Aurora (divinità)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aurora in un affresco del Guercino.

Nella mitologia romana, Aurora è la dea dell'aurora. Il suo mito è parallelo a quello della dea greca Eos e della divinità vedica Uṣas.

È figlia del titano Iperione e di Teia e sorella del Sole e della Luna[1][2]. Altri vogliono che fosse figlia di Titano e della Terra. Aurora era la Dea che apriva le porte del giorno e che, dopo aver attaccato i cavalli al carro del Sole, lo precedeva col suo[3]. Inoltre ha molti mariti e quattro figli, i venti: del nord (Borea), dell'est (Euro), dell'ovest (Zefiro) e del sud (Austro).
Uno dei mariti è il vecchio Titone, uomo per il quale la dea aveva ottenuto da Giove l'immortalità, ma, per un errore nella richiesta, non la perenne giovinezza, per cui si vide il marito invecchiare a dismisura al fianco, senza mai morire.

A Roma, il suo culto viene associato a Matuta nella divinità di Mater Matuta[4].

Aurora Trionfante in una tela di Evelyn De Morgan.

La dea Aurora si rinnova ogni mattina all'alba e vola attraverso il cielo, annunciando l'arrivo della mattina; nell’Iliade e nell’Odissea l'arrivo dell'alba è spesso descritto con la formula «apparve Aurora dalle dita di rosa» qui riportata secondo la traduzione di Vincenzo Di Benedetto e Pierangelo Fabrini. «Aurora dalle dita di rosa» è l'epiteto omerico della dea Aurora[5].

Dante Alighieri la nomina nel Purgatorio nel canto II, 9 e nel canto IX, 1 dove è citata come «la concubina di Titone antico».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esiodo, Teogonia, vv. 371-374.
  2. ^ Teia, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  3. ^ F. S. Villarosa, Dizionario mitologico-storico-poetico, vol. I, Napoli, Tipografia Nicola Vanspandoch e C., 1841, p. 53.
  4. ^ Cicerone, Sulla natura degli Dei, III,48.
  5. ^ Omero, Odissea, a cura di Vincenzo Di Benedetto e Pierangiolo Fabrini, BUR, 2012, ISBN 9788817059770, OCLC 879230274.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42643644 · LCCN (ENno2017053233 · GND (DE119240416 · BNF (FRcb15752507c (data) · CERL cnp00550911 · WorldCat Identities (ENviaf-42643644