Jo Nesbø

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jo Nesbø

Jo Nesbø (Oslo, 29 marzo 1960) è uno scrittore, musicista e attore norvegese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nesbø è nato nel 1960 ad Oslo ed è cresciuto a Molde. Ha una laurea in Economia conseguita presso la Norwegian School of Economics.[1] Prima di abbracciare il mestiere di scrittore ha giocato a calcio con il Molde (con cui ha vinto il Norgesmesterskapet G19 1978, competizione nazionale riservata ai calciatori Under-19),[2] ha lavorato come giornalista free-lance e ha fatto il broker in borsa.

Il suo primo romanzo giallo, Flaggermusmannen, ha riscosso un successo immediato in patria, scalando le classifiche in pochissimo tempo e vincendo il Glass Key Award per il miglior romanzo giallo norvegese nel 1998: solo il primo di numerosi premi vinti. Ha scritto anche letteratura per ragazzi e racconti. È cantante, compositore e chitarrista della band Di Derre, con la quale ha pubblicato vari album. Nel 2001 è uscito il suo primo lavoro da solista: Karusellmusikk. Suo fratello Knut è stato anch'egli membro dei Di Derre, dopo una prestigiosa carriera di calciatore.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Serie Harry Hole[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il pipistrello, (Flaggermusmannen, 1997), Einaudi, 2014
  2. Scarafaggi, (Kakerlakkene, 1998), Trad. Margherita Podestà Heir Einaudi, 2015
  3. Il pettirosso, (Rødstrupe, 2000), Trad. Giorgio Puleo, Piemme 2006; Einaudi, 2015
  4. Nemesi, (Sorgenfri, 2002), Trad. Giorgio Puleo, Piemme, 2007; Einaudi, 2015
  5. La stella del diavolo, (Marekors, 2003), Trad. Giorgio Puleo, Piemme, 2008; Einaudi, 2015
  6. La ragazza senza volto, (Frelseren, 2005),Trad. Giorgio Puleo, Piemme, 2009; Einaudi, 2015
  7. L'uomo di neve, (Snømannen, 2007), Piemme, 2010; Einaudi, 2017
  8. Il leopardo, (Panserhjerte, 2009), Trad. Eva Kampmann, Einaudi, 2011
  9. Lo spettro, (Gjenferd, 2011) Einaudi, 2012
  10. Polizia, (Politi, 2013), Trad. Eva Kampmann, Einaudi, 2013
  11. Sete, (Tørst, 2017), Trad. Eva Kampmann, Einaudi, 2017
  12. Il coltello, (Kniv, 2019), Trad. Eva Kampmann, Einaudi, 2019

Serie Il dottor Prottor[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il dottor Prottor e la superpolvere per petonauti, (Doktor Proktors prompepulver, 2007), Salani, 2009
  2. Il dottor Prottor e la vasca del tempo, (Doktor Proktors tidsbadekaret, 2008), Salani, 2011
  3. Il dottor Prottor e la distruzione del mondo, (Doktor Proktor og verdens undergang. Kanskje, 2010), Salani, 2012
  4. Il dottor Prottor e il grande furto d'oro, (Doktor Proktor og det store gullrøveriet, 2012), Salani, 2013
  5. Il dottor Prottor e la pazza pazza corsa, (Can Doctor Proctor Save Christmas?, 2016), Salani, 2017

Serie Il Pescatore[modifica | modifica wikitesto]

  1. Sangue e neve,(Blod på snø, 2015), Trad. Eva Kampmann , Einaudi 2015
  2. Sole di mezzanotte, (Mere blod, 2015), Trad. Eva Kampmann , Einaudi, 2016

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Siero, in AA.VV., Stesso sangue, Einaudi, 2016 (Karusellmusikk, 1999)
  • Gelosia (Sjalusimannen og andre fortellinger, 2021), trad. Eva Kampmann, Einaudi, 2021
    contiene i racconti: Londra, Gelosia, La fila, Spazzatura, La confessione, Odd e L'orecchino

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jo Nesbo | Biography, Books, & Facts, su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  2. ^ (NO) Her blir Jo Nesbø matchvinnar for Molde i junior-NM, su nrk.no. URL consultato il 21 novembre 2016.
  3. ^ (NO) Knut Nesbø er død, su vg.no. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  4. ^ (NO) Mia Becker e Knut-Øyvind Hagen, Rivertonprisen til Jo Nesbø, su nrk.no, 16 maggio 2020. URL consultato il 16 luglio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44460209 · ISNI (EN0000 0001 2130 5231 · SBN UBOV810465 · Europeana agent/base/51261 · LCCN (ENn2002049296 · GND (DE120887657 · BNE (ESXX4844125 (data) · BNF (FRcb13533676p (data) · J9U (ENHE987007311348705171 · NSK (HR000550835 · NDL (ENJA01156324 · CONOR.SI (SL137808739 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002049296