Foro de São Paulo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Foro de São Paulo (FSP, in italiano Forum di San Paolo) è una conferenza dei partiti politici di sinistra e altre organizzazioni dell'America Latina e dei Caraibi. È stato lanciato dal Partito dei Lavoratori (in portoghese: Partido dos Trabalhadores - PT) del Brasile nel 1990 nella città di San Paolo.[1]

Secondo gli organizzatori, attualmente sono più di 100 i partiti politici e le organizzazioni che partecipano alle riunioni. Le posizioni politiche variano all'interno di una vasta gamma, che comprende i partiti socialdemocratici, organizzazioni comunitarie, sindacali e sociali legate alla sinistra cattolica, gruppi etnici e ambientali, le organizzazioni nazionaliste, i partiti comunisti e anche gruppi guerriglieri come le FARC. A queste ultime, tuttavia, è stato poi esplicitamente impedito di partecipare dal 2005[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Forum di San Paolo è stato costituito nel 1990, quando il Partito dei Lavoratori brasiliani contattò altri partiti e movimenti sociali dell'America Latina e dei Caraibi con l'obiettivo di discutere del nuovo scenario internazionale dopo la caduta del muro di Berlino e le conseguenze dell'attuazione delle politiche neoliberiste adottate da parte dei governi della regione, a quel tempo di destra.[3]

Al primo incontro, tenutosi a San Paolo, nel luglio del 1990, parteciparono i membri di 48 partiti e organizzazioni provenienti da America Latina e dei Caraibi. Il nome originale era Incontro dei Partiti e delle Organizzazioni di Sinistra e Antimperialiste dell'America Latina (in portoghese: Encontro de Partidos e Organizações de Esquerda e Antiimperialistas da América Latina). Nel 1991, a Città del Messico, l'incontro cominciò ad essere chiamato anche Foro de São Paulo, in riferimento al luogo del primo incontro.

Le successive riunioni si sono tenute a Managua (1992), L'Avana (1993), Montevideo (1995), San Salvador (1996), Porto Alegre (1997), Città del Messico (1998), Managua (2000), L'Avana (2001), Antigua Guatemala (2002), Quito (2003), San Paolo (2005), San Salvador (2007), Montevideo (2008), Città del Messico (2009), Buenos Aires (2010), Managua (2011), Caracas (2012), San Paolo (2013), La Paz (2014), Città del Messico (2015).

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei partiti politici partecipanti[4]:

Nazioni Organizzazioni Associate
Argentina Argentina
  • Frente Grande
  • Fronte Trasversale Nazionale e Populare
  • Movimiento Libres del Sur
  • Partito Comunista
  • Partito Comunista – Congresso Straordinario
  • Partito Comunista Rivoluzionario
  • Partido Umanista
  • Partido Intransigente
  • Partito Operaio Revoluzionario-Posadista
  • Partito Socialista
  • Partido Solidario
  • Unione dei Militanti per il Socialismo.
Aruba Aruba
  • Partito Rete Democratica
Bolivia Bolivia
Brasile Brasile
Cile Cile
Colombia Colombia
Costa Rica Costa Rica
  • Partito Fronte Ampio
  • Avanguardia Popolare -Partito Comunista
Cuba Cuba
Curaçao Curaçao
  • Partito Popolo Sovrano
Ecuador Ecuador
El Salvador El Salvador
Guatemala Guatemala
Haiti Haiti
  • Organizzazione del Popolo in Lotta
Honduras Honduras
  • Fronte Nazionale di Resistenza Popolare
  • Partito Libertà e Rifondazione - LIBRE
Martinica Martinica
  • Partito Comunista per l'Indipendenza e il Socialismo
  • Consiglio Nazionale dei Comitati Popolari
Messico Messico
Nicaragua Nicaragua
Panama Panama
  • Partito del Popolo del Panamá
Paraguay Paraguay
  • Partito Popolare Tekojoja
  • Partito Convergenza Popolare Socialista
  • Partito Comunista Paraguaiano
  • Partito del Movimento al Socialismo
  • Partito País Solidale
Perù Perù
Porto Rico Porto Rico
  • Fronte Socialista
  • Movimento Independentista Nazionale Hostosiano
  • Partito Nazionalista di Porto Rico
Rep. Dominicana Rep. Dominicana
Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago
  • Movimento per la Giustizia Sociale
Uruguay Uruguay
Venezuela Venezuela

Successi elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della fondazione del FSP solo il Partito Comunista Cubano era al governo. Negli anni successivi i partiti aderenti andarono al governo in Venezuela con Hugo Chavez e Maduro del PSUV, Brasile con Lula e Rousseff del PT, Uruguay con Tabaré Vazquez e Pepe Mujica del Fronte Ampio, Bolivia con Morales del MAS, Cile con Bachelet del PS, Ecuador con Correa del PAIS, Nicaragua con Ortega del FSNL, Paraguay con Lugo, El Salvador con Funes e Sánchez Cerén del FMNL, Perù con Humala del Partito Nazionalista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BREVE HISTÓRICO DO FORO DE SÃO PAULO, su averdadesufocada.com, 23 agosto 2014.
  2. ^ a b Folha de S.Paulo, PT barrou as Farc em foro da esquera em São Paulo.
  3. ^ Donato Di Santo sul Manifesto, Nuove sinistre crescono oltre l'Atlantico (PDF).
  4. ^ Forodesaopaulo.org.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Alleanza Bolivariana per le Americhe

Internazionale Socialista

Socialismo del XXI secolo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il sito del Foro de São Paulo

America Portale America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Americhe