Kaa (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kaa
Charles Maurice Detmold00.jpg
Kaa illustrato da Charles Maurice Detmold (1908)
UniversoIl libro della giungla
Nome orig.Kaa
Lingua orig.Inglese
AutoreRudyard Kipling
1ª app.1894
1ª app. inLa caccia di Kaa (Kaa's Hunting)
SpeciePitone delle rocce[1]
SessoMaschio
(EN)

«Kaa was not a poison snake--in fact he rather despised the poison snakes as cowards--but his strength lay in his hug, and when he had once lapped his huge coils round anybody there was no more to be said.»

(IT)

«Kaa non era un serpente velenoso -- infatti considerava i serpenti velenosi dei codardi -- ma la sua forza stava nel suo abbraccio, e una volta che aveva avvolto le sue enormi spire intorno a qualcuno non c'era molto altro da dire.»

(Da Il libro della giungla di Rudyard Kipling)

Kaa (pron. Caa[2]) è un personaggio dei racconti de Il libro della giungla e Il secondo libro della giungla di Rudyard Kipling. È un pitone delle rocce, multicentenario e perpetuamente affamato, che agisce come consigliere di Mowgli. È Kaa infatti a salvare Mowgli dagli anarchici Bandar-log e a formulare lo stratagemma per difendere la giungla dai famelici dholes.

Il suo nome fu inventato da Kipling, che lo descrisse come un'onomatopea del suono che fa un grosso serpente che soffia a bocca aperta.[3] Sebbene venga spesso considerato fra i personaggi più sinistri della saga,[4] secondo certi autori, egli fa parte di una triade di virtù insieme a Baloo e Bagheera; Kaa rappresenterebbe la conoscenza, mentre gli ultimi personificano la forza e l'amore rispettivamente.[5] Altri lo considerano un simbolo dell'intelligenza, della prudenza e della memoria, che è coerente con la mitologia induista, in cui i nāga serpiformi simboleggiano tutti i rami dell'istruzione.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il libro della giungla[modifica | modifica wikitesto]

Kaa ipnotizza i Bandar-log, illustrazione del 1924

Lungo nove metri, Kaa è fra gli animali più vecchi, saggi ma anche temuti della giungla, essendo già adulto quando l'elefante Hathi disponeva ancora dei denti di latte.[7]

Ne La caccia di Kaa, Baloo e Bagheera si presentano a Kaa per chiedergli aiuto nel ritrovare Mowgli, rapito dai Bandar-log, il popolo delle scimmie, convincendo il serpente a unirsi alla ricerca dicendogli che i Bandar-log l'hanno insultato dietro le spalle. I tre si recano verso le Tane Fredde (identificabili con il Forte Chittor[8][9]) dove i Bandar-log tengono Mowgli prigioniero. Quando Baloo e Bagheera si dimostrano incapaci di tener testa alle orde di Bandar-log, Kaa interviene con la Danza della Fame:

«Girò due o tre volte in ampio cerchio, zigzagando con la testa a destra e a sinistra. Poi prese a tracciare occhielli e otto con il corpo, e molli, viscosi triangoli che si scioglievano in quadrati e pentagoni, e tortili ammassi, senza sosta, senza fretta, e senza mai interrompere la bassa zufolante cantilena. Il buio si veniva raddensando, finché da ultimo le motili, striscianti, struscianti spire sparvero: si udiva però il fruscio delle squame.[10]»

La danza ha un effetto ipnotico sui Bandar-log, che si impietriscono mentre Baloo e Bagheera portano Mowgli in salvo. Nel frattempo, Kaa, affamato, induce le scimmie incantate a marciare verso di lui. Sebbene Mowgli sia riconoscente verso il pitone, Bagheera ne rimane traumatizzato, avendo quasi ceduto al fascino della Danza della Fame, e Baloo giura di non allearsi mai più con lui.

Il secondo libro della giungla[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli eventi de La caccia di Kaa, il pitone forgia una amicizia giocosa con Mowgli, spesso addestrandolo alla lotta facendolo schivare i suoi colpi di testa fulminei. Ne L'«ankus» del re, Kaa rivela a un Mowgli annoiato che ha incontrato un cobra albino nelle Tane Fredde che sorveglia una cosa per cui qualsiasi uomo sarebbe disposto a morire per averne possesso. I due si recano alle rovine, dove scoprono che il cobra sta infatti facendo la guarda al tesoro della defunta dinastia Guhila. I due serpenti si scontrano quando il cobra rivela la sua intenzione di uccidere Mowgli. Kaa immobilizza il cobra per permettere a Mowgli di ucciderlo, ma il cucciolo di uomo lo risparmia, siccome il cobra è così invecchiato che ha esaurito il suo veleno.

