La bussola d'oro (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La bussola d'oro
La bussola d'oro - Trailer.jpg
Lyra Belacqua e l'orso Iorek Byrnison in una scena del film
Titolo originaleThe Golden Compass
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Regno Unito
Anno2007
Durata113 min
Rapporto2,35:1
Generefantastico, avventura
RegiaChris Weitz
SoggettoPhilip Pullman (romanzo)
SceneggiaturaChris Weitz
ProduttoreBill Carraro, Deborah Forte
Produttore esecutivoMark Ordesky, Robert Shaye, Michael Lynne, Ileen Maisel, Andrew Miano, Paul Weitz, Toby Emmerich
Casa di produzioneNew Line Cinema, Ingenious Film Partners, Scholastic Productions
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaHenry Braham
MontaggioAnne V. Coates, Peter Honess, Kevin Tent
Effetti specialiMichael L. Fink, Bill Westenhofer, Ben Morris, Trevor Wood
MusicheAlexandre Desplat
ScenografiaDennis Gassner, Richard L. Johnson, Anna Pinnock
CostumiRuth Myers
TruccoPeter Swords King
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La bussola d'oro (The Golden Compass) è un film del 2007 diretto da Chris Weitz.

La pellicola fantastica è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Philip Pullman, primo volume della trilogia Queste oscure materie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un universo parallelo dominato da una potente organizzazione, il Magisterium, ogni persona ha al suo fianco un daimon, la propria anima in forma animale, con la quale la persona comunica e che rimane nelle vicinanze a differenza delle streghe che hanno daimon a forma di uccello e che possono anche allontanarsi dall'umano.

Lyra Belacqua è un'orfana e vive nel Jordan College di Oxford con suo zio, Lord Asriel, un ricco scienziato. Insieme al suo daimon Pantalaimon, viene a scoprire l'esistenza della Polvere, una bizzarra particella naturale di cui l'organizzazione ne detiene il potere. Proprio lo zio conosce i poteri della Polvere. Lyra vede un agente del Magisterium spargere del veleno in un vino affinché Lord Asriel lo beva ma Lyra impedisce allo zio di berlo salvandogli così la vita. In seguito Asriel fa una presentazione ad altri studiosi mostrando che la polvere esistente al Polo Nord collega infiniti mondi, dopodiché parte per un'altra spedizione mentre Lyra viene affidata a Marisa Coulter, una donna ricca e potente, ma prima il maestro del college le affida un aletiometro, uno strumento simile a una bussola d'oro, in grado di rispondere a qualsiasi domanda tramite un complesso sistema di simboli; il maestro confessa a Lyra che quello è l'ultimo aletiometro rimasto poiché il Magisterium li ha sequestrati e distrutti tutti e quindi la avvisa di non parlarne mai con nessuno.

Lyra nota che l'aletiometro indica continuamente il simbolo di una donna, un fulmine e un bambino, sebbene non sia in grado di comprenderne il significato. Scopre inoltre che la signora Coulter, all'apparenza buona e gentile, in realtà è un'alleata del Magisterium che ha inviato gli "Ingoiatori" affinché rapiscano bambini poveri, orfani e gyziani (nomadi che abitano nelle imbarcazioni), tra cui Roger (un servo di Oxford), amici di Lyra e Billy Costa, un giovane gyziano per procedere con l'"intercisione", che porta ogni bambino a dividersi dal proprio daimon. Tuttavia la Coulter scopre l'aletiometro e Lyra fugge con l'oggetto inseguita dagli Ingoiatori ma viene raggiunta dalla madre di Billy Costa che la mette in salvo portandola dal re dei Gyziani, John Faa, che con la nave sta andando verso Nord per salvare i bambini catturati mentre la Coulter manda due vespe dorate affinché rintraccino e spiino Lyra ma la ragazza, con l'aiuto dei Gyziani, riesce a bloccarne una scoprendo che possiede un sonnifero. Intanto Lord Asriel raggiunge il regno degli Orsi di Ghiaccio ma viene catturato dagli uomini della tribù Samoiedo che in realtà sono stati ingaggiati dalla signora Coulter.

