Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hoshin Engi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hoshin Engi
封神演義
(Hōshin engi)
Hoshin Engi manga.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana
Genereazione, avventura, science fantasy
Manga
AutoreRyu Fujisaki
EditoreShūeisha
RivistaWeekly Shōnen Jump
Targetshōnen
1ª edizione24 giugno 1996 – 6 novembre 2000
Tankōbon23 (completa)
Editore it.Star Comics
Collana 1ª ed. it.Dragon
1ª edizione it.1º marzo 2007 – 7 gennaio 2009
Periodicità it.mensile
Volumi it.23 (completa)
Testi it.Rieko Fukuda (traduzione), Andrea Pietroni (adattamento)
Light novel
AutoreTsutomu Ano
EditoreKōdansha
1ª edizione8 novembre 1988 – 6 gennaio 1989
Volumi3 (completa)
Serie TV anime
Senkai-den Hōshin engi
RegiaJunji Nishimura
ProduttoreNoriko Kobayashi, Masahiro Toyosumi
Composizione serieJunji Nishimura
Char. designTadashi Kojima
MusicheRyu Sakai
StudioStudio Deen
ReteTV Tokyo
1ª TV3 luglio – 25 dicembre 1999
Episodi26 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.24 min
Episodi it.inedito
Serie TV anime
Hakyū Hōshin Engi
RegiaMasahiro Aizawa
Composizione serieNatsuko Takahashi
MusicheMaiko Iuchi
StudioC-Station
ReteTokyo MX, Sun TV, KBS Kyoto, BS11, AT-X
1ª TV12 gennaio 2018 – in corso
Episodi23 (in corso)
Aspect ratio16:9
Durata ep.24 min
Manga
AutoreRyu Fujisaki
EditoreShūeisha
RivistaWeekly Young Jump
Targetseinen
1ª edizioneprimavera 2018 – annunciato

Hoshin Engi (封神演義 Hōshin engi?), conosciuto anche come Soul Hunter, è un manga fantasy di Ryu Fujisaki, e pubblicato in Giappone dalla Shūeisha nella rivista Shonen Jump. Consta di 23 tankōbon, ed è giunta anche in America grazie alla Viz Media, con uscite bimestrali a partire dal 5 giugno 2007[1]. In Italia è stato pubblicato dalla Star Comics.

Hoshin Engi è liberamente ispirato da un antico poema cinese chiamato Fengshen Yanyi. La storia si svolge nella leggendaria storia della Cina, in particolare tra gli ultimi membri degli Yin in chiave rivista e modernizzata. La storia è stata adattata in un anime, trasmesso sulla TV giapponese TV Tokyo nel 1999 per un totale di 26 episodi, e venne distribuito nel Nord America in DVD col nome di Soul Hunter (cacciatore di anime) nel 2001. I personaggi della serie appaiono anche nel Jump Ultimate Stars.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientata in una Cina leggendaria. Un meraviglioso spirito femmina di volpe di nome Dakki So sta controllando l'imperatore Chuu-oh e l'amministrazione nella dinastia Yin, e sta usando il suo potere su di lui per fare del male nella nazione.

Un immortale in allenamento di nome Taikobo viene scelto dal grande saggio immortale per il progetto Hoshin, attraverso il quale si cercherà di fermare o distruggere i demoni maligni che infestano il mondo. Nel corso delle sue avventure, Taikobo incontra e si unisce ad altri potenti compagni e si prepara per scacciare via i demoni ed eventualmente distruggere la stessa Dakki.

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Il manga è stato scritto da Ryu Fujisaki e serializzato dal 24 giugno 1996 al 6 novembre 2000 sulla rivista Weekly Shōnen Jump edita da Shūeisha. In seguito i vari capitoli sono stati raccolti in 23 volumi tankōbon usciti tra il 1º novembre 1996[2] e il 22 dicembre 2000[3].

In Italia fu pubblicato da Star Comics nella collana Dragon dal 1º marzo 2007[4] al 7 gennaio 2009[5].

