Governatori romani della Siria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La provincia di Sira all'interno dell'Impero romano

Questa è una lista dei governatori della provincia romana di Siria, localizzata nei moderni stati di Siria, Giordania, Israele, Libano e Palestina. Sino alla riforma dioclezianea, tutti i governatori sono da intendere come Legati Augusti pro praetore di rango consolare.

La provincia romana di Siria[modifica | modifica wikitesto]

La provincia venne istituita già nel 64 a.C. da Gneo Pompeo Magno dopo la deposizione dell'ultimo sovrano seleucide, Antioco XIII, nel corso della terza guerra mitridatica. Ottaviano ricostituì nel 27 a.C. la provincia, con capitale ad Antiochia e classificata come provincia imperiale. Vi erano stanziate quattro legioni ed era governata da un legato di rango proconsolare, mentre le finanze furono affidate ad un procuratore di rango ducenario. Da Settimio Severo divisa in Siria Celesiria (Syria Coele) e Siria Fenice (Syria Phoenice). Con la riforma tetrarchica le due province della Celesiria e della Siria Fenice entrarono a far parte della diocesi di Oriente, nella Prefettura del pretorio d'Oriente. Sotto Teodosio I la Celesiria fu ulteriormente suddivisa nelle province di "Siria" (Syria), "Siria Salutare" (Syria Salutaris) e Siria Eufratense (Syria Euphratensis), mentre la Siria Fenicia in quelle di Fenicia (Phoenice) e Fenicia Libanese (Phoenicia Libanesia): tutte e cinque le nuove province rimasero nella diocesi di Oriente, quest'ultima ancora compresa nella prefettura al pretorio per l'Oriente. La nuova provincia era governata da un questore propretore (quaestor propraetore), il primo dei quali fu Marco Emilio Scauro.

Evoluzione delle province orientali-meridionali (futura Diocesi Oriente)
prima della conquista romana regno di Siria (Seleucidi) regno di Commagene
(vassall. regno d'Armenia)
Palmira
(città indipendente)
regno di Giudea (Asmonei)
dal 64/63 a.C. prov. di Siria regno di Commagene
(vassall. regno d'Armenia)
Palmira
(città indipendente)
regno di Giudea
("cliente" di Roma)
dal 19 d.C. Siria
(annessa Palmira)
regno di Commagene
("cliente" di Roma)
Palmira
(annessa a Siria)
Giudea
dal 72 Siria
(annessa Commagene)
Giudea e Palestina
dal 193/198 Syria Phoenice Syria Coele Syria Palaestina
al momento della divisione tetrarchica 293 Syria Phoenice Siria Coele Augusta Euphratensis Syria Palestina
al momento della Not. Dign. 400 Phoenice Phoenice Libanensis Syria Salutaris Syria Augusta Euphratensis Palestina I Palestina II

Lista di governatori romani[modifica | modifica wikitesto]

Periodo repubblicano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Repubblica romana.
Governatori della Siria romana
Anno Syria
6562 a.C. Marco Emilio Scauro
6360 a.C. Lucio Marcio Filippo
5958 a.C. Gneo Cornelio Lentulo Marcellino
5755 a.C. Aulo Gabinio
5453 a.C. Marco Licinio Crasso
5351 a.C. Gaio Cassio Longino
5150 a.C. Marco Calpurnio Bibulo
50/49 a.C. Veientone
4948 a.C. Quinto Cecilio Metello Pio Scipione Nasica
4746 a.C. Sesto Giulio Cesare
4644 a.C. Quinto Cecilio Basso
45 a.C. Gaio Antistio Vetere
44 a.C. Lucio Staio Murco
4442 a.C. Gaio Cassio Longino
4140 a.C. Lucio Decidio Saxa
4039 a.C. Occupazione da parte dei Parti
3938 a.C. Publio Ventidio Basso
3837 a.C. Gaio Sosio
35 a.C. Lucio Munazio Planco
34/3333/32 a.C. Lucio Calpurnio Bibulo

Periodo alto imperiale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Alto Impero romano.
Governatori della Siria romana e prefetti/procuratori di Giudea
Anno Syria Giudea
30 a.C. Quinto Didio
29 a.C. Marco Valerio Messalla Corvino
2825 a.C. Cicerone Minore
2523 a.C. Varrone
2313 a.C. Marco Vipsanio Agrippa
13/1210/9 a.C. Marco Tizio
10/97/6 a.C. Gaio Senzio Saturnino
7/64 a.C. Publio Quintilio Varo
41 a.C. sconosciuto[1]
1 a.C.4 Gaio Giulio Cesare Vipsaniano non ancora provincia
45 Lucio Volusio Saturnino non ancora provincia
69 Publio Sulpicio Quirinio Coponio
912 ? Marco Ambibulo
1215 Quinto Cecilio Metello Cretico Silano Annio Rufo
1517 Quinto Cecilio Metello Cretico Silano Valerio Grato
1719 Gneo Calpurnio Pisone Valerio Grato
Anno Syria Giudea
19-21 Gneo Senzio Saturnino Valerio Grato
22-24[2] Lucio Elio Lamia[2] Valerio Grato
24-29[2] Lucio Elio Lamia[2] Publio Lentulo
29-32[2] Lucio Elio Lamia[2] Ponzio Pilato
32-35 Lucio Pomponio Flacco Ponzio Pilato
35-36 Lucio Vitellio Ponzio Pilato
36-39 Lucio Vitellio Marcello (fino al 37?)
39-41/42 Publio Petronio Marullo (dal 37?)
41/4244/45 Gneo Vibio Marco Regno di Giudea
4546 Cassio Longino Cuspio Fado (dal 44)
46 – 49 Cassio Longino Tiberio Giulio Alessandro (al 48)
5052 Gaio Ummidio Durmio Quadrato Ventidio Cumano (dal 48)
5260 Gaio Ummidio Durmio Quadrato Marco Antonio Felice
6063 Gneo Domizio Corbulone Porcio Festo (al 62)
6364 Gaio Cestio Gallo Lucceio Albino (dal 62)
6467 Gaio Cestio Gallo Gessio Floro (al 66)
6769 Gaio Licinio Muciano ...
7072 Lucio Cesennio Peto[3] Lucilio Basso (fino al 73)
7378 Marco Ulpio Traiano Flavio Silva (nel 73) poi annessa alla Siria
78 - 82 Lucio Ceionio Commodo
82 - 84 Tito Atilio Rufo
87? – 89 Publio Valerio Patruino[4]
9093 Aulo Bucio Lappio Massimo[5]
93 - 96 Gaio Ottavio Tidio Tossiano L. Iavoleno Prisco
96 - 97 Marco Cornelio Nigrino Curiazio Materno
97 - 100 Aulo Larcio Prisco
100 - 104 Gaio Anzio Aulo Giulio Quadrato
104 - 108 Aulo Cornelio Palma Frontoniano
108 - 112 Lucio Fabio Giusto
114/115 - 117 Gaio Giulio Quadrato Basso
117 Publio Elio Adriano
117 - 119 Lucio Catilio Severo Giuliano Claudio Regino
120 - 130 Silvano Quinto Coredio Gallo Gargilio Antiquo
129 - 135 Gaio Quinzio Certo Publizio Marcello
135 - 136 Gneo Minicio Faustino Sesto Giulio Severo
136 - 140 Sesto Giulio Maggiore
140 Lucio Burbuleio Optato Ligariano
142 Domizio Seneca[6]
147 - 150 Sulpicio Giuliano
150 - 154 Marco Ponzio Leliano Larcio Sabino
154 - 157 Marco Cassio Apollinare
157? - 162? Lucio Attidio Corneliano
158 - 159 Giulio Severo[7]
159 - 160 Massimo Luciliano[8]
160 - 163 Lucio Attidio Corneliano
163 - 164 Marco Annio Libone
164 - 166 Gneo Giulio Vero
166 - 175 Gaio Avidio Cassio
175 - 178 Publio Marzio Vero
179 - 182 Publio Elvio Pertinace
183 - 185 Gaio Domizio Destro
187 - 190 Gaio Giulio Saturnino
187 - 190 Asellius Aemilianus
190 - 193 Gaio Pescennio Nigro
193 - 194 Manlio Fusco[9]
198 Venidio Rufo
c. 207 Domizio Leone Procilliano
c. 207 - 209 Mario Massimo
c. 209 - 211 Minicio Marziale
213 D. Pio Cassio
c.216 Aurelius Mam(---)
c. 221 Antonio Seleuco
tra il 225 e il 235 Quinto Aradio Rufino Optato Eliano
(?) 235 (? Claudio Solemio) Pacaziano
c. 241 Attio Rufino
c. 241 - 249 Flavio Antiocio
c. 251 Atilio Cosmino
c. 251 Pomponio Leziano
Durante gli anni 260 Virio Lupo
Tra il 268 ed il 270 Salvio Teodoro
c. 275 Massimino[10]
c. 279 Giulio Saturnino
tra il 276 ed il 282 Claudio Cleobulo

Periodo tardo imperiale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tardo Impero romano.
Governatori della Siria romana e prefetti/procuratori di Giudea
Anno Syria
Tra il 284 e il 305 Lucio Artorio Pio Massimo
Tra il 289 ed il 297 L. Aelius Helvius Dionysius
290 Carisio
292293 Crispinus
Tra il 293 ed il 305 Elil Statuo
Tra il 293 ed il 303 Sossianus Hierocles
Tra il 293 ed il 305 Latinius Primosus
Prima del 305 Giulio Giuliano
305 Verinus
? Tra il 309/313 Maximus
? 323 Dyscolius
c. 323 Achillius
Dopo il 324 Arrio Massimo
Tra il 324 ed il 337 Plutarchus
328 - 329 Fl. Dionysius
tra il 329 ed il 335 Fl. Dionysius[11]
335 Archelaus
c. 337 Nonnus
338 Nonnus[12]
342 Marcellinus
347 Theodorus
348 Fl. Antonius Hierocles
349 Anatolius
Prima del 353 Honoratus
353/4 Apollinaris
354 Theophilus
355 Dionysius
355 - 356 Gymnasius
Prima del 358 Demetrius
358 Nicentius
358 - 359 Sabinus
(?) 359/60 Euchrostius
Prima del 360 Julianus
360 Tryphonianus
360 Italicianus
360 - 361 Andronicus
Prima del 361 Aelius Claudius Dulcitius
361 Anatolius
361 Siderius
c. 361/2 Polycles
362 Julianus
362 - 363 Gaianus
363 Alexander
363 - 364 Marius
363 – 364 Celsus
364 Marcianus
364 Ulpianus
364 - 365 Domninus
Tra il 364 ed il 380 Protasius[13]
Tra il 365 ed il 368 Festus
Tra il 365 ed il 371 Aetherius
Tra il 370 ed il 374 Fl. Eutolmius Tatianus
372 Leontius
c. 379/80 Carterius
380 Petrus
Prima del 381 Domnicus
c. 382 Marcellinus
c. 382/3 Pelagius
Tra il 382 ed il 393 Timocrates
382 - 383 Proculus
c. 384/5 Eumolpius
386 Tisamenus
387 Celsus
Prima del 388 Eustathius
388 Antherius
388 Epiphanius
388 Eustathius[14]
388 Lucianus
389 Eutropius
c. 389/90 Palladius
390 Infantius
390 Domitius
391 Severianus
392 Leontius
Prima del 392 Capitolinus
Prima del 392 Iullus
? 392/3 Florentius
Before 393/4 Severus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Qualcuno considera che Lucio Calpurnio Pisone il "Pontefice" potrebbe essere stato governatore di Siria, basandosi sull'iscrizione chiamata Lapis Tiburtinus.
  2. ^ a b c d e f Tacito, Annales VI, 27; Cassio Dione Cocceiano, LVIII, 19.5.
  3. ^ Giuseppe Flavio, La guerra giudaica, VII, 3.4.
  4. ^ AE 1974, 655; AE 2003, 2061; AE 1997, 1761.
  5. ^ AE 2006, 1842; AE 2006, 1843.
  6. ^ AE 2006, 1853.
  7. ^ AE 2007, 1766 e AE 2007, 1767.
  8. ^ AE 1994, 1914.
  9. ^ Hall, pg. 94
  10. ^ Martindale & Jones, pg. 1105
  11. ^ Hall, pg. 95
  12. ^ Hall, pg. 96
  13. ^ Vedi Martindale & Jones, p. 1106.
  14. ^ Hall, pg. 103

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emil Schürer, Géza Vermes e Fergus Millar, The history of the Jewish people in the age of Jesus Christ (175 B.C.-A.D. 135), Volume I, Edinburgh 1973, p. 243-266 (Survey of the Roman Province of Syria from 63 B.C. to A.D. 70).
  • Linda Jones Hall, Roman Berytus: Beirut in late antiquity (2004)
  • Martindale, J. R.; Jones, A. H. M, The Prosopography of the Later Roman Empire, Vol. I AD 260-395, Cambridge University Press (1971)
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma