Cuon alpinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

« Nel cacciare rassomiglia in tutto al lupo, ma se ne distingue per un gran coraggio e per una sociabilità amichevole. »

(Alfred Edmund Brehm[1])
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cuon alpino
Dhole or Wild dog (20) cropped.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Canidae
Sottotribù Canina
Genere Cuon
Hodgson, 1838
Specie C. alpinus
Nomenclatura binomiale
Cuon alpinus
(Pallas[3], 1811)
Areale

Cuon-alpinus-map.png

Il cuon alpino (Cuon alpinus Pallas, 1811), detto anche cane rosso, cane selvatico asiatico o semplicemente cuon, è un canide lupino indigeno dell Asia Centrale, meridionale e sudorientale. È geneticamente vicino ai canidi del genere Canis[4], nonostante il cranio dal profilo concavo, l'assenza del terzo molare inferiore[5] e i suoi molari superiori forniti d'una sola cuspide invece di due o quattro[6]. L'areale del cuon era molto più vasto durante il Pleistocene, inglobando quasi tutta l'Eurasia e il Nordamerica, ma si restrinse a quello attuale 12 000-18 000 anni fa[7].

Il cuon è un animale altamente sociale: vive infatti in grandi clan caratterizzati dalla mancanza di gerarchie rigide[8] e dalla presenza di molteplici femmine riproduttive[9]. Questi clan consistono normalmente di una dozzina di individui ma sono stati segnalati gruppi di quaranta esemplari[10]. È un cacciatore sociale diurno che dimostra una preferenza per gli ungulati di taglia medio-grande[11]. Nelle foreste tropicali il cuon condivide il suo habitat con tigri e leopardi ma evita gli scontri con essi cibandosi di prede diverse[12].

La IUCN ha classificato il cuon come specie in pericolo: la sua popolazione conta infatti meno di 2 500 esemplari adulti. I fattori contribuenti a questo declino includono la distruzione ambientale, la scarsità di prede, la concorrenza con altri predatori e le malattie contratte dai cani domestici[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a "cuon", l'animale è chiamato in numerosi modi, inclusi "dhole", "colsun", "buansu" e "adjag"[13]. Il nome "cuon" deriva dal greco κύων, cioè "cane"[14], mentre l'etimologia di "dhole" è più incerta. Il suo primo utilizzo stampato fu nel 1808 in un resoconto scritto dal soldato britannico Thomas Williamson, che incontrò l'animale nel distretto di Ramgarh, dichiarando che "dhole" fosse un nome locale comune[15]. Nel 1827, Charles Hamilton Smith scrisse che la parola derivava da una lingua parlata in "varie zone dell'oriente"[16]. Due anni dopo, Smith collegò la parola col turco deli (folle, pazzo), e lo paragonò erroneamente coll'anglosassone dol e l'olandese dul[17], sebbene questi ultimi due derivino invece dal protogermanico *dwalaz (stupido, cretino)[18]. Richard Lydekker, quasi 80 anni dopo, dichiarò che la parola non era usata dagli indigeni nell'areale della specie[19]. Secondo il dizionario Merriam-Webster, la parola potrebbe derivare da tōḷa, la parola kannada per lupo[20].

Scoperta, storia e tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Tigre braccata da cani selvatici (1807) di Samuel Howitt. Questo rappresenta uno delle prime illustrazioni della specie, sebbene prende troppo alla lettera le descrizioni di Thomas Williamson, che lo paragonò a un cane pariah.

La prima attestazione scritta dell'esistenza della specie è del 1794 ed è dovuta ad un esploratore di nome Pesteref, che incontrò il cuon durante i suoi viaggi nell'estremo oriente russo. Lo descrisse come un predatore sociale, simile allo sciacallo dorato, che si nutriva di stambecchi alpini. Peter Pallas gli diede il nome binomiale Canis alpinus nel 1811, scrivendo che il suo areale inglobava l'Udskoi Ostrog settentrionale nell'attuale Oblast' dell'Amur, verso il lato orientale del Lena, comparendo anche nei pressi dell'Enisej, e che ogni tanto oltrepassava il confine cinese[21]. Questo areale russo settentrionale è molto più a nord di quello attualmente attestato per la specie.[6] Il naturalista britannico Brian Hodgson diede al cuon il nome binomiale Canis primaevus, e ipotizzò che si trattasse del progenitore del cane[22]. Hodgson riconobbe solo successivamente le differenze fisiche separando il cuon dal genere Canis, e gli assegnò il nome generico Cuon[23].

Illustrazione (1859) di Leopold von Schrenck, uno delle prime rappresentazioni affidabili della specie, basato su una pelliccia comprata nel villaggio di Dšare presso l'Amur[24]

Il primo studio sull'origine della specie fu opera del paleontologo Erich Thenius, che concluse che il cuon fosse un discendente d'un antenato simile allo sciacallo dorato apparso dopo il Pleistocene[25]. Il membro del genere Cuon più antico attualmente conosciuto è il C. majori della Cina Villafranchiana. C. majori manteneva più tratti in comune con i canidi del genere Canis che non con la specie attuale, che possiede molari ridotti con cuspidi forniti di punte taglienti. C. majori perse l'ultimo molare inferiore nello Ioniano inferiore, originando la specie moderna durante lo Ioniano superiore, quando il molare inferiore rimasto divenne un dente dal singolo cuspide tagliente. I cuon dello Ioniano superiore erano praticamente indistinguibili dai loro discendenti, tranne che per la loro dimensioni maggiori, che si avvicinavano a quella del lupo grigio. Il cuon si estinse in gran parte del suo areale europeo durante l'ultimo periodo glaciale[26], sebbene continuò a resistere fino all'Olocene inferiore nella penisola iberica[27] e presso il Riparo Fredian nell'Italia settentrionale[28]. Il vasto areale pleistocenico di questa specie includeva anche numerose isole asiatiche in cui oggi è estinta, incluso lo Sri Lanka, il Borneo e probabilmente Palawan[29][30][31][32]. I reperti fossili, come i resti rinvenuti in Beringia e nel Messico, indicano che viveva anche nel Nordamerica[33].

Ossa d'un cuon europeo trovate nella Cova Negra de Játiva nella Valencia, risalenti all'ultimo periodo glaciale.

La morfologia particolare del cuon è stata fonte di confusione nel determinare la posizione sistematica della specie tra i canidi. George Simpson lo mise nella sottofamiglia Simocyoninae, accanto al licaone e lo speoto, dato la loro dentatura simile[34]. Ulteriori studi dimostrarono che il cuon ha più caratteristiche in comune con i canidi del genere Canis che col licaone e lo speoto, e che qualsiasi somiglianza con questi ultimi è dovuta solo a evoluzione convergente[5] Uno studio sul genoma dei canidi rivelò che sia il cuon che il licaone sono più strettamente imparentati con i lupi grigi, i coyote, i lupi africani, gli sciacalli dorati e i lupi etiopi che non con gli sciacalli dalla gualdrappa e gli striati, i quali sarebbero più filogeneticamente basali.[4] La parentela con Canis potrebbe essere stata confermata in una menagerie del Madras, dove lo zoologo Reginald Pocock descrisse un evento in cui un cuon si era incrociato con uno sciacallo dorato.[35].

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Cane Yakutian laika.jpg


 

Lupo grigio Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate I).jpg



 

Coyote Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate IX).jpg



 

Lupo africano Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate XI).jpg



 

Sciacallo dorato Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate X).jpg



 

Lupo etiope Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate VI).jpg



 

Cuon Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate XLI).jpg



 

Licaone Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate XLIV).jpg



 
 
 

Sciacallo striato Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate XIII).jpg


 

Sciacallo dalla gualdrappa Dogs, jackals, wolves, and foxes (Plate XII).jpg





Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente, erano state riconosciute 10 sottospecie.[36] Attualmente, la MSW3[37] ne riconosce solo tre.[3]

Sottospecie Immagine Autorità Nome comune Descrizione Areale Sinonimi
C. a. alpinus Keulmans Cuon alpinus dukhunensis.png Pallas, 1811 Cuon rutilano Sottospecie grande con manto rosso intenso e un cranio snello.[6] Estremo oriente russo, Mongolia, Cina, Nepal, subcontinente indiano, Bhutan, Birmania, Indocina e Giava. adustus (Pocock, 1941), antiquus (Matthew & Granger, 1923), clamitans (Heude, 1892), dukhunensis (Sykes, 1831), fumosus (Pocock, 1936), grayiformis (Hodgson, 1863), infuscus (Pocock, 1936), javanicus (Desmarest, 1820), laniger (Pocock, 1936), lepturus (Heude, 1892), primaevus (Hodgson, 1833), rutilans (Müller, 1839)
C. a. hesperius Keulmans Cuon alpinus alpinus.png Afanasjev e Zolotarev, 1935 Cuon del Tien Shan Più piccolo di C. a. alpinus, con un manto più chiaro e un cranio più largo.[6] Monti Altaj, Tien Shan e probabilmente Pamir e Kashmir jason (Pocock, 1936)
C. a. sumatrensis Keulemans Cuon alpinus javanicus.png Hardwicke, 1821 Cuon di Sumatra Sottospecie con pelo corto e ispido senza borra, e piedi quasi neri.[38] Sumatra

Gli studi sul DNA mitocondriale e i microsatelliti del cuon dimostrano però che non ci sono distinzioni razziali notevoli. Tuttavia sono stati scoperti due gruppi filogeografici di cuon nell'entroterra asiatico che probabilmente si divisero durante un periodo glaciale. Una di queste popolazioni si estende dall'India meridionale, centrale e settentrionale (al sud del Gange) fino a Birmania, mentre l'altro si estende dall'India a nord del Gange all'India nordorientale, Birmania, Tailandia, e la penisola malese. L'origine dei cuon presenti in Sumatra e Java è ancora incerto, siccome dimostrano più parentela con i cuon dell'India, la Birmania e la Cina invece che con le popolazioni della Malesia. Data l'assenza di ulteriori dati, i ricercatori hanno teorizzato che i cuon di Sumatra e Java potrebbero essere stati introdotti nelle isola dagli umani[39].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Teschio e molari, illustrazione di St. George Mivart (1890).

Il cuon è stato descritto sia come una combinazione del lupo grigio e della volpe rossa,[6] sia come un canide dai tratti felini, per la schiena lunga e gli arti snelli.[25] Ha un cranio largo e robusto con una cresta sagittale elevata,[6] e i suoi masseteri sono altamente sviluppati in confronto a quelli degli altri canidi, dando alla faccia dell'animale un aspetto da iena.[40] Il suo rostro è più corto di quello del cane e della maggior parte degli altri canidi.[10] La specie è fornita di sei invece che di sette molari inferiori.[41] I molari superiori sono meno robusti rispetto a quelli del lupo, avendo solo una cuspide invece che 2-4 come gli altri canidi,[6] un adattamento che si ritiene migliori la capacità tagliente, permettendo così al cuon di competere con successo contro i concorrenti nel cibarsi di carcasse.[11] Gli adulti possono pesare 18 chili e le femmine pesano circa 4.5 chili di meno dei maschi. È alto 43-56 cm alla spalla, e misura 0.91 metri di lunghezza. Come il licaone, le sue orecchie sono arrotondate invece che appuntite.[41] È fornito di 6-7 paia di mammelle, a volte anche otto.[6]

Il tono generale della pelliccia è rossiccia, con sfumature più intense durante l'inverno. Nel manto invernale, infatti, la schiena è coperta d'un colore rosso ruggine saturato con sfumature brunastre lungo la testa, il collo e le spalle. La gola, il torace, i fianchi, l'addome e le parti superiori degli arti sono più giallastre. Le parti inferiori degli arti sono biancastre, con segni bruni scuri sui lati frontali delle zampe anteriori. Il muso e la fronte sono grigi-rossicci. La coda è molto folta e pelosa, di un colore generalmente rosso ocra con una punta marrone scura. Il manto estivo è più corto, ispido e scuro.[6] I peli di guardia laterali e dorsali negli adulti misurano 2-3 cm. I cuon dello zoo di Mosca fanno la muta una volta all'anno, da marzo a maggio.[10]

Il cuon emette fischi simili ai richiami della volpe rossa, a volte trascritti come coo-coo. Come questo suono sia prodotto è sconosciuto,[42] siccome le sue corde vocali non diferiscono tanto da quelle della volpe rossa che non emette tali suoni,[43] ma si ritiene aiuti a coordinare i membri del clan quando viaggiano nelle foreste fitte. Quando attacca una preda, emette un suono descritto come un KaKaKaKAA stridolante.[42] Altri suoni includono gemiti (quando chiedono per il cibo), ringhii (per minacciare), urla, schiamazzi (entrambi richiami d'allarme) e guaiti.[44] Contrariamente ai lupi, i cuon non ululano né abbaiano.[6] Il cuon ha un linguaggio del corpo complesso. I saluti amichevoli o sottomissivi sono accompagnati dalle leccature, dalla ritrazione delle labbra e dall'abbassamento della coda. I cuon giocherelloni fanno un inchino accompagnato dall'apertura della bocca con le labbra ritratte e la coda tenuta verticalmente. I cuon aggressivi o minacciosi grinzano le labbra avanti in un ringhio e alzano i peli del dorso, tenendo la coda orizzontale o verticale. Quando hanno paura, i cuon ritraggono le labbra, con la coda tra le gambe e le orecchie abbassate.[45]

Ecologia e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento e territorialità[modifica | modifica wikitesto]

Cuon nell'atto di giocare, Pench Tiger Reserve.

Come già detto, il cuon non ha rigide gerarchie sociali[6] (come, ad esempio, quelle del lupo grigio), dato che la scarsità stagionale di cibo non è così problematica per esso. Per questo motivo è più simile al licaone per quanto riguarda il comportamento sociale.[8] Il nome collettivo che indica un insieme di cuon è "clan" invece che "branco"; quest'ultimo termine, infatti, fa riferimento a un gruppo di animali che cacciano sempre insieme mentre i clan di cuon si dividono spesso, specialmente durante la primavera, in gruppi di 3-5 esemplari, numero ideale per catturare i giovani ungulati.[46] I capibranco sono difficili da identificare perché non assumono posture di dominanza come fanno i lupi, sebbene i subordinati dimostrino sottomissione al loro riguardo.[9] Le lotte all'interno del clan sono rare.[47] Il cuon è molto meno territoriale del lupo e i membri di un clan, una volta raggiunta la maturità sessuale, possono unirsi senza problemi ad un clan diverso.[48] In India i clan consistono tipicamente di 5-12 individui mentre in Tailandia i clan raramente superano i tre esemplari.[10] Contrariamente agli altri canidi, non ci sono prove che i cuon usino l'urina per marcare il loro territorio. Quando i cuon urinano, in particolar modo i maschi, alzano entrambe le zampe posteriori, assumendo una postura quasi verticale a testa in giù. Questo comportamento si è visto anche negli speoti.[49] La defecazione non sembra avere un ruolo di delimitazione territoriale, in quanto le feci sono per la maggior parte depositate in latrine all'interno del territorio piuttosto che alle periferie. Non grattano il terreno come fanno gli altri canidi per depositare il loro odore.[45]

Tane[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati descritti quattro tipi di tane utilizzate dal cuon: una semplice tana di terriccio con una sola entrata (solitamente si tratta della tana abbandonata e ristrutturata di una iena striata o di un istrice), una tana cavernosa e complessa con più di una entrata, una tana semplice cavernosa scavata sotto o tra le rocce e una tana cavernosa complessa interconnessa con altre tane. Le tane solitamente si trovano tra la boscaglia fitta o sulle rive dei fiumi prosciugati. L'entrata d'una tana può essere verticale, con una caduta improvvisa lunga un metro e mezzo. Il tunnel si apre in un antecamere, da cui si estendono più d'un passaggio. Certe tane possono presentare sei entrate he conducono a corridoi collegati lunghi fino a 30 metri. Queste "città" sotterranee sono a volte scavate da molteplici generazioni di cuon e sono occupate dalle femmine del clan, che condividono la cura della prole.[50] Come i licaoni e i dingo, i cuon evitano di abbattere prede presso le loro tane.[51]

Riproduzione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

In India la stagione degli amori è tra ottobre e gennaio, mentre i cuon nello zoo di Mosca si riproducono solitamente in febbraio.[10] Al contrario dei branchi di lupi, un clan di cuon può contenere più di una femmina riproduttiva.[9] Non è insolito per le femmine condividere la stessa tana allo scopo, come detto qui sopra, di accudire le rispettive cucciolate.[47] Durante l'accoppiamento la femmina assume una postura accovacciata felina. Al contrario degli altri canidi, il maschio non rimane attaccato alla femmina dopo la monta. La coppia invece si sdraia sui fianchi, in una formazione semicircolare.[52] La gravidanza dura 60-63 giorni e le cucciolate solitamente sono di 4-6 cuccioli.[10] La crescita di questi è più veloce di quella del lupo, ed è paragonabile a quella del coyote. I cuccioli sono allattati per almeno 58 giorni. Durante questo periodo il clan nutre la madre nella tana. Una volta comminciato lo svezzamento, gli adulti rigurgitano cibo per i cuccioli fino a che questi non sono abbastanza grandi per partecipare alla caccia. Rimangono presso la tana per 70-80 giorni e poi, all'età di sei mesi, cominciano ad accompagnare gli adulti nelle cacce, potendo assistere all'abbattimento di prede grandi come i sambar.[51] In cattività, la longevità massima è di 15-16 anni.[47]

Comportamenti venatori[modifica | modifica wikitesto]

Cuon attaccano un sambar, parco nazionale di Bandipore.

Prima d'una battuta di caccia, i membri del clan si annusano a vicenda, strofinandosi i corpi e montandosi etero e omosessualmente.[53] Il cuon è principalmente un cacciatore diurno: predilige infatti le prime ore del mattino e solo raramente caccia di notte quando c'è luna piena, a dimostrazione che la vista è un senso importante nel rintracciare le prede.[54] Sebbene non sia veloce come lo sciacallo o la volpe, può inseguire una preda per molte ore.[6] Durante un inseguimento, uno o due cuon possono prendere l'iniziativa mentre gli altri membri del gruppo mantengono una velocità meno elevata, assumendo la guida quando i primi si stancano. La maggior parte degli inseguimenti non dura molto e supera raramente i cinquecento metri.[55] Quando inseguono prede veloci, i cuon possono correre a una velocità di trenta miglia all'ora.[6] I cuon spesso spingono le prede verso l'acqua, dove i movimenti di queste sono rallentati.[56]

Se la preda è di grandi dimensioni, una volta immobilizzata, un cuon la afferra per il naso mentre il resto del clan la abbatte tirandola per i fianchi e il posteriore, disdegnando di afferrarla per la gola.[57] Sono stati noti ad occasionalmente cecare le prede attaccandogli gli occhi.[58] I capricorni sono fra le uniche prede capaci di difendersi efficacemente contro i cuon, grazie alla loro pelle spessa, al loro pelo folto e alle corna affilate capaci d'impalarli.[19] I cuon lacerano i fianchi della preda, sventrandola, e consumano il cuore, il fegato, i polmoni e porzioni dell'intestino. Lo stomaco e il rumine vengono solitamente lasciati.[59] Prede pesanti meno di 50 chili normalmente cedono dopo due minuti, mentre i grandi cervi possono resistere fino a quindici minuti prima di morire. Una volta uccisa la preda, i cuon strappano pezzi di carne per mangiarli in solitudine.[60] Al contrario dei branchi di lupi, in cui la coppia riproduttiva monopolizza le parti migliori della carcassa, i cuon danno priorità al benessere dei cuccioli durante il pasto, permettendogli di mangiare per primi.[9] Sono generalmente tolleranti verso gli animali spazzini che li accompagnano su una carcassa.[61]

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

Branco di cuon cibandosi d'un cervo pomellato, Bandipur National Park.