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
11º novembre 1996[2]ISBN 4-08-872141-1 1º marzo 2007[4]
210 gennaio 1997[6]ISBN 4-08-872142-X 2 aprile 2007[7]
34 aprile 1997[8]ISBN 4-08-872143-8 2 maggio 2007[9]
44 giugno 1997[10]ISBN 4-08-872144-6 1º giugno 2007[11]
54 agosto 1997[12]ISBN 4-08-872145-4 2 luglio 2007[13]
63 ottobre 1997[14]ISBN 4-08-872146-2 2 agosto 2007[15]
74 dicembre 1997[16]ISBN 4-08-872147-0 3 settembre 2007[17]
84 marzo 1998[18]ISBN 4-08-872529-8 3 ottobre 2007[19]
91º maggio 1998[20]ISBN 4-08-872552-2 2 novembre 2007[21]
103 luglio 1998[22]ISBN 4-08-872575-1 3 dicembre 2007[23]
112 settembre 1998[24]ISBN 4-08-872602-2 3 gennaio 2008[25]
124 novembre 1998[26]ISBN 4-08-872627-8 4 febbraio 2008[27]
138 gennaio 1999[28]ISBN 4-08-872654-5 3 marzo 2008[29]
142 aprile 1999[30]ISBN 4-08-872698-7 3 aprile 2008[31]
153 giugno 1999[32]ISBN 4-08-872723-1 2 maggio 2008[33]
164 agosto 1999[34]ISBN 4-08-872746-0 3 giugno 2008[35]
174 novembre 1999[36]ISBN 4-08-872783-5 2 luglio 2008[37]
182 febbraio 2000[38]ISBN 4-08-872820-3 4 agosto 2008[39]
194 aprile 2000[40]ISBN 4-08-872845-9 3 settembre 2008[41]
202 giugno 2000[42]ISBN 4-08-872871-8 2 ottobre 2008[43]
214 settembre 2000[44]ISBN 4-08-873007-0 3 novembre 2008[45]
222 novembre 2000[46]ISBN 4-08-873034-8 3 dicembre 2008[47]
2322 dicembre 2000[3]ISBN 4-08-873059-3 7 gennaio 2009[5]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Serie 1999[modifica | modifica wikitesto]

Un adattamento anime prodotto da Studio Deen e diretto da Junji Nishimura fu trasmesso su TV Tokyo dal 3 luglio al 25 dicembre 1999.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

GiapponeseKanji」 - RōmajiIn onda
Giapponese
1「太公望、封神計画を授かる」 - Taikōbō, hōshin keikaku o sazuga-ru3 luglio 1999
2「太公望、最初の封神す」 - Taikōbō, saicho no hōshin-su10 luglio 1999
3「陳塘関に宝貝人間出現す」 - Chintōkan ni paopei ningen shutsugensu17 luglio 1999
4「陳塘関の蓮桃大戦」 - Chintōkan no Hasumomo Taisen24 luglio 1999
5「西伯侯姫昌朝歌を脱出す」 - Seihakukō Kishō Chōka o dasshutsu-su31 luglio 1999
6「雷震子、起風発雷す」 - Raishinshi, Kifūhatsurai-su7 agosto 1999
7「皇后姜妃、逆賊として囚われる」 - Kōgō Kyōhi, gyakuzoku oshite torawareru14 agosto 1999
8「太公望、楊戩に試される」 - Taikōbō, Yōzen ni tamesareru21 agosto 1999
9「黄飛虎、造反を決意す」 - Kō Hiko, zōban o ketsui-su28 agosto 1999
10「臨潼関に快男児あらわる」 - Rintōkan ni kaidanji to arawaru4 settembre 1999
11「太公望、黄飛虎と出会う事」 - Taikōbō, Kō Hiko to deau koto11 settembre 1999
12「黄飛虎、聞仲、街道に対決す」 - Kō Hiko, Bunchū, kaidō ni taiketsu su18 settembre 1999
13「太公望、西伯侯姫昌と邂逅す」 - Taikōbō, Seihakukō Kishō to kaikō-su25 settembre 1999
14「西岐軍、北へ出陣す」 - Seikigun, kita e shutsujin-wu2 ottobre 1999
15「四聖猛攻」 - Shisei mōkō9 ottobre 1999
16「四聖封神」 - Shisei hōshin16 ottobre 1999
17「弦、崇城に流るる事」 - Gen, Sūjō ni nagaruru koto23 ottobre 1999
18「兄弟、荒野に帰還す」 - Kyōdai, kōya ni kikan-su30 ottobre 1999
19「朝歌炎上」 - Chōka enjō6 novembre 1999
20「殷王朝滅亡す」 - In ōchō metsubō-su13 novembre 1999
21「妲己封神」 - Dakki Hōshin20 novembre 1999
22「崑崙山攻防戦」 - Konronsan kōbōsen27 novembre 1999
23「太公望、玉虚宮に進退極まる」 - Taikōbō, Kyoku Kyokū ni shintai kiwamaru4 dicembre 1999
24「元始天尊、太公望に未来を見せる事」 - Genshi Tenson, Taikōbō ni mirai o miseru koto11 dicembre 1999
25「太公望、追憶の川に釣り針を降ろす事」 - Taikōbō, tsuioku no kawa ni tsuribari o orosu koto18 dicembre 1999
26「太公望、道を示す事」 - Taikōbō, michi o shimesu koto25 dicembre 1999

Serie 2018[modifica | modifica wikitesto]

Un remake della serie, prodotto da C-Station e diretto da Masahiro Aizawa viene trasmesso su Tokyo MX, Sun TV, KBS Kyoto, BS11 e AT-X dal 12 gennaio 2018[48].

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

GiapponeseKanji」 - RōmajiIn onda
Giapponese
1「封神の書」 - Fūjin no sho12 gennaio 2018
2「哪吒」 - Nata19 gennaio 2018
3「楊戩」 - Yōsen26 gennaio 2018
4「武成王造反」 - Takeshi Warakusho2 febbraio 2018
5「二つの道」 - Futatsu no michi9 febbraio 2018
6「老賢人に幕は降り」 - Rō kenjin ni maku wa ori16 febbraio 2018
7「仙界大戦、開幕!!」 - Senkai taisen, kaimaku!!23 febbraio 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Comic-Con News Wrap, Anime News Network, 24 luglio 2006. URL consultato il 5 marzo 2018.
  2. ^ a b (JA) 封神演義 1, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  3. ^ a b (JA) 封神演義 23, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  4. ^ a b Hoshin Engi 1, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  5. ^ a b Hoshin Engi 23, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  6. ^ (JA) 封神演義 2, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  7. ^ Hoshin Engi 2, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  8. ^ (JA) 封神演義 3, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  9. ^ Hoshin Engi 3, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  10. ^ (JA) 封神演義 4, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  11. ^ Hoshin Engi 4, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  12. ^ (JA) 封神演義 5, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  13. ^ Hoshin Engi 5, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  14. ^ (JA) 封神演義 6, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  15. ^ Hoshin Engi 6, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  16. ^ (JA) 封神演義 7, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  17. ^ Hoshin Engi 7, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  18. ^ (JA) 封神演義 8, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  19. ^ Hoshin Engi 8, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  20. ^ (JA) 封神演義 9, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  21. ^ Hoshin Engi 9, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  22. ^ (JA) 封神演義 10, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  23. ^ Hoshin Engi 10, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  24. ^ (JA) 封神演義 11, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  25. ^ Hoshin Engi 11, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  26. ^ (JA) 封神演義 12, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  27. ^ Hoshin Engi 12, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  28. ^ (JA) 封神演義 13, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  29. ^ Hoshin Engi 13, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  30. ^ (JA) 封神演義 14, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  31. ^ Hoshin Engi 14, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  32. ^ (JA) 封神演義 15, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  33. ^ Hoshin Engi 15, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  34. ^ (JA) 封神演義 16, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  35. ^ Hoshin Engi 16, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  36. ^ (JA) 封神演義 17, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  37. ^ Hoshin Engi 17, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  38. ^ (JA) 封神演義 18, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  39. ^ Hoshin Engi 18, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  40. ^ (JA) 封神演義 19, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  41. ^ Hoshin Engi 19, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  42. ^ (JA) 封神演義 20, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  43. ^ Hoshin Engi 20, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  44. ^ (JA) 封神演義 21, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  45. ^ Hoshin Engi 21, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  46. ^ (JA) 封神演義 22, Shūeisha. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  47. ^ Hoshin Engi 22, Star Comics. URL consultato il 5 marzo 2018.
  48. ^ (EN) New Hoshin Engi TV Anime Reveals Visual, Anime News Network, 2 agosto 2017. URL consultato il 5 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga