Jens Bjørneboe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jens Ingvald Bjørneboe

Jens Ingvald Bjørneboe (Kristiansand, 9 ottobre 1920Nøtterøy, 9 maggio 1976) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, saggista e pittore norvegese.

Bjørneboe era noto per essere stato un duro critico dei costumi della propria società e di quella occidentale in generale, oltre ad essere sempre stato un fervente anarchico. La sua vita è stata tormentata e turbolenta, ha sempre oscillato tra la depressione, l'alcolismo e la produzione letteraria, sino al giorno del suicidio

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Ingvald e Anna Marie Bjørneboe, il padre aveva un'attività di trasporti marittimi commerciali ed era inoltre agente consolare del Belgio. La sua infanzia fu caratterizzata da una continua polmonite e da violenti attacchi depressivi, che lo portarono a tentare il suicidio per impiccagione nel 1933, all'età di soli tredici anni: aveva iniziato ad assumere alcolici sin dal 1932.

Nel 1943, nel bel mezzo del conflitto bellico più disastroso della Storia, fuggì nella neutrale Svezia per evitare di esser costretto ad arruolarsi dagli invasori tedeschi e per cercare lavoro. Lì incontrò la pittrice ebrea Lisel Funk, fuggita volontariamente dalla Germania, che divenne poi la sua prima moglie.

Nel 1951 esordì come scrittore con una raccolta di poesie, a cui seguirono una serie di romanzi molto contestati (Før Hanen Galer nel 1952, Jonas nel 1955, Under en Hårdere Himmel nel 1957 e Den Onde Hyrde nel 1960). Il primo di questi, Før Hanen Galer, gli causò l'accusa della critica di simpatizzare per i Nazisti, come il connazionale Premio Nobel per la Letteratura Knut Hamsun. Tale accusa venne ribadita anche in occasione della pubblicazione di Under en Hårdere Himmel, romanzo di forte critica nei confronti degli eventi verificatisi nel secondo dopoguerra norvegese. In Jonas s'interessava del sistema scolastico nordico, mentre in Den Onde Hyrde (Il cattivo pastore) trattava la vita di un carcerato norvegese (altra sottile connessione della critica col Nazismo).

Il suo maggior contributo alla Letteratura è stata la trilogia Storia della bestialità, composta dai romanzi Frihetens øyeblikk (1966), Kruttårnet (1969) e Stillheten (1973). In questi anni si dedica attivamente anche al Teatro, collaborando con Eugenio Barba nell'Odin Teatret di Oslo. Nel 1967 è condannato aspramente da quasi tutti i critici europei per l'opera erotica/pornografica Uten en tråd, censurata in tutto il Nord del continente. Il libro ottenne comunque un discreto successo negli States e nel Regno Unito. Nel 1974 pubblica il suo ultimo romanzo: Haiene.

Il 9 maggio 1976, dopo vari attacchi di depressione, si suicida. Solo dopo la propria morte ha ottenuto un definitivo successo internazionale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Drammaturgie[modifica | modifica wikitesto]

  • Til lykke med dagen, 1965
  • Fugleelskerne, 1966
  • Semmelweis (1968)
  • Amputasjon, 1970
  • Tilfellet Torgersen, 1972
  • Dongery, 1976

Raccolte di poesie[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Norge, mitt Norge, 1968
  • Vi som elsket Amerika, 1970
  • Politi og anarki, 1972

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46775828 · ISNI (EN0000 0001 0895 5897 · LCCN (ENn78093469 · GND (DE118986228 · BNF (FRcb12030849m (data)