Lucio Fabio Giusto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lucio Fabio Giusto (latino: Lucius Fabius Iustus; 69 circa – dopo il 105) è stato un politico e militare romano dell'Impero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Giusto seguì il normale cursus honorum e divenne console suffectus nel 102[1]. Fu nominato governatore della provincia di Mesia inferiore attorno al 103/104[2]. All'inizio della seconda campagna dacica di Traiano del 105, fu attaccato dal re dei Daci, Decebalo, ma riuscì a respingerlo, probabilmente presso il vallo della Dobrugia, e grazie all'accorrente esercito, guidato dallo stesso imperatore Traiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • Julian Bennet, Trajan, Optimus Princeps, Bloomington 2001. ISBN 0-253-21435-1
  • Filippo Coarelli, La colonna Traiana, Roma 1999. ISBN 88-86359-34-9
  • Guido Migliorati, Cassio Dione e l'impero romano da Nerva ad Antonino Pio – alla luce dei nuovi documenti, Milano 2003.
  • András Mócsy, Pannonia and Upper Moesia, Londra 1974. ISBN 0-415-13814-0
  • R.Syme, Danubian Papers, Londra 1971.