciso in battaglia, Lee Adama diventa pilota senior , quindi si unisce all'equipaggio della Galactica e diventa il suo CAG.

Il rapporto teso di Lee Adama con suo padre lo fa anche diventare un forte sostenitore della presidente coloniale Laura Roslin, che spesso si scontra con William Adamo. Roslin, che non conosce i militari, nomina Lee Adama come suo consigliere personale.

All'inizio della loro relazione, la presidente Laura Roslin si riferiva spesso a Lee Adamo come "Capitan Apollo". Una volta Lee la corresse, affermando che "Apollo" era il suo segnale di chiamata, ma il presidente Roslin rispose "Il Capitano Apollo ha un bel suono". Dopo essersi unito all'equipaggio della Galactica, Apollo era un po' un outsider, ma dopo essersi dimostrato in diverse missioni, oltre al "figlio del vecchio", si guadagnò il rispetto dei suoi compagni di piloti e presto divenne uno dei membri dell'equipaggio.

Quando Kara Thrace scompare dopo essere stata abbattuta su una luna rossa , Lee è in prima linea nella ricerca del pilota scomparso. Alla fine Lee e suo padre sono costretti ad abbandonare la ricerca di Starbuck dopo che il presidente Roslin li ha avvertiti su come stanno mettendo i sentimenti personali al di sopra del bene della flotta. Fortunatamente, Starbuck è in grado di tornare al Galactica usando un Cylon Raider che ha abbattuto. L'incidente cementa il legame padre-figlio tra William Adama e il figlio sopravvissuto. Lee domanda per quanto tempo suo padre lo avrebbe cercato, se fosse scomparso, a cui l'anziano Adama risponde, "Se fossi stato tu, non andremmo mai via."

Lee fa parte della squadra d'assalto inviata dall'allora Comandante Adama al Coloniale Unp per porre fine alla presidenza di Laura Roslin dopo aver incoraggiato Kara Thrace a scappare con un Cylon Raider catturato. A bordo di Coloniale Uno, Lee cambia idea, dichiarando che non vale la pena sacrificare la democrazia. Punta la pistola al colonnello Saul Tigh. Tigh prende il controllo della situazione dopo che la Roslin si è arresa ed è in grado di prendere in custodia sia Roslin che Lee.

Lee è presente nel CIC della Galactica poco dopo, quando l'infiltrato Cylone conosciuto come Sharon "Boomer" Valerii spara al comandante Adama due volte al petto; nonostante il suo disaccordo con suo padre sulla deposizione della Roslin, cerca di confortare suo padre dopo essere stato colpito.Su ordine di Tigh, Lee viene trascinato fisicamente via da suo padre e gettato in prigione. Avendo bisogno dei servizi di Lee come CAG, Tigh rilascia successivamente Lee su parole. Lee eseguirà i suoi compiti come prima,e ritornerà in prigione quando non sarà in servizio.

Nondimeno, Lee interrompe la sua libertà condizionale dopo che la leadership di Tigh ha compiuto una svolta disastrosa e ha provocato morti tra i civili. Aiuta la Roslin a guidare una flotta separatista a Kobol. Dopo che il comandante Adama e il presidente Roslin si sono impegnati personalmente a guarire le divisioni della flotta, Lee torna in servizio su Galactica. Lee è una delle cinque persone che vedono in prima persona la mappa per la Terra nella Tomba di Atena su Kobol.

Dopo che la BaseStellare Pegasus si è unita alla flotta, Lee viene temporaneamente trasferito alla Pegasus e viene persino retrocesso a tenente. Tutte queste disgrazie si sono invertite dopo il successo dell'attacco alla nave Cylon Resurrection, la morte dell Ammiraglio Helena Cain e la promozione di suo padre alla carica.

Mentre è in ferie sul transatlantico di lusso Cloud 9, Lee viene accidentalmente colpito da Kara Thrace durante un salvataggio di ostaggi . Prende quasi un mese per riprendersi da questa ferita, durante la quale viene promosso a maggiore e consuma il suo rapporto a lungo bollente con Anastasia Dualla. Viene assegnato alla Pegasus per assistere il nuovo ufficiale comandante,Barry Garner. Dopo aver comandato con successo la nave durante un attacco a sorpresa ai Cyloni in cui è stato ucciso Garner, Lee viene rapidamente promosso da Maggiore a Comandante e gli viene dato il comando della Pegasus.

