Kevin Joseph Farrell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kevin Joseph Farrell
cardinale di Santa Romana Chiesa
Bishop Farrell in 2007.jpg
Coat of arms of Kevin Joseph Farrell (Cardinal).svg
State in fide
 
TitoloCardinale diacono di San Giuliano Martire
Incarichi attualiPrefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita (dal 2016)
Incarichi ricoperti
 
Nato2 settembre 1947 (70 anni) a Dublino
Ordinato presbitero24 dicembre 1978 dal cardinale Eduardo Francisco Pironio
Nominato vescovo28 dicembre 2001 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo11 febbraio 2002 dal cardinale Theodore Edgar McCarrick
Creato cardinale19 novembre 2016 da papa Francesco
 

Kevin Joseph Farrell (Dublino, 2 settembre 1947) è un cardinale e vescovo cattolico statunitense, di origine irlandese. Dal 15 agosto 2016 è prefetto del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kevin Joseph Farrell nasce il 2 settembre 1947 a Dublino, la capitale dell'Irlanda. Dopo aver completato le scuole primaria e secondaria, frequenta l'Università di Salamanca in Spagna, e poi la Pontificia Università Gregoriana a Roma. Ottiene la licenza in filosofia ed in teologia all'Università di San Tommaso a Roma. In seguito compie un master's degree in business administration all'Università di Notre Dame (U.S.A.). Entrato nella Congregazione dei Legionari di Cristo nel 1966, è ordinato sacerdote il 24 dicembre 1978.

Dopo l'ordinazione sacerdotale è cappellano all’Università di Monterrey in Messico, professore degli studi economici, amministratore generale con la responsabilità per seminari e scuole dei Legionari di Cristo in Italia, Spagna ed Irlanda. Dal 1983 esercita il ministero pastorale nella parrocchia di Saint Bartholomew a Bethesda in Washington.

Nel 1984 si incardina nell’arcidiocesi di Washington, dove ricopre i seguenti incarichi: vice parroco nella parrocchia di Saint Thomas the Apostle (1984-1985), direttore del Centro Cattolico Spagnolo (1986), direttore esecutivo reggente delle Organizzazioni Caritative Cattoliche (1987-1988), segretario per gli affari finanziari (1989-2001), parroco della Annunciation Parish (2000-2002).

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Vescovo ausiliare di Washington e vescovo di Dallas[modifica | modifica wikitesto]

Nominato vescovo titolare di Rusuccuru e ausiliare di Washington il 28 dicembre 2001, riceve la consacrazione episcopale l’11 febbraio successivo. Dal 2001 svolge gli uffici di vicario generale per l'amministrazione e moderatore della Curia.

Il 6 marzo 2007 è promosso vescovo di Dallas. Prende possesso della diocesi il successivo 1º maggio.

Prefetto del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 agosto 2016 viene nominato da papa Francesco prefetto del nuovo Dicastero per i laici, la famiglia e la vita[1][2], con decorrenza effettiva dal 1º settembre 2016.

Lo stesso giorno assume il titolo di vescovo emerito di Dallas.

Il 9 ottobre 2016 papa Francesco ne annuncia la creazione a cardinale nel concistoro del 19 novembre.

Il concistoro, si è tenuto il successivo 19 novembre presso la Basilica di San Pietro in Vaticano, e gli sono stati conferiti l’anello, la berretta cardinalizia e il titolo di Cardinale diacono di San Giuliano Martire[3]. Il giorno successivo, 20 novembre, ha preso parte alla cerimonia di chiusura del Giubileo straordinario della misericordia, iniziato l’8 dicembre del 2015.

Il 10 giugno 2017 è nominato membro dell'Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Descrizione
Coat of arms of Kevin Joseph Farrell.svg
Kevin Joseph Farrell
Vescovo di Dallas
Coat of arms of Kevin Joseph Farrell (Cardinal).svg
Kevin Joseph Farrell
Cardinale diacono di San Giuliano Martire
Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114879044 · ISNI (EN0000 0000 8319 6600 · LCCN (ENn90633596