La regina delle streghe, Serafina Pekkala, fa visita a Lyra dicendo che i bambini scomparsi si trovano alla stazione sperimentale di Bolvangar. Arrivati al porto settentrionale, Lyra fa amicizia con Lee Scoresby, un aeronàuta che cerca di risollevare Iorek Byrnison, un orso un tempo principe degli orsi corazzati ma adesso caduto nella vergogna da quando gli abitanti lo hanno derubato della sua armatura. Grazie all'aletiometro, Lyra scopre dove si trova l'armatura permettendo così a Iorek di rimettersela e ritrovare la sua forza dopodiché Lyra riparte verso il Nord con Iorek e Scoresby.

Seguendo l'aletiometro, Lyra, a cavallo di Iorek, si reca in un edificio abbandonato dove trova Billy Costa, separatosi dal suo daimon; il bambino si riunisce alla madre ma il gruppo viene attaccato dai Samoiedi che rapiscono Lyra e la portano presso Ragnar Sturlusson, un orso che ha usurpato il trono di Iorek e che gli ha ucciso anche il padre. Quando Iorek e Lee giungono per salvare Lyra, Ragnar convince Iorek a sfidarsi a duello in cui Iorek riesce a stento ad uccidere Ragnar vendicando suo padre e riprendendosi il trono.

A Bolvanagr, crolla il ponte di ghiaccio dividendo Iorek da Lyra che entra nella stazione e ritrova Roger; mentre tentano di fuggire, Lyra entra in una stanza dove c'è anche la signora Coulter assieme agli altri scienziati che dicono che Lord Asriel è fuggito ed ha allestito un laboratorio ma che i soldati del Magisterium stanno andando lì per arrestarlo e giustiziarlo per eresia. Però Lyra viene scoperta dagli scienziati che la chiudono assieme a Pantalaimon nella sala dell'intercisione ma, prima che l'effetto si realizzi, arriva la signora Coulter che ferma tutto impedendo così l'intercisione.

Al suo risveglio, Lyra scopre che la signora Coulter è sua madre mentre Lord Asriel è suo padre; la signora Coulter spiega che lei ed il Magisterium credono che l'intercisione protegga i bambini dall'influenza provocata dalla polvere ma Lyra non le crede. La Signora Coulter le chiede di consegnarle l'aletiometro ma Lyra le dà una lattina contenente la vespa dorata che aveva catturato che, pungendo la signora Coulter, la tramortisce mentre Lyra distrugge la macchina dell'intercisione provocando delle esplosioni all'interno dell'edificio ma lei fugge con gli altri bambini all'esterno dove però si imbattono in mercenari tartari e i loro daimon sotto forma di lupi pronti ad ucciderli ma arrivano Iorek, Scoresby, i Gyziani e le streghe guidate da Serafina che dichiarano battaglia sconfiggendo i tartari. Ormai salvi i bambini, Lyra, Roger, Iorek, Lee e Serafina partono per andare a Nord e cercare Lord Asriel.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 4 settembre 2006 e si sono svolte in gran parte in Inghilterra a Oxford. Una piccola parte di scene è stata girata in Svizzera e in Norvegia. Le riprese in generale sono terminate a gennaio 2007. Il film è stato girato interamente in digitale ed è ricco di effetti speciali che riproducono fedelmente il mondo del romanzo. Il budget per la realizzazione del film è stato di circa 180 milioni di dollari.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale negli Stati Uniti d'America il 7 dicembre 2007, mentre nelle sale italiane è uscito il 14 dicembre 2007.[2] Ha incassato complessivamente oltre 372 milioni di dollari, con 70 milioni nei soli Stati Uniti d'America,[1] e 9.393.000 di euro in Italia.[3]

Sebbene venisse ipotizzata la trasposizione dell'intero ciclo di Queste oscure materie, gli studi hanno sospeso i progetti per gli altri due capitoli della saga, a causa principalmente della crisi economica del 2008.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) La bussola d'oro, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 1º giugno 2016. Modifica su Wikidata
  2. ^ MYmovies.it, Film uscita dicembre 2007, su MYmovies.it. URL consultato il 31 maggio 2016.
  3. ^ La bussola d'oro (2007), su mymovies.it. URL consultato il 1º giugno 2016.
  4. ^ (EN) The Golden Compass Sequels On Hold, su contactmusic.com, 20 ottobre 2008. URL consultato il 6 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN211750967 · GND (DE7588094-5 · BNF (FRcb164610841 (data)