New Caprica e il secondo esodo[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima delle elezioni presidenziali tra la Roslin e Baltar, la flotta scopre un pianeta abitabile all'interno di una nebulosa, presumibilmente al sicuro dalla scoperta dei Cyloni, che si chiama New Caprica. Dopo che Gaius Baltar vince le elezioni presidenziali, ordina la creazione di insediamenti permanenti sul pianeta. La Galactica e la Pegasus iniziano una monotona pattuglia di difesa orbitale.

Mesi dopo, Lee e Kara Thrace si ubriacano a una festa per celebrare la cerimonia inaugurale della prima palata di terra su New Caprica. Fanno l'amore, dichiarano il loro amore gli uni per gli altri e si addormentano insieme; tuttavia, Kara si sveglia prima e se ne va. Quando Lee si sveglia e torna al villaggio, trova Kara che ha sposato Samuel Anders. Questo tradimento provoca una rottura nel rapporto tra Adama e Trace. Prende a mangiare troppo e ingrassa molto, inoltre sposa il suo nuovo primo ufficiale, Anastasia Dualla, ora tenente di grado Junior.

Otto mesi dopo i Cyloni trovano New Caprica e prendono il controllo dei coloni. Con solo un equipaggio ridotto, Lee è costretto a fuggire con il resto della flotta sperando di tornare di nuovo per combattere i Cylon e salvare la popolazione civile.

Quattro mesi dopo, mentre il Galactica e la Pegasus stavano progettando di salvare i civili intrappolati su New Caprica, anche l'impatto psicologico dell'anno scorso è evidente: dopo essere stato in gran forma fisica, Lee è diventato sovrappeso, sentimentale e "morbido" , al punto in cui interferisce con la sua capacità di comandare la Pegasus. Quando viene stabilito il contatto con il movimento di resistenza su New Caprica,a Lee viene ordinato da suo padre di prendere il Pegaso e continuare la ricerca della Terra mentre la Galactica tenta di liberare il pianeta. Quando Galactica è vicino alla distruzione, Lee e la Pegasus vengono in soccorso, dando tempo alla nave di suo padre di saltare fuori. Sotto il pesante fuoco di quattro Cylon Basestars, il Pegasus è gravemente danneggiato, avendo lasciato i suoi Viper per difendere il resto della flotta. Lee ordina all'equipaggio di abbandonare la nave, dicendo "Grazie" alla sua nave proprio mentre si allontana. Il Pegasus si schianta su una basestar Cylone, distruggendo istantaneamente entrambe le navi, e un grosso pezzo di relitto danneggia o distrugge una seconda basestar.

Il primo ruolo di Lee dopo il salvataggio della popolazione civile sembra essere collegato alla conduzione di una specie di conteggio o di censimento dei civili salvati. È in questa veste che nota che alcuni sopravvissuti confermati sono scomparsi, essendo stati giustiziati da The Circle per aver collaborato con i Cyloni. Torna quindi al ruolo di CAG del Galactica, con il grado di maggiore. Dopo un duro allenamento fisico, perde l'eccesso di peso accumulato durante l'anno precedente e chiede al capitano Karl "Helo" Agathon di ricordargli di non lasciarsi mai più andare così.

Lee sostiene l'uso di Cyloni catturati infettati da un ceppo di encefalite linfocitica come armi biologiche per sterminare la razza Cylone. Il suo piano è approvato dal presidente Roslin, ma viene contrastato dal capitano Karl "Helo" Agathon, all'epoca ufficiale esecutivo della Galactica.

La forza rinnovata del suo legame con suo padre viene mostrata quando suo padre sceglie di confessare a Lee le sue paure che potrebbe aver inavvertitamente provocato l'assalto dei Cyloni sulle Colonie.

Abbandono della Flotta Coloniale e aspirazioni legali[modifica | modifica wikitesto]

Tuttavia, questa relazione padre-figlio si affievolisce dopo la morte di Kara Thrace, che Lee ha amato e che Adama considerava più simile a una figlia. Mentre entrambi si addolorano, Lee è visibilmente scosso dalla morte, mentre Adama fa del suo meglio per superarlo. Quando Adama si rende conto che suo figlio è diventato sconvolto dalla sua morte, lo allontana dal servizio di volo, assegnando a Lee l'incarico di dirigere i dettagli della sicurezza per l'avvocato difensore di Gaius Baltar, il cui processo Adama considera poco più che un esercizio di pubbliche relazioni . Lee sospetta che suo padre sia iperprotettivo, non desiderando di perderlo come ha fatto con Kara. Dopo due tentativi di omicidio sull'ultimo avvocato di Baltar, Romo Lampkin, viene scoperto il colpevole. Adama poi reintegra Lee come CAG, non volendo esporlo ai pericoli di più potenziali tentativi di assassinio. Lee, tuttavia, è diventato molto interessato alla legge coloniale a questo punto, dopo aver letto alcuni dei libri di legge di suo nonno, e crede che potrebbe aiutare Lampkin a preparare il caso. Adama resiste, ma Lee si rifiuta di riprendere i suoi doveri come CAG e si unisce al team legale.

