Gaio Sosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Sosio
Gaius Sosius.jpg
Moneta di Gaio Sosio
Nome originale Gaius Sosius
Gens Sosia
Consolato 32 a.C.

Gaio Sosio (latino: Gaius Sosius; fl. 66 a.C.-31 a.C.; ... – ...) è stato un militare e politico della Repubblica romana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaio Sosio venne eletto questore nel 66 a.C. e pretore nel 49 a.C. Dopo l'inizio della Guerra civile romana entrò a far parte degli Ottimati. Dopo la fuga di Pompeo in Grecia, Sosio ritornò a Roma e si sottomise a Gaio Giulio Cesare

Dopo l'assassinio di Cesare, Sosio si alleò con Marco Antonio, dal quale nel 38 a.C. fu nominato governatore della Siria e della Cilicia al posto di Publio Ventidio Basso. Come governatore, a Sosio venne ordinato di supportare Erode contro Antigone II. Nel 37 a.C. avanzò contro Gerusalemme e dopo che fu diventato capo della città, Sosio piazzò Erode sul trono di Giudea.

Come merito dei suoi servizi e delle sue imprese, egli ottenne un trionfo nel 34 a.C., e divenne console insieme a Gneo Domizio Enobarbo nel 32 a.C. Quando scoppiò la Guerra civile tra Ottaviano e Marco Antonio, Sosio espose le considerazione di Antonio e attaccò violentemente Ottaviano al Senato.

Nel 31 a.C., Sosio comandò una flotta di Marco Antonio con la quale doveva distruggere la flotta di Lucio Arrunzio o metterlo in fuga, ma, quando quest'ultimo ebbe i rinforzi di Marco Vipsanio Agrippa, l'alleato di Sosio Tarcondimoto - re della Cilicia - venne ucciso e Sosio stesso fu obbligato a ritirarsi. Nella Battaglia di Azio, Sosio comandava l'ala sinistra della flotta. Dopo la battaglia, dalla quale fu costretto a fuggire, venne scoperto in un nascondiglio e Sosio fu catturato e portato davanti a Ottaviano che, grazie all'intercessione di Lucio Arrunzio, lo perdonò. Egli ritornò a Roma e completò il suo progetto del Tempio di Apollo Sosiano (cominciato nel 34 a.C.), dedicandolo al nome di Ottaviano.

Si sa solo di due figlie: Sosia e Sosia Galla, possibilmente da una Asinia.[1] una Nonia oppure una Aelia. Ma il cognome riappare in Q. Sosio Senecio, (console in 99 e 107 AD).[2] e San Sosio (275-305 AD).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Women, children and senators on the Ara Pacis Augustae page 353,n.88, Gaius Stern .
  2. ^ Some Arval Brethren Ronald Syme.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Ottaviano II
e
Lucio Volcacio Tullo
(32 a.C.)
con Gneo Domizio Enobarbo
Ottaviano III
e
Marco Valerio Messalla