Hans-Olaf Henkel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hans-Olaf Henkel
Hans-Olaf Henkel 14.1.14.JPG

Eurodeputato
Legislature VIII
Gruppo
parlamentare
Conservatori e Riformisti Europei
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Alternativa per la Germania
Professione manager e giornalista politico

Hans-Olaf Henkel (Amburgo, 14 marzo 1940) è un politico tedesco, dal 2014 eurodeputato per il partito Alternativa per la Germania iscritto al gruppo parlamentare Conservatori e Riformisti Europei.

In precedenza manager e giornalista politico, è stato un dirigente dell'IBM, presidente del Bundesverband der Deutschen Industrie, BDI, la federazione delle industrie tedesche e presidente della associazione Leibniz, un'unione di istituti di ricerca non universitari tedeschi che si occupano di diverse branche di studio. Nel 2014 si è iscritto ad Alternativa per la Germania, partito con cui si è candidato alle elezioni europee.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hans-Olaf Henkel è nato e cresciuto ad Amburgo. Ha studiato presso la Akademie für Gemeinwirtschaft, che è si è unita alla Universität für Wirtschaft und Politik (HWP) per diventare la odierna Università di Amburgo nel 2005. Henkel è entrato nella IBM Germany nel 1962. Dal settembre 1993 al dicembre 1994 è stato capo della IBM Europe, Middle East and Africa con sede a Parigi. Dal 1995 al 2000 è stato presidente della federazione delle industrie tedesche (BDI).[1]

Fimo al 2013 Henkel è stato membro del consiglio di amministrazione della Bayer AG, Continental AG, DaimlerChrysler Aerospace, Ringier AG e altre aziende. Si è dimesso dagli incarichi all'atto dell'entrata in politica. Dal novembre 2000 tiene lezioni come professore di International Management all'Università di Mannheim.[1]

Nel novembre 2010 Henkel ha suggerito, in un articolo della rivista tedesca Focus che ha ricevuto forte rilievo, di dividere l'Eurozona creando due monete, una del nord e una del sud. Nel 2011 ha proposto in un articolo del Financial Times che "Austria, Finlandia, Germania e Paesi Bassi dovrebbero lasciare l'Eurozona" e "creare una nuova moneta lasciando l'euro dov'è".[2]

Henkel ha ricevuto una laurea ad honorem dal Politecnico di Dresda. Il WWF lo ha nominato "Environmental Manager dell'anno". È autore di numerose pubblicazioni e ha ricevuto tra i vari premi il Premio Internazionale di letteratura Corine.[1]

Attualmente è parte del comitato dell'OMFIF dove prende parte a incontri relativi al sistema monetario e finanziario. Il 23 aprile 2015 dà le dimissioni dalla carica di vicepresidente del partito.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Rettet unser Geld!: Deutschland wird ausverkauft - Wie der Euro-Betrug unseren Wohlstand gefährdet, 2010.
  • Die Abwracker: Wie Zocker und Politiker unsere Zukunft verspielen, 2009.
  • Der Kampf um die Mitte: Mein Bekenntnis zum Bürgertum, 2007.
  • Die Ethik des Erfolgs. Spielregeln für die globalisierte Gesellschaft, 2004.
  • Die Macht der Freiheit, 2002.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25392232 · ISNI (EN0000 0001 0960 5119 · LCCN (ENn2002100111 · GND (DE118158430 · WorldCat Identities (ENn2002-100111