All'inizio del processo, l'Ammiraglio Adama è furioso nel constatare che Saul Tigh, ora un testimone, è costretto ad ammettere di aver ucciso sua moglie su New Caprica. Incolpa Lee, credendo che suo figlio abbia dato le informazioni a Lampkin. Adama vuole che Lee smetta di aiutare Baltar, ma Lee rifiuta, alla fine rinunciando alla sua commissione dopo che Adama afferma apertamente che Lee non ha integrità, e che è "un vigliacco" per aver presumibilmente lasciato che Romo interrogasse Saul.

Mettendo l'uniforme alle sue spalle, Lee inizia a considerare il processo più come un esercizio di giustizia piuttosto che come una prova di un uomo specifico, e riprende personalmente il controinterrogatorio della Presidente Laura Roslin, confrontandola con il suo rinnovato uso di estratto di chamalla, composto che lei sostiene sia un trattamento per la sua ricaduta del cancro. Questa mossa, pur giustificata nella mente di Lee per preservare la giustizia nella flotta, mette ulteriormente a dura prova la sua relazione con suo padre e la Roslin e motiva sua moglie, Dualla, a lasciarlo definitivamente.

Dopo la deposizione di Laura, Lee è l'ultimo testimone chiamato, in seguito allo spergiuro di Felix Gaeta nel dichiarare che il presidente Baltar ha volontariamente firmato un mandato di esecuzione di massa. Lee proclama in tribunale che quasi tutti coloro che occupano posizioni di potere in tutta la flotta, compreso se stesso, sono colpevoli di omicidio e tradimento in una certa misura; poiché Baltar è ampiamente insultato nella società della flotta, la civiltà umana sta facendo da capro espiatorio all'ex presidente nel tentativo di eliminare la sua colpa e la sua vergogna. Alla fine, Lee si rende conto di essere stato manipolato da Lampkin, che con audacia predisse a Baltar di non avere un alleato più grande di un figlio che cercava di fuggire dall'ombra di suo padre.

Dopo l'assoluzione di Baltar, la Flotta viene nuovamente scoperta dai Cyloni. Nonostante abbia rinunciato alla sua commissione, Lee indossa una tuta di volo per aiutare a difendere la flotta dai Cyloni. Mentre è in volo, nota qualcosa sulla sua ala, che scopre essere un Viper, pilotata da Kara Thrace. Lei procede per dirgli "Va tutto bene, non esagerare, sono davvero io, sono stata sulla Terra, so dov'è, e ci porterò lì".

Mentre rivede il filmato della sua macchina da presa, Lee dice a suo padre che dal processo di Baltar, sente di poter fare di più al di fuori dell'esercito, anche se suo padre si offre di restituire le ali. Adama è visibilmente turbato ma alla fine concede i desideri di suo figlio.

Alla festa di "raduno" di Lee, beve diversi toast al Galactica, ai suoi amici, all Ammiraglio Adama, alla Flotta e "agli amici assenti". Mentre lascia la Galactica, i piloti e il personale del Comando lo salutano mentre sale a bordo del Raptor portandolo fuori dalla nave. Dualla gli regala le ali di Viper in una cornice e, mentre la abbraccia, dice "Beh, sembra che tu abbia la casa".

Lee inizia la sua carriera politica come delegato di Caprica nel Quorum dei Dodici. Dopo la scomparsa del presidente Roslin a bordo della base dei Cyloni, Lee cerca un candidato presidenziale alternativo a Zarek ancora in corsa. Dopo un teso confronto con un disperato Romo Lampkin, durante il quale viene informato della sua nomina con una pistola alla testa, Lee accetta la sua candidatura. A bordo del Colonial One, Lee Adama viene inaugurato come Presidente facente funzioni delle Dodici Colonie di Kobol.

Terra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritorno di suo padre a Galactica, il presidente Adama si trova di fronte a una crisi ostaggio istigata dal Cylone D'Anna. Esige che i quattro Cyloni all'interno della flotta coloniale si rivelino e si dirigano verso la nave da guerra Ribelle; fino a quel momento, un ostaggio coloniale sulla nave base sarebbe stato ucciso ogni 15 minuti.

Il crollo nervoso di suo padre alla luce della confessione di Tigh ha dato a Lee il sopravvento. Entro breve tempo, aveva tre degli ultimi cinque in piedi in una camera di prigionia. D'Anna fu spinta disperatamente in un angolo e si preparò a mettere a bomba la flotta civile; lo scontro sembrava senza speranza fino a quando Starbuck non si presentò con le coordinate sulla Terra. Lee riteneva che la divulgazione delle informazioni servisse solo a prolungare una guerra inutile, quindi condivise la scoperta con D'Anna.

L'arrivo sulla Terra della Flotta fu un'esperienza dolceamara per Adama. La gioia, l'euforia e il sollievo si trasformarono rapidamente in sgomento e orrore nel vedere un paesaggio urbano devastato.

Dopo il ritorno a Galactica, Lee e la sua ex-moglie Anastasia Dualla condividono una riconciliazione e fanno un "appuntamento". Dopo che Lee se ne va, Dualla si spara, desiderando aggrapparsi alla riconciliazione come al suo ultimo ricordo.

Sulla scia del fallito colpo di stato di Tom Zarek, Lee è nominato Vice Presidente delle Colonie dalla Presidente Laura Roslin, e viene chiarito che mentre lei manterrà il titolo di Presidente, Lee gestirà il carico maggiore.

Quando l'Ammiraglio Adama decide di condurre una possibile missione di salvataggio a senso unico per Hera e chiede volontari, Lee è il primo a farsi avanti. Conduce una delle squadre d'assalto direttamente nella Colonia per recuperare Hera e riesce a riportarla in salvo alla Galactica. Quando la flotta raggiunge la seconda Terra, Lee è quello che propone ai sopravvissuti di abbandonare le loro navi e la loro tecnologia e cogliere l'occasione per rompere il ciclo di violenza e iniziare la vita con una lavagna pulita. I sopravvissuti accettano il piano e lasciano volentieri distruggere la flotta mentre si stabiliscono sulla Terra con nient'altro che i vestiti sulla schiena e le scorte che possiedono. Con una nuova possibilità di vita, Lee esprime interesse per l'esplorazione del nuovo pianeta.

Caratterizzazione umana e politica[modifica | modifica wikitesto]

Nelle ipotesi iniziali di Ronald D. Moore, Lee non avrebbe avuto sin dall'inizio una folgorante carriera militare[1] e nonostante il cambio di rotta l'impostazione di base non è stata accantonata, facendone un ago della bilancia nel delicato equilibrio tra potere militare e potere civile nella flotta coloniale.

Il personaggio si configura come amante della pace («mai felice come quando è ai fornelli», secondo la biografia ufficiale[1]), idealista, con un alto senso del dovere nei confronti della patria, della flotta e della famiglia, fintanto che i suoi ideali e il suo libero arbitrio non acquisiscano la priorità, anche a scapito dei rapporti con i suoi cari come suo padre o sua moglie, con conseguenze come un ammutinamento[2] o un divorzio[3]. Le sue inclinazioni diventano esplicite quando rassegna definitivamente le dimissioni come pilota e diventa rappresentante di Caprica nel Quorum dei Dodici, nonché in seguito Presidente ad interim. Il suo lato più controverso viene a galla quando gli sceneggiatori rivelano l'abbandono della sua ex-fidanzata, dopo la scoperta della sua gravidanza, e la sua relazione con una prostituta.[4]

Lee Adamo risulta essere una voce democratica e liberale; nonostante la sua critica nei confronti del terrorismo, Lee appoggia l'ex terrorista Tom Zarek nella richiesta di elezioni, durante il lungo interim del Presidente delle Dodici Colonie Laura Roslin. Si macchia di ammutinamento quando si ribella a suo padre che ha imposto la legge marziale.[2] Si fa portavoce del garantismo quando, andando contro l'opinione pubblica, si schiera nella difesa di Gaius Baltar, recidivo traditore della razza umana.[5] Per contro, pur di mettere fine alla guerra, si fa promotore dell'uso di un'arma biologica capace di provocare il genocidio dei Cyloni.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lee Adama on battlestarwiki.org, su en.battlestarwiki.org. URL consultato il 7 dicembre 2010.
  2. ^ a b Vedi l'episodio La freccia di Apollo
  3. ^ Vedi l'episodio Crocevia, parte II
  4. ^ Vedi l'episodio Mercato nero
  5. ^ Vedi l'episodio Anche i figli si ribellano
  6. ^ Vedi l'episodio Il prezzo della salvezza
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione