Kati Wilhelm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kati Wilhelm
Katiwilhelm072006.jpg
Kati Wilhelm nel 2006
Nazionalità Germania Germania
Altezza 173 cm
Peso 60 kg
Sci nordico Nordic combined pictogram.svg
Specialità Biathlon, sci di fondo
Squadra SC Motor Zella-Mehlis
Ritirata 2010
Palmarès
Olimpiadi 3 3 1
Mondiali di biathlon 5 4 4
Coppa del Mondo di biathlon 1 trofeo
Coppa del Mondo di biathlon - Sprint 2 trofei
Coppa del Mondo di biathlon - Inseguimento 3 trofei
Coppa del Mondo di biathlon - Partenza in linea 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Katarina Wilhelm detta Kati (Smalcalda, 2 agosto 1976) è un'ex sciatrice nordica tedesca attiva sia nello sci di fondo sia nel biathlon, specialità nella quale ha colto i maggiori successi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera nello sci di fondo[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1995-1997[modifica | modifica wikitesto]

La carriera agonistica di Kati Wilhelm iniziò nello sci di fondo, specialità nella quale esordì in Coppa del Mondo il 14 dicembre 1994 (54ª nella 10 km a tecnica classica di Tauplitzalm).

Fece parte della squadra tedesca ai Mondiali del 1997, dove raccolse il 24º posto nella 15 km a tecnica libera.

Stagioni 1998-1999[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione successiva ottenne il miglior risultato della carriera chiudendo 13ª nella 10 km a tecnica libera di Kavgolovo del 4 gennaio 1998; partecipò poi ai XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998 (Giappone), ottenendo come miglior risultato la 16ª posizione nella 30 km vinta da Julija Čepalova.

Nella stagione 1998-1999 i risultati furono inferiori alle attese[senza fonte]; ai Mondiali di Ramsau fu 21ª nella 15 km a tecnica libera. Al termine della stagione, consigliata da Simone Greiner-Petter-Memm[senza fonte], decise di passare al biathlon.

Carriera nel biathlon[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 2001-2002[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una stagione di ambientamento in Coppa Europa[senza fonte], l'esordio in Coppa del Mondo avvenne il 30 novembre del 2000, nell'individuale di Hochfilzen/Anterselva. Già nella terza gara della stagione riuscì a salire sul podio, giungendo al terzo posto nella sprint di Pokljuka/Anterselva del 7 dicembre. Ai Mondiali del 2001 conquistò il primo successo, laureandosi campionessa del mondo nella sprint; fece inoltre parte della staffetta tedesca vincitrice della medaglia d'argento. Nel mese di marzo ottenne un'altra vittoria in Coppa.

L'anno successivo fu protagonista assoluta ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002, dove vinse la medaglia d'oro nella sprint e quella d'argento nell'inseguimento, oltre all'oro con la staffetta.

Stagioni 2003-2004[modifica | modifica wikitesto]

Nell'annata 2002-2003 colse tre vittorie individuali in Coppa del Mondo, ma ai Mondiali di Chanty-Mansijsk vinse solo il bronzo nella staffetta.

Il 2003-2004 si chiuse senza alcun successo, eccezion fatta per un'altra medaglia di bronzo iridata in staffetta. Per rilanciare la sua carriera decide di affidarsi al tecnico Odd Lirhus, ex biatleta norvegese[senza fonte].

Stagioni 2005-2006[modifica | modifica wikitesto]

La scelta si rivelò vincente poiché nel 2004-2005 tornò ai vertici della specialità, conquistando tre vittorie e lottando per la prima volta per la Coppa del Mondo: chiuse seconda, battuta per quattordici punti da Sandrine Bailly.

La stagione 2005-2006 si rivelò trionfale: ottenne in totale sei vittorie, tra le quali la medaglia d'oro nell'inseguimento ai XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006, manifestazione dove raccolse anche l'argento nella partenza in linea e nella staffetta. A fine anno conquistò anche la Coppa del Mondo generale, diventando così la prima biatleta della storia[senza fonte] a vincere in carriera oro olimpico, Coppa del Mondo assoluta e oro mondiale).

Stagioni 2007-2008[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006-2007 ottenne un solo successo, ma la sua costanza di rendimento[senza fonte] le permise di lottare per la conquista della Coppa del Mondo fino all'ultima gara, nella quale però venne superata dalla compagna di squadra Andrea Henkel. In quella stagione tornò sul podio di una gara iridata individuale conquistando il bronzo nella partenza in linea dei Mondiali di Anterselva, dove colse anche l'oro in staffetta.

Il 2007-2008 la vide in leggero calo: nonostante le due vittorie in carniere, per la prima volta dopo quattro anni non arrivò a fine stagione in corsa per la sfera di cristallo assoluta. Chiuse comunque al quarto posto nella classifica generale e si mise al collo la medaglia d'oro mondiale in staffetta.

Stagioni 2009-2010[modifica | modifica wikitesto]

L'annata 2008-2009 si rivelò invece ricca di successi. Fu protagonista assoluta ai Mondiali di Pyeongchang, dove vinse la medaglia d'oro sia nella sprint che nell'individuale (conquistando in questo formato di gara l'unico successo della carriera), oltre all'argento nell'inseguimento e nella staffetta. Guidò a lungo la classifica generale dove ingaggiò un "duello" con Helena Ekholm, alla quale però dovette inchinarsi all'ultima gara. Infatti, pur avendo le due realizzato lo stesso numero di punti, la Coppa del Mondo andò alla svedese per via del maggior numero di gare vinte (quattro contro tre).

Il 2009-2010 fu l'ultima stagione della carriera, durante la quale l'atleta di Smalcalda imboccò la parabola discendente visto il calo di rendimento ad alto livello. Non arrivarono vittorie, ma salì ancora due volte sul podio e ottenne la medaglia di bronzo nella staffetta ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010. Subito dopo la rassegna a cinque cerchi annunciò il suo ritiro dall'attività agonistica[senza fonte].

Bilancio della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha chiuso la sua carriera con 22 vittorie individuali, compresi due ori olimpici e tre ori iridati. È l'unica biatleta ad avere vinto un titolo individuale a cinque cerchi in due diverse edizioni dei Giochi[senza fonte].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Grazie ai suoi successi sportivi e alla sua peculiare chioma rossa ha acquisito una grande popolarità in patria, tanto da essere molto ambita come ospite in alcuni programmi televisivi per bambini e in molte manifestazioni culturali[non chiaro] tedesche. Dalla stagione 2010-2011 è opinionista in studio per le gare di biathlon per la rete televisiva ARD[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Biathlon[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Località Nazione Specialità
10 dicembre 2000 Pokljuka-Anterselva Slovenia Slovenia/Italia Italia RL
(con Uschi Disl, Katrin Apel e Andrea Henkel)
7 marzo 2001 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti SP
14 dicembre 2001 Pokljuka Slovenia Slovenia RL
(con Katrin Apel, Andrea Henkel e Janet Klein)
17 gennaio 2002 Ruhpolding Germania Germania RL
(con Katrin Apel, Uschi Disl e Martina Zellner)
6 dicembre 2002 Östersund Svezia Svezia RL
(con Katrin Apel, Uschi Disl e Simone Hauswald)
8 dicembre 2002 Östersund Svezia Svezia PU
10 gennaio 2003 Oberhof Germania Germania RL
(con Katrin Apel, Uschi Disl e Andrea Henkel)
9 febbraio 2003 Lahti Finlandia Finlandia MS
20 febbraio 2003 Östersund Svezia Svezia SP
14 gennaio 2004 Ruhpolding Germania Germania RL
(con Simone Hauswald, Uschi Disl e Katrin Apel)
6 gennaio 2005 Oberhof Germania Germania RL
(con Uschi Disl, Katrin Apel e Andrea Henkel)
22 gennaio 2005 Anterselva Italia Italia SP
12 febbraio 2005 San Sicario Italia Italia SP
17 marzo 2005 Chanty-Mansijsk Russia Russia PU
9 dicembre 2005 Hochfilzen Austria Austria SP
7 gennaio 2006 Oberhof Germania Germania SP
19 gennaio 2006 Anterselva Italia Italia PU
21 gennaio 2006 Anterselva Italia Italia SP
25 marzo 2006 Oslo Holmenkollen Norvegia Norvegia PU
19 gennaio 2007 Pokljuka Slovenia Slovenia PU
9 dicembre 2007 Hochfilzen Austria Austria RL
(con Martina Beck, Andrea Henkel e Simone Hauswald)
3 gennaio 2008 Oberhof Germania Germania RL
(con Simone Hauswald, Andrea Henkel e Kathrin Hitzer)
9 gennaio 2008 Ruhpolding Germania Germania RL
(con Kathrin Hitzer, Magdalena Neuner e Sabrina Buchholz)
17 gennaio 2008 Anterselva Italia Italia SP
16 marzo 2008 Oslo Holmenkollen Norvegia Norvegia MS
11 gennaio 2009 Oberhof Germania Germania MS
14 gennaio 2009 Ruhpolding Germania Germania RL
(con Andrea Henkel, Kathrin Hitzer e Magdalena Neuner)
14 marzo 2009 Vancouver Whistler Canada Canada RL
(con Magdalena Neuner, Martina Beck e Andrea Henkel)
6 dicembre 2009 Östersund Svezia Svezia RL
(con Martina Beck, Andrea Henkel e Simone Hauswald)

Legenda:
SP = sprint
PU = inseguimento
MS = partenza in linea
RL = staffetta

Sci di fondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 34ª nel 1999

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 è stata nominata "atleta tedesca dell'anno"[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN312620354 · GND (DE106171814X