Tra le prede cacciate in India vi sono i cervi pomellati, i sambar, i muntjak, i tragulidi, i barasinga, i cinghiali, i gaur, i bufali d'acqua, i banteng, i bovini, i nilgai, le capre, le lepri indiane, i ratti dell'himalaya e i colobi[10][35][62]. In Kashmir cacciano i markhor,[35] mentre in Birmania la preda principale è il tameng[10]. I cuon di Sumatra cacciano i tapiri dalla gualdrappa mentre quelli di Giava attaccano i sambar dalla criniera[11]. Nel Tien Shan e nei monti Tarbagatai i cuon si cibano di stambecchi siberiani, arkhar, caprioli, maral e cinghiali. Nei monti Altaj e Sajany cacciano i moschi e le renne. Nella siberia orientale le loro prede preferite sono i caprioli, i wapiti della manciuria, i cinghiali, i moschi e le renne, mentre nel Territorio del Litorale attaccano i sika e i goral. In Mongolia si cibano prevelentamente di argali e raramente di stambecchi siberiani. Come il licaone, ma contrariamente al lupo grigio, il cuon non caccia gli umani[6][35]. Contrariamente a molti canidi, il cuon non disdegna la frutta e la verdura. In cattività lo si è visto mangiare vari tipi di erbe e foglie, apparentemente per puro piacere[38]. I cuon del Tien Shan infatti consumano una quantità notevole di rabarbero di montagna durante l'estate[6]. Sebbene sia opportunista, il cuon sembra avere una certa riluttanza nell'assalire i bovini domestici[63]. Tuttavia, la predazione del bestiame da parte dei cuon in Bhutan è un problema sin dagli ultimi anni novanta, dato che il bestiame viene spesso lasciato libero a pascolare nei boschi, a volte per settimane intere. I bovini che invece vengono tenuti in stalla di notte o pascolati presso le case non vengono attaccati. I buoi sono più vulnerabili delle vacche, probabilmente perché vengono protetti di meno[64].

Nemici e concorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Cuon ucciso e depositato in un albero da un leopardo.

In certe regioni, i cuon condividono il loro areal con le tigri e i leopardi. La concorrenza fra queste specie viene solitamente evitata attraverso la scelta di categorie di prede diverse, sebbene rimane una sovrapposizione alimentare notevole. Insieme ai leopardi, i cuon tipicamente preferiscono prede pesanti tra i 30 e 175 chili, mentre le tigri selezionano solitamente animali superiori ai 176 chili. Altre caratteristiche, come il sesso, l'arborealità e l'aggressività delle prede possono giocare un ruolo nel modo in cui i tre predatori li scelgono. I cuon tipicamente attaccano i cervi pomellati maschi, mentre i leopardi sono meno schizzinosi, e le tigri preferiscono prede più grandi. I cuon e le tigri raramente riescono a catturare i colobi, mentre i leopardi riescono grazie alla loro agilità negli alberi. In contrasto, i leopardi sono cacciatori di cinghiali inefficaci in confronto ai cuon e alle tigri, grazie alla forza e feroce dei suini.[12] In certe occasioni, i cuon sono stati segnalati ad assalire le tigri. Quando sono braccati dai cuon, le tigri cercheranno rifugio negli alberi o si posizioneranno con le spalle a un tronco o un cespuglio, dove possono essere molestati per lunghi periodi prima di tentare a fuggire. Le tigri che fuggono vengono solitamente uccise, mentre quelle che affrontano i cuon hanno più possibilità di salvezza.[35] Le tigri sono avversarie pericolose per i cuon, essendo fornite di abbastanza forza fisica da poter uccidere un cuon con una sola zampata.[65] Lo scrittore Kenneth Anderson descrisse un tale evento a cui lui ebbe modo di assistere:[66]

(EN)

« The dogs had spread themselves around the tigress, who was growling ferociously. Every now and again one would dash in from behind to bite her. She would then turn to attempt to rend asunder this puny aggressor, when a couple of others would rush in from another direction. In this way she was kept going continually, and I could see she was fast becoming spent.
All this time the dogs were making a tremendous noise, the reason for which I soon came to know, when, in a lull in the fray, I heard the whistling cry of the main pack, galloping to the assistance of the advance party. The tigress must have also heard the sound, for in sudden, renewed fury, she charged two of the dogs, one of which she caught a tremendous blow on its back with her paw, cracking its spine with the sharp retort of a broken twig. The other just managed to leap out of danger. The tigress then followed up her momentary advantage by bounding away, to be immediately followed by the five remaining dogs. They were just out of sight when the main pack streamed by, in which I counted twenty-three dogs, as they galloped past me without the slightest interest in my presence. Soon the sounds of pursuit died away, and all that remained was the one dead dog. »

(IT)

« I cani avevano circondato la tigre, che ringhiava ferocemente. Ogni tanto, un cane gli attaccava da dietro per morderla. Si girerebbe per dilaniare quest'aggressore diminuitivo, quando degli altri gli colpirebbero d'un altra direzione. Fu costretta a continuare così, e vedevo che si stava rapidamente stancando.
Nel frattempo, i cani facevano una cacofonia tremenda, la cui ragione scoprò quando, durante un rilassamento nello scontro, sentì il richiamo stridolante del branco principale, in corsa per assistere il reparto d'avanguardia. Deve averlo sentito anche la tigre, poiché con furia rinnovata, si caricò contro due dei cani, uno di essi colpiti da una tremenda zampata sulla schiena, spaccandosi la spina dorsale col suono acuto d'un ramoscello spezzato. L'altro riuscì appena ad evitare il pericolo. La tigre sfruttò il suo vantaggio momentaneo andando di corsa, seguita poi dai cinque cani rimasti. Erano ormai fuori campo quando il branco principale, in cui ho contato ventitré esemplari, arrivò di corsa, galoppandomi davanti senza alcun interesse nella mia presenza. Presto, i suoni dell'inseguimento si allontanarono, e tutto ciò che rimase fu il singolo cane morto. »

(Kenneth Anderson)

Ciò che rimaneva della tigre in questione fu scoperta il giorno dopo cinque miglia dal luogo di battaglia iniziale, circondata da cinque cuon morti.[66] I cuon possono derubare i leopardi delle loro prede, mentre i leopardi possono tentare a uccidere i cuon se li incontrano da soli o in coppia.[35] Siccome i leopardi sono più piccoli delle tigri e più probabili a cacciare i cuon, i clan di cuon tendono a reagire più aggressivamente verso di loro che alle tigri.[67] Sono stati segnalati numerosi casi in cui i cuon hanno costretto i leopardi a rifugiarsi negli alberi.[35] Fu una volta ritenuto che i cuon fossero un fattore nel sopprimere le popolazioni di ghepardo asiatico, ma ciò è dubbioso, siccome i ghepardi evitano le zone di bosco fitto preferito dai cuon.[68]

I clan di cuon ogni tanto molestano gli orsi dal collare e labiati, impedendogli di rifugiarsi nelle caverne e mordendogli i posteriori.[35] Sebbene siano solitamente antagonistici verso i lupi grigi,[6] ogni tanto i due canidi cacceranno insieme.[69] C'è almeno un caso in cui un lupo solitario fu adottato da una coppia di cuon nel Debrigarh Wildlife Sanctuary.[70] Ogni tanto, formano gruppi misti con gli sciacalli dorati. I cani randagi possono uccidere i cuon, sebbene sono stati segnalati casi in cui le due specie mangino insieme.[71]

Malattie e parassiti[modifica | modifica wikitesto]

Il cuon è vulnerabile a un numero di diverse malattie, soprattutto nelle zone dove condivide il suo areale con altri canidi. Patogeni contagiosi come Toxocara canis sono presenti nelle sue feci, e può contrattare la rabbia, il cimurro, la rogna, la tripanosomosi, il parvovirus canino, ed endoparassiti come i cestodi e i nematodi.[11]

Areale[modifica | modifica wikitesto]

Cuon cibandosi d'una carcassa di sambar, Parco nazionale di Khao Yai.

Il cuon potrebbe essere ancora presente nel parco nazionale di Tunka, presso il Lago Bajkal.[72] Potrebbe ancora esistere nel Territorio del Litorale, con segnalazioni non confermate nella foresta protetta di Pikthsa-Tigrovy Dom. In altre zone del Territorio, non ci sono state segnalazioni sin dagli anni settanta.[73] Attualmente, non ci sono segnalazioni recenti affidabili di cuon in Russia. Lo stesso vale per Mongolia, Kazakistan, Kirghizistan, e Tagikistan, sebbene un esemplare fu catturato nel distretto di Jiangxi in Cina meridionale. Nel 2011-2013, furono segnati la presenza di numerosi cuon ad altitudini di 2,000-3,500 metri presso la riserva di Taxkorgan nella regione del Karakorum/Pamir nel Xinjiang, presso i confini con Pakistan, Tagichistan ed Afghanistan.[74] Sono stati avvistati anche nell'Altyn-Tagh, presso il Tibet.[75] Non si sa con certezza se la specie continua ad abitare nel Tien Shan, sebbene appare in pochi numeri nel Gansu, con almeno un clan segnalato nel Qilian Shan nel 2006.[76] Resiste ancora in Tibet, e potrebbe anche abitare in Corea del Nord.

Sebbene non ci sono state segnalazioni in Pakistan, la specie una volta viveva nelle steppe alpine che si estendevano fino a Kashmir. Il cuon resiste ancora in India al sud del Gange, soprattutto nelle pianure centrali e i ghati occidentali ed orientali degli stati meridionali. Nell'India nordorientale, abita nell'Arunachal Pradesh, Assam, Meghalaya, e il Bengala occidentale. Lo stato della specie nelle Himalaya e l'India nordoccidentale è precaria, con le popolazioni frammentate. Potrebbero esistere ancora nella zona Ladakh del Kashmir. Abitava una volta nella regione Terai della pianura indo-gangetica.[2] Nel 2011 in Nepal, dei clan furono avvistati attraverso il cameratrappolaggio nei parchi nazionali di Chitwan[77] e Kanchenjunga.[78] In Bhutan, i cuon si sono recuperati dopo una campagna d'avvelenamento svolto negli anni settanta, ristabilendosi negli anni novanta.[79] Attualmente, occupano il Parco nazionale di Jigme Dorji.[80] I cuon sono ancora presenti nelle riserve forestali della zona Sylhet del Bangladesh nordorientale e i colli di Chittagong nel sudoriente. È improbabile però che i cuon in quei luoghi rappresentino popolazioni stabili, siccome la maggior parte delle segnalazioni sono solo di individui solitari o piccoli gruppi che probabilmente sono in declino a causa della mancanza di prede.[2]

La presenza del cuon in Birmania fu confermata in undici zone, dove sembra che, insieme al leopardo, ha rimpiazzato la tigre come predatore alfa. Il suo areale è molto frammentorio nella penisola malese, Sumatra, Giava, Vietnam e Thailandia.[2] Nel 2014, fu confermato la continuata presenza della specie nel Parco nazionale di Kerinci Seblat in Sumatra.[81] Un sondaggio di fototrappolaggio nel santuario forestale di Khao Ang Rue Nai in Tailandia nel 2008-2010 confermò la presenza di almeno un clan in buona salute.[82] Nel Laos settentrionale, i cuon sono stati soggetti a vari studi nelle zone protette nel 2012.[83]

Una popolazione disgiunta è stata segnalata negli anni novanta nelle zone di Trebisonda e Rize nella Turchia nordorientale, presso il confine con Georgia.[84] Certe autorità hanno accettato la segnalazione come valida,[47] mentre altre ne erano scettico.[2] Nel 2013, fu abbattuto un esemplare presso Cabardino-Balcaria.[85] Nel 2015, una spedizione guidata dal museo di storia naturale di Sofia tentò di confermare la presenza di cuon in Turchia.[86] La ricerca non ebbe frutto.[87]

Nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Una cimasa presente sullo stupa di Bharhut, risalente al 100 a.C., rappresenta tre cuon costringendo una persona o spirito a rifugiarsi in un albero, come fanno i cuon odierni con le tigri.[88] La reputazione feroce dell'animale è espressa in India attraverso i suoi numerosi nomi peggiorativi, che dalla lingua Hindi si traducono in "diavolo rosso", "cane diavolo", "diavolo della giungla" o "mastino di Kālī".[65] Secondo lo zoologo Leopold von Schrenck, ebbe difficoltà nell'ottenere esemplari di cuon durante la sua esplorazione dell'Amur, siccome i giliachi locali temevano tanto l'animale. Questo timore e superstizione però non era condivisa con i Tungusi. Von Schrenk teorizzò che questo atteggiamento diverso verso i cuon fosse allegato al fatto che i Tungusi fossero un popolo di caccia e raccolta.[24] Creature simili ai cuon sono descritti in numerosi vecchi testi europei, inclusi le saghe degli Ostrogoti, dove vengono raffigurati come cani infernali. I cani demoniaci che accompagnano Arlecchino nelle sacre rappresentazioni francesi del medioevo e i cani leggendari della foresta di Brocéliande sono stati attribuiti ai cuon. Secondo Charles Hamilton Smith, i canidi feroci di Montefalcone descritti da Scaligeri potrebbero essere basati sui cuon, siccome vengono descritti come diversi dai lupi in comportamento, vocalizzi e apparenza. Lo stemma dei Montefalconi infatti rappresenta due cani rossi come sostegni.[17]

I cuon, riferiti come "dhole", appaiono nella storia I cani rossi ne Il secondo libro della giungla di Rudyard Kipling, dove vengono rappresentati come animali aggressivi e sanguinari che spuntano dal Deccan per invadere il Seoni, dimora di Mowgli e la sua famiglia adottiva di lupi. Sono descritti vivendo in enormi branchi contenenti centinaia di esemplari, e sono temuti sia da Shere Khan che Hathi. I dhole sono odiati dal popolo libero a causa della distruttività, il loro disdegno per le tane e il fatto che sono forniti di pelo tra le dita. Con l'aiuto di Mowgli e Kaa, il popolo libero riesce a sterminare i dhole adescandoli attraverso degli alveari e un fiume torrenziale, per poi uccidere i superstiti. In Far Cry 4 e in Far Cry Primal i dhole sono presenti come animali che possono essere cacciati per craftare alcuni oggetti con le loro pelli e in Primal possono essere addomesticati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfred Edmund Brehm, La vita degli animali. Descrizione generale del mondo animale, Volume 1, Mammiferi, traduzioni di Gaetano Branca e Stefano Travella, Unione Tipografico-editrice torinese, 1872, p. 366.
  2. ^ a b c d e f (EN) Durbin, L.S., Hedges, S., Duckworth, J.W., Tyson, M., Lyenga, A. & Venkataraman, A. (IUCN SSC Canid Specialist Group - Dhole Working Group), 2008, Cuon alpinus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  3. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Cuon alpinus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  4. ^ a b (EN) K. Lindblad-Toh, C. M. Wade, T. S. Mikkelsen, E. K. Karlsson, D. B. Jaffe, M. Kamal, M. Clamp, J. L. Chang, E. J. Kulbokas, M. C. Zody, E. Mauceli, X. Xie, M. Breen, R. K. Wayne, E. A. Ostrander, C. P. Ponting, F. Galibert, D. R. Smith, P. J. Dejong, E. Kirkness, P. Alvarez, T. Biagi, W. Brockman, J. Butler, C. W. Chin, A. Cook, J. Cuff, M. J. Daly, D. Decaprio e S. Gnerre, Genome sequence, comparative analysis and haplotype structure of the domestic dog, in Nature, vol. 438, nº 7069, 2005, pp. 803–819, Bibcode:2005Natur.438..803L, DOI:10.1038/nature04338, PMID 16341006.
  5. ^ a b (EN) Clutton-Brock, J., Corbet, G. G. e Hills, M., A review of the family Canidae, with a classification by numerical methods, in Bulletin of the British Museum of Natural History, vol. 29, 1976, pp. 179–180.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Heptner, V. G. & Naumov, N. P. (1998). Mammals of the Soviet Union Vol.II Part 1a, SIRENIA AND CARNIVORA (Sea cows; Wolves and Bears), Science Publishers, Inc. USA., pp. 566–86, ISBN 1-886106-81-9
  7. ^ (EN) H. Zhang e L. Chen, The complete mitochondrial genome of dhole Cuon alpinus: Phylogenetic analysis and dating evolutionary divergence within canidae, in Molecular Biology Reports, vol. 38, nº 3, 2010, pp. 1651–60, DOI:10.1007/s11033-010-0276-y, PMID 20859694.
  8. ^ a b Fox,  p. 85
  9. ^ a b c d Fox,  pp. 86–7
  10. ^ a b c d e f g h (EN) Cohen J. A., Cuon alpinus (PDF), in Mammalian Species, vol. 100, 1978, pp. 1–3 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  11. ^ a b c d (EN) Durbin, L.S., Venkataraman, A., Hedges, S. & Duckworth, W. (2004). Dhole Cuon alpinus (Pallas 1811), in Sillero-Zubiri, C., Hoffmann, M. & Macdonald, D.W. (eds.) Canids: Foxes, Wolverhampton Wanderers F.C., Jackals and Dogs: Status Survey and Conservation Action Plan. IUCN/SSC Canid Specialist Group. Gland, Switzerland and Cambridge, UK. x + pp. 210–219
  12. ^ a b (EN) Karanth, K. U. e Sunquist, M. E., Prey selection by tiger, leopard and dhole in tropical forests, in Journal of Animal Ecology, vol. 64, nº 4, 1995, pp. 439–450, DOI:10.2307/5647, JSTOR 5647.
  13. ^ Cuon, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  14. ^ Cuon, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  15. ^ (EN) Williamson, T., Oriental field sports: being a complete, detailed, and accurate description of the wild sports of the East. Volume II, London, Orme, 1808.
  16. ^ (EN) Smith, C. H., The class Mammalia, London, Geo. B. Whittaker, 1827.
  17. ^ a b (EN) Smith, C. H. e Jardine, W., The natural history of dogs : canidae or genus canis of authors ; including also the genera hyaena and proteles, Vol. I, Edinburgh, W.H. Lizars, 1839.
  18. ^ (EN) V. Orel, A Handbook of Germanic Etymology, Leiden, Boston, Brill, 2003, p. 81, ISBN 90-04-12875-1.
  19. ^ a b (EN) Lydekker, R., The game animals of India, Burma, Malaya, and Tibet, London, R. Ward Limited, 1907.
  20. ^ (EN) (EN) Dhole, su merriam-webster.com, Merriam-Webster, Inc.. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  21. ^ Pallas, P. S. (1811), Zoographia Rosso-Asiatica : sistens omnium animalium in extenso Imperio Rossico, et adjacentibus maribus observatorum recensionem, domicilia, mores et descriptiones, anatomen atque icones plurimorum, Petropoli : In officina Caes. Acadamiae Scientiarum Impress. MDCCCXI, pp. 34–5
  22. ^ (EN) Hodgson, B. H., Description and Characters of the Wild Dog of the Himalaya (Canis primævus), in Asiatic Researches, XVIII, Part 2, 1833, pp. 221–237. refer page 235
  23. ^ (EN) Hodgson, B. H., European Notices of Indian Canines, with Further Illustrations of the New Genus Cuon vel Chrysæus, in Calcutta Journal of Natural History, II, 1842, pp. 205–209.
  24. ^ a b (DE) Schrenk, L. v. (1859), Reisen und forschungen im Amur-lande in den jahren 1854–1856, St. Petersburg : K. Akademie der Wissenschaften, pp. 48–50
  25. ^ a b (DE) Thenius, E., Zur Abstammung der Rotwölfe (Gattung Cuon Hodgson) [On the origins of the dholes (Genus Cuon Hodgson)] (PDF), in Österreichische Zoologische Zeitschrift, vol. 5, 1955, pp. 377–388.
  26. ^ (EN) Kurtén, Björn (1968), Weidenfeld and Nicolson, pp. 111–114 Pleistocene mammals of Europe
  27. ^ (EN) M. P. R. Ripoll, J. V. Morales Pérez, A. Sanchis Serra, J. E. Aura Tortosa e I. S. N. Montañana, Presence of the genus Cuon in upper Pleistocene and initial Holocene sites of the Iberian Peninsula: New remains identified in archaeological contexts of the Mediterranean region, in Journal of Archaeological Science, vol. 37, nº 3, 2010, pp. 437–450, DOI:10.1016/j.jas.2009.10.008.
  28. ^ (EN) Petrucci, Mauro, Romiti, Serena e Sardella, Raffaele, The Middle-Late Pleistocene Cuon Hodgson, 1838 (Carnivora, Canidae) from Italy (PDF), in Bollettino della Società Paleontologica Italiana, vol. 51, nº 2, 2012, pp. 146.
  29. ^ (EN) Full text of "The contribution of archaeology to the zoogeography of Borneo : with the first record of a wild canid of Early Holocene Age ; a contribution in celebration of the distinguished scholarship of Robert F. Inger on the occasion of his sixty-fifth birthday" (TXT), su archive.org.
  30. ^ Ochoa, Janine; Paz, Victor; Lewis, Helen; Carlos, Jane; Robles, Emil; Noel Amano2, Maria Rebecca Ferreras, Myra Lara, Benjamin Vallejo Jr.5, Gretchen Velarde, Villaluz, Sarah Agatha; Ronquillo, Wilfredo; and Solheim II, Wilhelm. The archaeology and palaeobiological record of Pasimbahan-Magsanib Site, northern Palawan, Philippines. Philipine Science Letters. 2004; 7 (1):22-36. p31
  31. ^ (EN) Dennell, Robin & Parr, Martin (2014), Southern Asia, Australia, and the Search for Human Origins, New York: Cambridge University Press, p. 139
  32. ^ (EN) Tarling, Nicholas (1992), The Cambridge History of Southeast Asia: Volume 1, From Early Times to C.1800. Cambridge (United Kingdom): Cambridge University Press. p. 84
  33. ^ (EN) Kurtén, Björn (1980), Pleistocene mammals of North America, Columbia University Press, ISBN 0231516967, p. 172
  34. ^ (EN) Simpson, G.G. (1945), The principles of classification and a classification of mammals, Bulletin of the American Museum of Natural History, 85:1–350
  35. ^ a b c d e f g h (EN) Pocock, R. I. (1941), Fauna of British India: Mammals volume 2, Taylor & Francis, pp. 146–63
  36. ^ (EN) Ellerman, J.R. & Morrison-Scott, T.C.S. (1966). Checklist of Palaearctic and Indian mammals, British Museum (Natural History), London, UK.
  37. ^ Mammal Species of the World, fonte principale degli zoologi per la nomenclatura delle sottospecie.
  38. ^ a b (EN) Mivart, G. (1890), Dogs, Jackals, Wolves and Foxes: A Monograph of the Canidæ, London : R.H. Porter : Dulau, pp. 177–88
  39. ^ (EN) Iyengar, A., Babu, V. N., Hedges, S., Venkataraman, A. B., Maclean, N. e P. A. Morin, Phylogeography, genetic structure, and diversity in the dhole (Cuon alpinus), in Molecular Ecology, vol. 14, nº 8, 2005, pp. 2281–2297, DOI:10.1111/j.1365-294X.2005.02582.x, PMID 15969714.
  40. ^ Fox,  pp. 61–2
  41. ^ a b Fox,  pp. 41
  42. ^ a b Fox,  p. 93
  43. ^ (EN) Frey R., Volodin I., Fritsch G., Volodina E. Potential sources of high frequency and biphonic vocalization in the dhole (Cuon alpinus) // PLoS ONE, 2016, v. 11(1): e0146330. p. 1-26. doi: 10.1371/journal.pone.0146330.
  44. ^ Fox,  p. 95
  45. ^ a b Fox,  p. 97
  46. ^ Fox,  pp. 81–2
  47. ^ a b c d (EN) Nowak, Ronald M. Walker's Carnivores of the World. Baltimore: Johns Hopkins University Press; 2005. pp110-112
  48. ^ Fox,  p. 92
  49. ^ (DE) Keller, R., Einige beobachtungen zum verhalten des Dekkan-Rothundes (Cuon alpinus dukhunensis Sykes) im Kanha National Park, in Vierteljahresschrift. Naturf. Ges. Zürich, vol. 118, 1973, pp. 129–135.
  50. ^ Fox,  pp. 43–49
  51. ^ a b Fox,  p. 80
  52. ^ Fox,  p. 79
  53. ^ Fox,  pp. 100–1
  54. ^ Fox,  p. 50
  55. ^ Fox,  p. 73
  56. ^ Fox,  p. 67
  57. ^ Fox,  p. 61
  58. ^ (EN) Grassman, L. I. Jr., M. E. Tewes, N. J. Silvy, and K. Kreetiyutanont, Spatial ecology and diet of the dhole Cuon alpinus (Canidae, Carnivora) in north central Thailand, in Mammalia, vol. 69, nº 1, 2005, pp. 11–20, DOI:10.1515/mamm.2005.002 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2006).
  59. ^ Fox,  p. 63
  60. ^ Fox,  p. 70
  61. ^ Fox,  p. 51
  62. ^ Fox,  pp. 58–60
  63. ^ Fox,  p. 71
  64. ^ (EN) Johnsingh, A.J.T., Yonten, D. & Wangchuck, S., Livestock-Dhole Conflict in Western Bhutan, in Journal of the Bombay Natural History Society, vol. 104, nº 2, 2007, pp. 201–202.
  65. ^ a b (EN) Perry, R., The World of the Tiger, London, Cassell, 1964.
  66. ^ a b (EN) Anderson, Kenneth (1955). Nine Maneaters And One Rogue. E.P. Dutton & Co., Inc. New York. pp. 125-126
  67. ^ (EN) Venkataraman, A., Do dholes (Cuon alpinus) live in packs in response to competition with or predation by large cats?, in Current Science, vol. 11, 1995, pp. 934–936.
  68. ^ (EN) Finn, F., Sterndale's Mammalia of India, London, Thacker, Spink & Co., 1929.
  69. ^ (EN) Shrestha, T. J., Mammals of Nepal: (with reference to those of India, Bangladesh, Bhutan and Pakistan), Kathmandu, Bimala Shrestha, 1997, ISBN 0-9524390-6-9.
  70. ^ (EN) Nair M. V., Panda S. K., Just Friends, in Sanctuary Asia, XXXIII, 2013, p. 3.
  71. ^ (EN) Humphrey, S. R. e Bain, J. R., Endangered Animals of Thailand, Gainesville, Sandhill Crane Press, 1990, ISBN 1-877743-07-0.
  72. ^ Williams, Margaret; and Troitskaya, Natalia."Then and Now: Updates from Russia's Imperiled Zapovedniks." Tunkinsky National Park. Russian Conservation News. 42: Fall 2006/Winter 2007. p. 14 Accessed on January 31, 2016 at: http://www.wild-russia.org/pubs/pdfs/42.pdf.
  73. ^ Newell ,Josh. 2004. The Russian Far East: A Reference Guide for Conservation and Development. McKinleyville, CA: Daniel & Daniel Publishers. p. 113, 160-161
  74. ^ Riordan Philip, New evidence of dhole Cuon alpinus populations in northwest China, in Oryx, vol. 49, nº 2, 2015, pp. 203–4, DOI:10.1017/s0030605315000046.
  75. ^ Xue Yadong, Li Diqiang, Xiao Wenfa, Zhang Yuguang, Feng Bin e Jia Heng, Records of the dhole (Cuon alpinus) in an arid region of the Altun Mountains in western China, in European Journal of Wildlife Research, vol. 61, nº 6, 2015, pp. 903–907, DOI:10.1007/s10344-015-0947-z.
  76. ^ Harris, R. B., Attempted predation on blue sheep Pseudois nayaur by dholes Cuon alpinus, in Journal of the Bombay Natural History Society, vol. 103, 2006, pp. 95–97.
  77. ^ Thapa, K., Kelly, M. J., Karki, J. B. and Subedi, N., First camera trap record of pack hunting dholes in Chitwan National Park, Nepal (PDF), in Canid Biology & Conservation, vol. 16, nº 2, 2013, pp. 4–7.
  78. ^ A. P. Khatiwada, K. D. Awasthi, N. P. Gautam, S. R. Jnawali, N. Subedi e A. Aryal, The Pack Hunter (Dhole): Received Little Scientific Attention, in The Initiation, vol. 4, 2011, DOI:10.3126/init.v4i0.5531.
  79. ^ Wangchuk, T., Predator-prey dynamics: the role of predators in the control of problem species (PDF), in J. Bhutan Studies, vol. 10, 2004, pp. 68–89.
  80. ^ Thinley, P., Kamler, J. F., Wang, S. W., Lham, K. e Stenkewitz, U., Seasonal diet of dholes (Cuon alpinus) in northwestern Bhutan, in Mammalian Biology, vol. 76, nº 4, 2011, pp. 518–520, DOI:10.1016/j.mambio.2011.02.003.
  81. ^ Sumatran secrets start to be revealed by high altitude camera trapping, su fauna-flora.org.
  82. ^ Jenks, K. E., Songsasen, N. e P. Leimgruber, Camera trap records of dholes in Khao Ang Rue Nai Wildlife Sanctuary, Thailand (PDF), in Canid News, online, 2012, pp. 1–5.
  83. ^ Kamler Jan F., Johnson Arlyne, Vongkhamheng Chanthavy e Bousa Anita, The diet, prey selection, and activity of dholes (Cuon alpinus) in northern Laos, in Journal of Mammalogy, vol. 93, nº 3, 2012, pp. 627–633, DOI:10.1644/11-mamm-a-241.1.
  84. ^ Serez Mehment, Eroglu Mahmut, A new threatened wolf species, Cuon alpinus hesperius Afanasiev and Zolatarev, 1935 in Turkey, in Council of Europe Environmental Encounters Series, vol. 17, 1994, pp. 103–106.
  85. ^ Khatukhov, A.M. "The Dhole (Cuon alpinus Pallas 1811) in Central Caucasus." Modern problems of science and education. 2015. Published May 14, 2015 online at URL: http://www.science-education.ru/123-19037, and pdf available here: http://www.science-education.ru/pdf/2015/3/195.pdf
  86. ^ National Museum of Natural History, Sofia (NMNHS), National Museum of Natural History, Sofia - News - NMNHS expedition went on the trail of an unknown population of the rare dhole in Turkey, su nmnhs.com.
  87. ^ [UPDATE] Strongly endangered and undescribed subspecies of dhole discovered? Dhole NOT less endangered than previously thought, according to NMNHS (Bulgaria)., su cetaf.org.
  88. ^ van der Geer, A. A. E. (2008), Animals in stone: Indian mammals sculptured through time, BRILL, p. 188, ISBN 90-04-16819-2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi