Gabriellino D'Annunzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gabriele Maria D'Annunzio detto Gabriellino (Roma, 10 aprile 1886Roma, 18 dicembre 1945) è stato un attore e regista italiano, figlio del più noto Gabriele D'Annunzio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque come secondogenito del già famoso Gabriele D'Annunzio e di Maria Hardouin di Gallese, e fu chiamato con entrambi i nomi dei genitori.

Nel 1918 si innamorò di Maria Teresa Brizi, di 10 anni più giovane. Tredici anni prima aveva interpretato La fiaccola sotto il moggio. Gabriellino si ammalò misteriosamente nel 1925; la madre accusò la nuora di averlo avvelenato. Mentre Gabriellino era in clinica, la moglie, in carcere in attesa di processo, morì nel 1926 di tubercolosi. È probabile che i disturbi alla vista e nervosi fossero in realtà dovuti alla sifilide.[1]

Fu sempre accanto al padre, anche in guerra, e spedì addirittura le lettere a Mussolini, nonostante alcuni dissidi, dal 1926 al 1929; diresse anche il film La nave, tratto da un'opera del padre.

Morì il 18 dicembre 1945 a 59 anni, a causa della malattia che lo affliggeva.

Filmografia come regista[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • De Tizio Franco. La tormentata vita di Gabriellino D'Annunzio. 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]