In Cane rosso, la giungla viene invasa dai dholes, i feroci cani rossi del Dekkan. Mowgli cerca Kaa per chiedergli come sconfiggere la nuova minaccia, e il pitone entra in uno stato di trance per cercare una soluzione nella sua memoria multicentenaria:

«Per una lunga ora, adagiato fra le spire, Mowgli rimase a giocherellare col coltello, mentre Kaa, la testa al suolo immobile, ripensava a tutto quanto aveva visto e conosciuto dal giorno che era emerso dall'uovo. Dagli occhi la luce parve defluire, lasciando due opali opachi, e ogni tanto abbozzava con la testa goffi affondi a dritta e a manca, quasi cacciasse in sogno.[11]»

Con l'aiuto di Kaa, Mowgli costringe i dholes ad attaccare prematuramente. Kaa non partecipa nella battaglia tra i dholes e il popolo libero, citando la sua lealtà a Mowgli e il suo disprezzo per i lupi, che maltrattarono il cucciolo di uomo in precedenza. Lo stratagemma di Kaa risulta nella vittoria del popolo libero, ma non senza perdite pesanti.

Ne La corsa di primavera, mentre Mowgli si prepara a lasciare la giungla per l'ultima volta, Kaa gli dice «Mutata pelle, non possiamo reinserirci di bel nuovo,» intendendo dire che Mowgli deve liberarsi della pelle della sua vecchia vita per crescerne una nuova. Kaa, insieme a Bagheera, Baloo e i quattro lupi (tra cui Fratel Bigio) fratelli di tana di Mowgli recita il Canto di commiato durante la partenza del ragazzo.

Figura nello scautismo[modifica | modifica wikitesto]

Kaa è un personaggio positivo; per questo i capi dei lupetti all'interno dello scautismo possono prendere il suo nome.

La caratteristica collegata al personaggio è l'abilità manuale.

La sua parola maestra è[12]:

(EN)

«A brave heart and a courteous tongue (...) shall carry thee far through the jungle.»

(IT)

«Un cuore leale e una lingua cortese ti porteranno lontano nella giungla.»

(Parola maestra di Kaa)

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Kaa e Mowgli (Sabu) ne Il libro della giungla del 1942.
Kaa nella versione Disney del 1967.

Kaa fece il suo debutto cinematografico ne Il libro della giungla di Zoltán Korda nel 1942, interpretato da un pitone vero e un pupazzo di gomma. La rappresentazione del personaggio fu problematica, siccome il pitone doveva essere controllato con un cannello ossiacetilenico,[13] e Zoltan quasi affogò durante una ripresa acquatica del pupazzo.[14]

Nell'adattamento animato di Walt Disney del 1967 Il libro della giungla, Kaa appare come un antagonista secondario. Disney incaricò personalmente Sterling Holloway ad assumere il ruolo di Kaa. Holloway, che in precedenza aveva dato voce a Winnie the Pooh e la cicogna di Dumbo, non aveva mai interpretato un antagonista, ma Disney insistette che un tale personaggio non aveva bisogno di essere apertamente crudele per essere minaccioso, semplicemente ipocrita ma contemporaneamente divertente. La melodia della sua canzone, Spera in me, fu riciclata da una canzone scartata di Mary Poppins intitolata The land of sand (la terra delle sabbie).[15] Questa incarnazione di Kaa fa parte del franchise dei Cattivi Disney.[16] Tuttavia, certi autori hanno criticato il drastico cambiamento del personaggio, da un antieroe saggio ma pericoloso a un cattivo quasi idiota.[4] Altri hanno visto nella versione Disney di Kaa un'immagine stereotipata comune degli anni sessanta d'un predatore sessuale[17] o un capo di una setta psichedelica.[18]

Nel film Mowgli - Il libro della giungla del 1994, sempre della Disney, il personaggio di Kaa viene fuso con quello del Cobra bianco, fungendo da guardiano del tesoro sotto le Tane fredde.[19]

Kaa, rappresentato ora come una femmina, appare anche nel remake del 2016 in live-action del classico originale, Il libro della giungla, diretto da Jon Favreau. Viene doppiata da Scarlett Johansson, che descrive Kaa come una sorte di cantastorie seducente, che rivela a Mowgli il suo passato.[20] Nel cambiare il genere del personaggio, Favreau intendeva non solo bilanciare il cast predominantemente maschile del film, ma anche creare una controparte malvagia di Raksha, la madre adottiva di Mowgli.[21]

In Mowgli - Il figlio della giungla del 2018, Kaa è di nuovo femmina, e viene doppiata da Cate Blanchett. Il regista Andy Serkis descrisse come questa incarnazione sia una profeta egoista e solitaria che svolge un ruolo importante nel destino e futuro di Mowgli.[22] La rappresentazione di Kaa da parte di Cate Blanchett fu criticata dal periodico Empire, che paragonò la voce del personaggio a quella di una vittima di enfisema.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [Page 59, line 14] Kaa the Rock Snake See Kipling's list of names. Kaa is referred to later as 'Rock python' or 'python'. The Indian python is Python molurus.
    Kaa's hunting - Notes on the text, Kiplingsociety.co.uk. URL consultato il 17 giugno 2018.
  2. ^ Robert Baden-Powell, Manuale dei lupetti, ed. Fiordaliso, rist. 2005, Roma, p. 42
  3. ^ A made-up name, from the queer open-mouthed hiss of a big snake.
    Citato in Rudyard Kipling, The Jungle Books, a cura di William Wallace Robson, Oxford University Press, 2008, p. 354
  4. ^ a b R. Gupta, "Master of the Jungle: Kipling's Mowgli", HWÆTHWUGU, 2013:33_35
  5. ^ J. McMaster, The trinity archetype in the Jungle Books and the Wizard of Oz, Children’s Literature 20.1, 1992, pp. 90-110
  6. ^ S. Islam, "Psychological allegory in 'The Jungle Books'", The Kipling Journal, marzo 1973: 9-14
  7. ^ Di piogge io ne ho viste a centinaia. Anzi che Hathi perdesse le zanne di latte, la mia traccia era già larga nella polvere. Per il Primo Uovo! Sono più vecchio io di molti alberi e ho visto tutto quello che la giungla ha fatto.
    Citato in R. Kipling, I libri della giungla e altri racconti di animali, a cura di Ottavio Fatica, Einaudi, 2015, pp. 265-266, ISBN 978-88-06-22560-5
  8. ^ Kaa's hunting - Notes on the text, Kiplingsociety.co.uk. URL consultato il 17 giugno 2018.
  9. ^ The King's Ankus - Notes on the text, Kiplingsociety.co.uk. URL consultato il 17 giugno 2018.
  10. ^ R. Kipling, I libri della giungla e altri racconti di animali, a cura di Ottavio Fatica, Einaudi, 2015, p. 278, ISBN 978-88-06-22560-5
  11. ^ R. Kipling, I libri della giungla e altri racconti di animali, a cura di Ottavio Fatica, Einaudi, 2015, p. 266, ISBN 978-88-06-22560-5
  12. ^ Educare con una favola, a cura di Pietro Paolo Severi, Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell, Modena, 1985
  13. ^ The New Pictures, Time Magazine, 13 aprile 1942
  14. ^ Jungle Book (1942), Screenonline.org.uk, n.d.
  15. ^ Filmato audio The Bare Necessities: The Making Of The Jungle Book (DVD), The Jungle Book: 40th Anniversary Edition, Walt Disney Pictures, 2007.
  16. ^ (EN) Dave Smith, Disney Archive's List of Disney Villains, Disney Enterprises. URL consultato il 14 agosto 2008.
  17. ^ G. Metcalf, "It's a Jungle Book out there, kid!", in Douglas Brode e Shea T. Brode (a cura di), It's the Disney Verson! Popular Cinema and Literary Classics, Rowman & Littlefield, 2016, p. 147. ISBN 1442266074.
  18. ^ J. Hoberman, Inadvertently Baring Necessities, Nytimes.com, 21 febbraio 2014
  19. ^ P. Leibfried, Rudyard Kipling and Sir Henry Rider Haggard On Screen, Stage, Radio, and Television. McFarland, McFarland, 2008, p. 38, ISBN 1476609314
  20. ^ Filmato audio Flicks And The City Clips, The Jungle Book Behind The Scenes "Kaa" Interview - Scarlett Johansson, su YouTube, 28 marzo 2016. URL consultato il 18 giugno 2018.
  21. ^ R. Gupta, In “The Jungle Book” reboot, why did Disney make Kaa the python female?, Screenprism.com, 8 aprile 2016
  22. ^ (EN) Dan Jolin, Mowgli Trailer Breakdown, Empireonline.com, 21 maggio 2018
  23. ^ O. Richards, Mowgli: Legend Of The Jungle Review, Empireonline.com, 29 novembre 2018

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura