Manil Suri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manil Suri nel 2007

Manil Suri (Mumbai, 10 luglio 1959) è uno scrittore e matematico statunitense d'origine indiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1959 a Mumbai[1], ha frequentato l'Università della città natale prima di trasferirsi negli Stati Uniti e completare gli studi di matematica all'Università Carnegie Mellon[2].

Divenuto professore all'Università della Contea di Baltimora, ha iniziato a scrivere racconti negli anni '80 e nel 1995 ha cominciato a lavorare al suo primo romanzo, La morte di Vishnu, pubblicato nel 2001 con un buon riscontro di critica e pubblico[3].

Autore di altre due opere componenti una trilogia di divinità induiste, ha ricevuto il Rolf Heyne Buchpreis nel 2001[4] e il McKitterick Prize l'anno successivo[5].

Particolarmente attento alle rivendicazioni della comunità LGBT in interventi apparsi sul New York Times e il Washington Post, vive e lavora a Silver Spring[6].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Trilogia Hindu[modifica | modifica wikitesto]

  • La morte di Vishnu (The Death of Vishnu), Milano, Mondadori, 2001 traduzione di Silvia Orsi ISBN 88-04-48834-4.
  • L'età di Shiva (The Age of Shiva, 2008), Milano, Mondaodri, 2011 traduzione di Carlo Prosperi ISBN 978-88-04-60704-5.
  • The City of Devi (2013)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore[modifica | modifica wikitesto]

Finalista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Manil Suri Biography, su bookbrowse.com. URL consultato il 15 giugno 2019.
  2. ^ (EN) Profilo dell'autore, su theconversation.com. URL consultato il 15 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Biografia, bibliografia e citazioni, su goodreads.com. URL consultato il 15 giugno 2019.
  4. ^ Elenco dei vincitori su www.literaturportal-bayern.de
  5. ^ (EN) Albo d'oro, su societyofauthors.org. URL consultato il 15 giugno 2019.
  6. ^ (EN) Introduzione all'autore e raccolta di articoli, su nytimes.com. URL consultato il 15 giugno 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79179907 · ISNI (EN0000 0001 1493 9666 · LCCN (ENn00032710 · GND (DE122703405 · BNF (FRcb14407963g (data) · NDL (ENJA00924848 · WorldCat Identities (ENn00-032710