Iris (Goo Goo Dolls)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iris
IrisGoogoodolls.png
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Goo Goo Dolls
Tipo album Singolo
Pubblicazione 7 aprile 1998
Durata 4:49
Album di provenienza City of Angels: Music from the Motion Picture / Dizzy Up the Girl
Genere Alternative rock
Power ballad
Etichetta Warner Bros.
Produttore Rob Cavallo, Goo Goo Dolls
Registrazione 1997
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[1]
(vendite: 15 000+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[2]
(vendite: 140 000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 1 000 000+)
Goo Goo Dolls - cronologia
Singolo precedente
(1996)
Singolo successivo
(1998)

Iris è una canzone del gruppo alternative rock statunitense Goo Goo Dolls. Originariamente composta per la colonna sonora del film City of Angels - La città degli angeli nel 1998, è stata successivamente inclusa nel sesto album in studio del gruppo, Dizzy Up the Girl.

Si tratta del brano di maggior successo dei Goo Goo Dolls, contribuendo a lanciare la loro popolarità nel mondo. Ha raggiunto la vetta della Hot 100 Airplay, la classifica dei brani maggiormente passati in radio negli Stati Uniti, mantenendola per un totale di 18 settimane (un record ineguagliato).[5] È inoltre uno dei pezzi più celebri in cui figura il mandolino, qui suonato dal turnista Tim Pierce.[6]

È stata candidata ai Grammy Awards del 1999 in qualità di Canzone dell'anno, Registrazione dell'anno e Miglior interpretazione vocale di un gruppo, senza tuttavia trionfare in nessuna di queste categorie.

I Goo Goo Dolls hanno suonato il brano al Madison Square Garden il 20 ottobre 2001, durante lo speciale Concerto per New York City in favore delle vittime degli attentati dell'11 settembre.[6]

VH1 l'ha classificata alla posizione numero 54 nella lista delle "100 migliori canzoni degli ultimi 25 anni" (nel 2003)[7] e alla numero 66 in quella delle "100 più grandi canzoni d'amore".[8]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pensata appositamente per City of Angels - La città degli angeli, la canzone è stata scritta sotto il punto di vista del personaggio interpretato da Nicolas Cage.[6] Nel film, quest'ultimo è un angelo mandato sulla Terra per assistere gli esseri umani nel momento del loro passaggio dalla vita terrena all'aldilà, ma quando finisce per innamorarsi di una donna (interpretata da Meg Ryan) si trova costretto a dover scegliere tra l'amore e la vita eterna. Il cantante John Rzeznik, autore del brano, ha così spiegato in un'intervista del 2013:[6]

« Stavo pensando alla situazione del personaggio di Nicolas Cage nel film. Questo ragazzo è totalmente disposto a rinunciare alla sua immortalità, solo per essere in grado di sentire qualcosa di veramente umano. E penso, "Wow! Come deve essere incredibile amare qualcuno al tal punto da rinunciare a qualsiasi cosa pur di poterci stare assieme." Questo è un pensiero piuttosto forte. »

Il titolo della canzone è stato ispirato dal nome della cantante country Iris DeMent, notato da Rzeznik mentre stava leggendo una rivista.[6] Il nome può inoltre essere interpretato come un possibile riferimento alla figura mitologica di Iris, messaggera degli dei e personificazione dell'arcobaleno.[6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della sua uscita, Iris era il secondo di una serie di successi estratti dalla colonna sonora del film City of Angels, dalla quale era stato tratto per primo Uninvited di Alanis Morissette. La canzone ha debuttato alla posizione numero 66 della Hot 100 Airplay il 18 aprile 1998, raggiungendo la prima posizione nell'agosto dello stesso anno e rimanendovi per 18 settimane non consecutive, a causa dell'intervallo di una sola settimana sul podio di I Don't Want to Miss a Thing degli Aerosmith. Il singolo ha debuttato nella Billboard Hot 100, la principale classifica statunitense dei singoli, direttamente alla posizione numero 9 nel mese di dicembre, per poi scendere nelle settimane successive quando la canzone ha perso il dominio della prima posizione nella Hot 100 Airplay. Il brano non è potuto entrare nei mesi precedenti nella Billboard Hot 100 perché prima del dicembre 1998 non era permesso ai singoli privi di un CD vendibile nei negozi di scalare questa classifica. La posizione più bassa rispetto alla classifica radiofonica e la breve permanenza nella Billboard Hot 100 è dovuta quindi al fatto che il singolo è potuto entrare in classifica solo quando il passaggio radiofonico ha iniziato a scemare (stessa sorte è toccata in quel periodo a Thank U di Alanis Morissette e Are You That Somebody? di Aaliyah). La canzone ha inoltre raggiunto la posizione numero 9 della Mainstream Rock Songs ed il primo posto della Alternative Songs, diventando il secondo singolo della band a toccare la vetta di tale classifica dopo Name del 1995. È stato certificato disco di platino dalla RIAA per le vendite di oltre un milione di copie in formato digitale il 18 agosto 2008.[4]

Al di fuori degli Stati Uniti, la canzone è stata pubblicata come singolo acquistabile nei negozi. In Canada ha raggiunto il primo posto, così come in Australia, dove è rimasto alla prima posizione per 5 settimane consecutive ed ha passato 33 settimane in classifica.[9] In Nuova Zelanda il singolo ha debuttato alla posizione numero 16, ma ha passato solo due settimane in classifica.[10]

Anche in Europa il singolo ha avuto molto successo, entrando nelle classifiche di molti paesi. In Italia ha raggiunto la prima posizione, mentre nelle Fiandre e nei Paesi Bassi è arrivato rispettivamente fino al terzo e al nono posto.[11][12] Nel Regno Unito è invece costantemente nella classifica dei singoli più venduti: ha raggiunto la posizione numero 26 della UK Singles Chart nel luglio del 1999, per poi rientrare in classifica diverse volte nel corso degli anni, fino ad arrivare alla terza posizione nell'ottobre del 2011 (a più di dieci anni di distanza dalla sua pubblicazione),[13] in seguito al suo utilizzo nell'edizione locale di X Factor.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video musicale delle canzone è stato diretto da Nancy Bardawil e trasmesso per la prima volta l'11 maggio 1998. Il video raffigura John Rzeznik sul tetto di un grattacielo, mentre osserva la vita delle persone da un telescopio. Vengono anche mostrati i Goo Goo Dolls al completo mentre eseguono il brano dentro un tunnel. Esiste una seconda versione del video in cui, attraverso la lente del telescopio utilizzato da Rzeznik, appare Nicolas Cage in alcune scene di City of Angels.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD-Maxi Warner Bros. 9362445252
  1. Iris – 4:49
  2. Lazy Eye – 3:48
  3. I Don't Want to Know – 3:28
CD-Single 0100965HWR
  1. Iris – 4:49
  2. Slide – 3:33
  3. Iris (acustica) – 3:24
  4. Slide (acustica) – 3:24
Promo Single PRO-CD-9285-R
  1. Iris (versione ridotta) – 3:36
  2. Iris – 4:49

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1998) Posizione
Australia[25] 3
Italia[26] 2
Classifica (1999) Posizione
Belgio (Fiandre)[27] 20
Paesi Bassi[28] 55
Stati Uniti[29] 94

Certificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Certificazione Data Vendite certificate
Australia Australia - ARIA[2] 2x Platino 1998 140.000+
Italia Italia - FIMI[1] Oro 1º dicembre 2014 15.000+
Regno Unito Regno Unito - BPI[3] Platino 22 luglio 2013 600.000+
Stati Uniti Stati Uniti - RIAA[4] Oro 7 aprile 2006 500.000+
Platino 18 agosto 2008 1.000.000+

Cover e utilizzo nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 maggio 2015. Settimana "49", anno "2014".
  2. ^ a b (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1998 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  3. ^ a b (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Goo Goo Dolls" in "Keywords", dunque premere "Search".
  4. ^ a b c (EN) Gold & Platinum Database – Iris, Recording Industry Association of America. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  5. ^ Carol Atkins, Billboard Hot 100 231 Success Secrets, Billboard, 25 ottobre 2014. URL consultato il 1º marzo 2015.
  6. ^ a b c d e f (EN) IRIS by GOO GOO DOLLS, SongFacts. URL consultato il 20 marzo 2015.
  7. ^ (EN) VH1: '100 Greatest Songs of the Past 25 Years, 12 giugno 2003. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  8. ^ (EN) VH1 - 100 Greatest Love Songs. URL consultato il 29 dicembre 2014.
  9. ^ a b (EN) Australian Charts – Goo Goo Dolls – Iris su australiancharts.com.
  10. ^ a b (EN) New Zealand Charts – Goo Goo Dolls – Iris su charts.org.nz.
  11. ^ a b (NL) Ultratop – Goo Goo Dolls – Iris su ultratop.be.
  12. ^ a b (NL) Dutch Charts – Goo Goo Dolls – Iris su dutchcharts.nl.
  13. ^ a b (EN) Official Albums Chart Results: Iris, Official Charts Company.
  14. ^ (EN) Top Singles - Volume 67, No. 15a, July 13 1998 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 3 maggio 2014.
  15. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Italy, Billboard, 5 dicembre 1998, p. 96. URL consultato il 15 novembre 2014.
  16. ^ a b c d e f (EN) Goo Goo Dolls su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 3 maggio 2014.
  17. ^ (EN) Goo Goo Dolls – Chart History, Billboard. URL consultato il 24 giugno 2014.
  18. ^ (EN) Goo Goo Dolls – Chart History, Billboard. URL consultato il 24 giugno 2014.
  19. ^ (EN) Swedish Charts – Goo Goo Dolls – Iris su sweidshcahrts.com.
  20. ^ Irish Recorded Music Association, Search the Charts - Iris, Fireball Media. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  21. ^ (EN) Norwegian Charts – Goo Goo Dolls – Iris su norwegiancharts.com.
  22. ^ (EN) Official Singles Downloads Chart Top 100, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2012.
  23. ^ (EN) Archive Chart: 2011-10-08, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2012.
  24. ^ (DE) Austrian Charts – Goo Goo Dolls – Iris su austriancharts.at.
  25. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Singles 1998, ARIA Charts. URL consultato il 16 giugno 2014.
  26. ^ I singoli più venduti del 1998, Hit Parade Italia. URL consultato il 23 novembre 2014.
  27. ^ (NL) Jaaroverzichten 1999 su Ultratop.be/nl, ULTRATOP & Hung Medien / hitparade.ch.. URL consultato il 29 novembre 2013.
  28. ^ (NL) Jaaroverzichten 1999 su dutchcharts.nl. URL consultato il 27 gennaio 2014.
  29. ^ Billboard Top 100 - 1999. URL consultato il 31 agosto 2014.
  30. ^ (EN) Lavigne And Whibley's Unusual First Dance, Contact Music, 20 luglio 2006. URL consultato il 18 febbraio 2014.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock