Festa di santa Lucia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Festa di Santa Lucia)
Processione per Santa Lucia in Svezia, 2007

La Festa di Santa Lucia è una festività cristiana che si celebra il 13 dicembre, nell'Avvento, in ricordo di Santa Lucia, martire del III secolo sotto Persecuzione dei cristiani sotto Diocleziano[1]. Ella, secondo la leggenda, portava "cibo e aiuti ai cristiani che si nascondevano nelle catacombe" usando una corona di candele per "illuminare la sua strada e lasciare le sue mani libere per portare più cibo possibile ".[2][3] La sua festa coincide con il solstizio d'inverno, il giorno più corto dell'anno prima delle riforme del calendario.[4][5] Cadendo nella stagione dell'Avvento, il giorno di Santa Lucia è visto come un evento che segnala l'arrivo del Tempo di Natale, che culmina con l'arrivo della Luce di Cristo nel calendario, il giorno di Natale.[1][3]

La Festa di Santa Lucia viene celebrata principalmente in Scandinavia, dove sono lunghi e oscuri gli inverni ed è un giorno di festa importante, e in Italia.[6] In Scandinavia è rappresentata come una donna in abito bianco (colore della purezza del battesimo) e fascia rossa (colore del sangue del suo martirio) e con una corona di candele sulla sua testa.[7] In Norvegia, Svezia e nelle regioni di lingua svedese della Finlandia, si cantano canzoni E le ragazze vestite da Santa Lucia portano in processione biscotti e panini allo zafferano, come metafora del "portare la luce del Cristianesimo attraverso le tenebre del mondo". "[7][8] Sia i Protestanti che i Cattolici partecipano a queste processioni, e i ragazzi impersonano di solito altre figure legate al Natale, come Santo Stefano.[7] Si dice che celebrare computamente la giornata di Santa Lucia aiuterà a vivere le lunghe giornate invernali con sufficiente luce. Una speciale devozione a Santa Lucia è praticata nelle regioni italiane della Lombardia, dell'Emilia-Romagna, del Veneto, del Friuli Venezia Giulia, del Trentino-Alto Adige, nel nord del paese, e della Sicilia, nel sud, così come nelle coste croate regione della Dalmazia. In Ungheria e in Croazia, una tradizione popolare nel giorno di Santa Lucia prevede di piantare chicchi di grano: questi, che il giorno di Natale saranno già alti, rappresentano la Natività.[3]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Un'iscrizione del IV secolo a Siracusa in memoria di una tal Euskia menziona il giorno di Santa Lucia come una festa locale: recita « Euschia, irreprensibile, vissuta buona e pura per circa 25 anni, morì nella festa della mia santa Lucia, per la quale non vi è elogio come conviene. Cristiana, fedele, perfetta, riconoscente a suo marito di una viva gratitudine. ». [9] La festa di Santa Lucia divenne una festa universale della Chiesa nel VI secolo, commemorando la morte del martire cristiano il 13 dicembre 304 d.C. [10] Il giorno di Santa Lucia appare nel sacramentario di Papa Gregorio I, così come quello di Beda il Venerabile, e erano edificate chiese dedicate a Santa Lucia in Italia e in Inghilterra. [11][12]

Più tardi i missionari cristiani arrivarono in Scandinavia per evangelizzare la popolazione locale, portando con sé la commemorazione di Santa Lucia, e questa "storia di una fanciulla che portava luce in mezzo alle tenebre senza dubbio ha avuto un grande significato per le persone che, nel mezzo di un dicembre del Mare del Nord, desideravano il sollievo dal calore e dalla luce ". [13] La celebrazione della festa di Santa Lucia è attestata per la prima volta nel Medioevo e continuò dopo la Riforma protestante negli anni 1520 e 1530, sebbene la celebrazione, nei modi odierni, abbia solo circa 200 anni. Santa Lucia è ancora oggi uno dei pochi santi celebrati dal popolo nordico prevalentemente luterano: danesi, svedesi, Finlandesi e norvegesi ma anche negli Stati Uniti e in Canada.

Si ipotizza che le celebrazioni della festa di Santa Lucia in Scandinavia possano conservare alcuni indigeni elementi pagani e pre-cristiani di origine mediovale germanica perchè, come gran parte del folklore e persino della religiosità scandinava, sono incentrate sulla lotta annuale tra luce e oscurità. È anche probabile che la tradizione debba la sua popolarità nei paesi nordici all'estremo cambiamento delle ore diurne tra le stagioni in questa regione. La festa pre-cristiana di Yule, o jól, era la festa più importante in Scandinavia e nel Nord Europa, una occasione per banchettare, bere, fare regali ed incontrarsi. In generale la celebrazione del solstizio d'inverno è collegata a molte pratiche che sonompoi confluite nel periodo dell'Avvento e nelle celebrazioni natalizie di oggi.

13 dicembre[modifica | modifica wikitesto]

In Scandinavia, come in tutta l'Europa protestante, fino alla metà del XVIII secolo, questa era la notte più lunga dell'anno, in coincidenza con il solstizio d'inverno, in quanto era impiegato ancora il calendario giuliano [14]. Tanto che il poeta inglese John Donne scriverà poi il poema A Nocturnal Upon S. Lucy's Day, Being the Shortest Day..

L'attuale calendario gregoriano servì a riparare una discrepanza originata dalla minore precisione del calendario giuliano: se c'erano otto giorni di sfasamento nel XIV secolo, questi erano già 10 nel XVI secolo, per arrivare a a 11 giorni nel XVIII secolo quando la Scandinavia adottò il nuovo calendario: allora il solstizio d'inverno cadeva il 9 dicembre! In verità la notte del solstizio d'inverno ad occhio nudo non è visibilmente più breve dei diversi giorni che precedono e seguono la data e sebbene l'effettiva data giuliana del solstizio d'Inverno sarebbe potuta essere anche il 15 o il 14 dicembre, nel momento in cui il cristianesimo fu introdotto in Scandinavia, il 13 dicembre era allora considerato come il giorno più corto.

La scelta del 13 dicembre come giorno di Santa Lucia, tuttavia, precede l'errore di otto giorni del calendario giuliano del XIV secolo. Questa data è attestata nel calendario monastico pre-tridentico, e probabilmente risalente alle prime attestazioni del cultodella santa, tra VI e VII secolo, ed è la data oggi usata in tutta Europa. Così, mentre il mondo cambiava da un sistema di calendario giuliano a quello gregoriano - e quindi acquisiva una nuova data per il solstizio d'inverno - il giorno di Santa Lucia era conservato il 13 dicembre, e non si spostò verso il 21.

Nell'impero romano il 25 dicembre (secondo il calendario giuliano) era celebrato come il giorno natale del Sole, il compleanno del Sol Invictus, come si può vedere nel Cronografo del 354, e veniva fatta corrispondere alla data del Solstizio d'inverno. I primi cristiani consideravano questa una probabile data per la natività di Gesù Cristo, poiché si riteneva comunemente che il mondo fosse stato creato il giorno dell'equinozio di primavera (25 marzo all'epoca), e che allo stesso modo Cristo fosse stato concepito in quella data, per poi nascere nove mesi dopo. Il 25 dicembre, appunto. [15]

Santa Lucia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Lucia di Cosimo Rosselli, Firenze, c. 1470, tempera su legno
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Santa Lucia.

Secondo la tradizione, Lucia nacque da genitori ricchi e nobili intorno al 283. Suo padre era di origine romana, ma morì quando lei aveva cinque anni, [4] lasciando Lucia e sua madre senza un tutore legale. Sebbene non esistano fonti per la sua vita che non siano le agiografie, Santa Lucia (il cui nome Lucia si riferisce alla "luce" (Lux in latino), sarebbe stata una santa siciliana martirizzata a Siracusa intorno al 310 d.C. [16] La Leggenda aurea di Giacomo da Varagine, compilata per la prima volta nel XIII secolo, un compendio diffuso e influente delle biografie dei santi, è la fonte principale sulla sua vita.

Ella avrebbe portato sua madre, malata, nel santuario di Sant'Agnese, dove fu guarita: Lucia allora convinse la madre a permetterle di distribuire gran parte delle loro ricchezze tra i poveri.[17] Lucia poi si rifiutò di sposare un pagano e da questi fu denunciato alle autorità romane: secondo la leggenda fu minacciata di venire condotta in un bordello se non avesse abiurato ma al suo rifiuto nemmeno un cinquanta buoi a cui era stata legata riuscirono a spostarla. Allora accatastarono legna per una pira, così da bruciarla sul posto: nel mentre lei continuava a parlare, dicendo che la sua morte non avrebbe spaventato gli altri cristiani ma avrebbe addolorato i non credenti. Uno dei soldati le infilò una lancia in gola per fermare queste denunce, ma senza alcun effetto. Santa Lucia morì in seguito, solo dopo avere ricevuto la comunione.[18] Charles Macfarlane scrisse che il suo principale reato potrebbe essere avere donato tutta la sua grande ricchezza ai poveri invece di condividerlo con il suo pretendente, che per questo l'avrebbe poi accusata presso il governatore di professare il cristianesimo [12]

Tutti i dettagli della sua vita sono quelli convenzionali associati alle martiri femminili dei primi anni del IV secolo ed John Henry Blunt vede la sua storia come un romanzo cristiano simile a quello di altri vergini martiri. [19] In un'altra storia, Santa Lucia aiutava i cristiani a nascondersi nelle catacombe durante le persecuzione dei cristiani sotto Diocleziano, e per portare con sé quante più provviste possibili, aveva bisogno di avere entrambe le mani libere: risolse così attaccando le candele a una ghirlanda sulla sua testa

Santa Lucia è spesso raffigurata in arte con una palma come simbolo del martirio. [20]

Celebrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Croazia e Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

In Ungheria e in Croazia, una tradizione popolare nel giorno di Santa Lucia prevede di piantare chicchi di grano che il giorno del Natale saranno alti diversi centimetri in Natale: questo nuovo grano serve come simbolo della nuova vita nata a Betlemme, la Natività, e qualche volta viene posta una candela vicino alla nuova pianta "come simbolo della Luce di Cristo". [21]

Santa Lucia (Caraibi[modifica | modifica wikitesto]

A Santa Lucia, una piccola isola dei Caraibi, il 13 dicembre si festeggia il santo patrono ed è festa nazionale. Il Festival Nazionale delle Luci e del Rinnovamento si svolge la sera del 12 dicembre in onore di Santa Lucia da Siracusa, la santa della luce. Durante questa celebrazione, vengono accese luci decorative (per lo a tema natalizio) nella capitale Castries; gli artigiani partecipano con lanterne decorate e le celebrazioni ufficiali terminano con uno spettacolo pirotecnico. [22]

Scandinavia[modifica | modifica wikitesto]

La processione

In Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia, Lucia è venerata il 13 dicembre in una cerimonia in cui viene eletta una ragazza per rappresentarla. Indossa un abito bianco con una fascia rossa e una corona di candele in testa, cammina davanti a una processione di donne, ognuna con una candela. Le candele simboleggiano il fuoco che ha rifiutato di prendere la vita di Santa Lucia quando è stata condannata al rogo. Le donne cantano una canzone mentre entrano nella stanza, sulla melodia della tradizionale canzone napoletana Santa Lucia: se i testi italiani descrivono il panorama di Borgo Santa Lucia a Napoli, i vari testi scandinavi sono modellati per l'occasione, descrivendo la luce con cui Lucia vince l'oscurità. Ogni nazione scandinava ha testi nelle proprie lingue. Dopo aver terminato questa canzone, la processione canta canzoni di Natale o altre canzoni su Lucia.

Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

Ragazze danesi in processione nella scuola pubblica di Helsingør, 2001

In Danimarca il Luciadag fu celebrato per la prima volta il 13 dicembre 1944: la tradizione fu importata direttamente dalla Svezia per iniziativa di Franz Wend, segretario di Föreningen Norden, come un tentativo "di portare luce in un tempo di oscurità". Implicitamente era inteso come una protesta passiva contro l'occupazione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale, ma da allora è velocemente diventata una tradizione. Sebbene sia stata importata dalla Svezia, differisce in parte per il fatto che la celebrazione è sempre stata fortemente legata alla religiosità cristiane, ed anzi è un evento importante nella maggior parte delle chiese in concomitanza con il Natale. Scuole e asili nido usano anche l'occasione per offrire un giorno di festa ai bambini in uno degli ultimi giorni prima delle vacanze natalizie, ma per il resto non ha molto impatto su altri aspetti della società.

Invece la versione tradizionale danese della canzone napoletana non è particolarmente cristiana nel testo: Nu bæres lyset frem / stolt på din krone. / ​​Rundt om i hus og hjem / sangen skal tone. ("La luce è portata avanti / orgogliosamente sulla tua corona. / Intorno la casa e dentro / La canzone deve suonare ora.") Esiste anche una versione del testo più legata alla religione cristiana, Sankta Lucia, scritta nel 1982 dal pastore Holger Lissner.

Il giorno di Santa Lucia è celebrato anche nelle Isole Fær Øer.

Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Le celebrazioni finlandesi sono storicamente legate alla cultura svedese e agli Svedesi di Finlandia. Celebrano il Luciadagen una settimana prima del solstizio d'inverno e la santa è celebrata come un "faro di luminosità" nel periodo più buio dell'anno [23]. Le prime testimonianze delle celebrazioni di Santa Lucia in Finlandia risalgono al 1898 mentre le prime grandi feste sono del 1930, un paio d'anni dopo che le celebrazioni in Svezia erano diventate cosa comune. La prima "Santa Lucia della Finlandia" è stata eletta dal 1949 ed incoronata nella Cattedrale di Helsinki mentre le varie Santa Lucia locali sono elette in quasi tutti i luoghi in cui esiste una popolazione svedesofona in Finlandia. Recentemente anche la popolazione di lingua finlandese ha iniziato ad abbracciare le celebrazioni [24].

Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente i norvegesi chiamavano il 13 dicembre Lussinatten: era la notte più lunga dell'anno e non si lavorava. Lussi, una temibile strega, puniva chiunque osasse lavorare e da quella notte fino a Natale spiriti, gnomi e troll vagavano per la terra mentre gli animali della fattoria acquisivano il dono della parola [25]. Lussinatt, la notte del 13 dicembre, fu in gran parte dimenticato in Norvegia fin dall'inizio del XX secolo, sebbene persistesse il ricordo di una notte inquietante, e le celebrazioni si riducevano allezone agricole nell'entroterra centrale e orientale. Fu solo dopo la Seconda Guerra Mondiale che la moderna celebrazione di Santa Lucia fu adottata in Norvegia su scala più ampia per arrivare ad essere, oggi, osservata in tutto il paese.

Come la tradizione svedese, e diversamente da quella danese, Santa Lucia è in gran parte un evento laico, magari osservata negli asili e nelle scuole. Tuttavia negli ultimi anni è stata incorporata nella liturgia dell'Avvento nella Chiesa di Norvegia: i ragazzi vengono compresi nella processione per rappresentare i Magi con alti cappelli oppure cantando inni in onore di Santo Stefano. Normalmente i bambini delle scuole formano processioni attraverso i corridoi dell'edificio scolastico portando candele e distribuendo Lussekatt. Anche se raramente viene celebrata in casa, èpossibile i genitori si prendano una pausa dal lavoro per assistere a queste processioni mattutine a scuola al mattino. Più tardi, nel corso della giornata, la processione di solito visita le case di riposo, gli ospedali e le case di cura locali.

La versione norvegese tradizionale della canzone napoletana è, proprio come quella danese, non particolarmente di natura cristiana: Svart senker natten seg / i stall og stue. / Solen har gått sin vei /skyggene truer. ("La notte scende nera / nella stalla e nel soggiorno. / Il sole è scomparso / le ombre minacciano.")

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Lucia nel 1848 raffigurata da Fritz von Dardel.
Corteo di Santa Lucia nella chiesa di Borgholm, Svezia, 2012

Alcuni tracciano la "rinascita" delle celebrazioni di Lucia in Svezia collegandola alla tradizione presente nelle famiglie protestanti tedesche di avere ragazze vestite da angeli che distribuivano regali di Natale. La variante svedese di questo Kindchen Jesus o Christkind, si chiamava Kinken Jesus, e iniziò ad apparire nelle famiglie delle classi agiate nel XVIII secolo alla vigilia di Natale con una corona di candele tra i capelli, distribuendo caramelle e dolci a i bambini. Un'altra teoria sostiene che la celebrazione di Santa Lucia si sia evoluta dalle antiche tradizioni svedesi dei Cantori della Stella, angeli vestiti di bianco che cantavano canti natalizi in diversi eventi durante l'Avvento e il Natale. In entrambi i casi, l'attuale tradizione di avere una donna vestita di bianco con le candele tra i capelli che apparivano la mattina del giorno di Santa Lucia iniziò nell'area intorno a Vänern nel tardo XVIII secolo e si diffuse lentamente in altre parti del paese durante il XIX secolo.

La tradizione moderna delle processioni pubbliche nelle città svedesi iniziò nel 1927 quando un quotidiano di Stoccolma scelse ufficialmente una Lucia per la città quell'anno. L'iniziativa poi prese piede in tutto il paeseattraverso la stampa locale e oggi la maggior parte delle città svedesi elegge una Lucia ogni anno. Le scuole eleggono una Lucia e le sue ancelle tra gli studenti e una Lucia nazionale viene eletta dalla televisione di stato tra le vincitrici regionali, le quali poi visiteranno centri commerciali, case per anziani e chiese, cantando e distribuendo biscotti i Pepparkakor, tradizionali biscotti allo zenzero. I ragazzi prendono parte alla processione, interpretando diversi ruoli associati al Natale: alcuni possono essere vestiti con lo stesso tipo di veste bianca, ma con un cappello a forma di cono decorato con stelle dorate, e sono i stjärngossar ("ragazzi stella"); alcuni possono essere vestiti da tomtenissar (elfi di Babbo Natale), portando lanterne; alcuni da uomini di pan di zenzero. Partecipano al canto e hanno anche una canzone o due riservate di loro, di solito Staffan Stalledräng, che racconta la storia di Santo Stefano, il primo martire cristiano, che si prende cura dei suoi cinque cavalli.

Anche se il giorno di Santa Lucia non è una festa ufficiale in Svezia, è comunque una celebrazione popolare in Svezia. In molte università, gli studenti organizzano grandi cene formali poiché questa è l'ultima occasione per festeggiare insieme prima che la maggior parte di loro torni a casa dalle famiglie per Natale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mary Ellen Hynes e Peter Mazar, Companion to the Calendar, Liturgy Training Publications, 1993, p. 186, ISBN 978-1-56854-011-5. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  2. ^ Carla Barnhill, St. Lucy’s Day, in Christian History Magazine, Issue 103.
  3. ^ a b c Joelle Hanson, Santa Lucia Day traditions, ELCA, 13 dicembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  4. ^ a b St. Lucy, St. Lucy's Church, Scranton, Pennsylvania. URL consultato il 13 dicembre 2014.
  5. ^ William D. Crump, The Christmas Encyclopedia, 3rd, Jefferson, NC, McFarland & Company, 2006, ISBN 978-0-7864-2293-7.
    «Prior to the adoption of the Gregorian calendar in the sixteenth century, St. Lucy's Day fell on the winter solstice, which poses a factor in her association with light, and her day Christianized a day formerly associated with the pagan Germanic goddess Berchta ...».
  6. ^ Carla Barnhill, St. Lucy’s Day, in Issue 103, Christian History Magazine.
  7. ^ a b c (EN) Sarah Numico, Nordic Europe relies on Saint Lucy, symbol of light in winter, when darkness prevails, SIR, 12 dicembre 2015.
  8. ^ Paul Bommer, December 13 St. Lucy's Day, St. Nicholas Center, 2010. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  9. ^ Ines Belski Lagazzi, Saint Lucy, Mimep-Docete, 2012, ISBN 978-88-8424-222-8.
  10. ^ Christine Moorcroft, Religious Education, Folens Limited, 1º maggio 2004, pp. 30, ISBN 978-1-84303-656-2.
    «Christmas in Sweden begins on 13 December with the festival of St Lucia, a Sicilian girl martyred in 304 Ce. According to legend she took food to Christians hiding in underground tunnels, and to light the way, wore a wreath of candles on her head. She became known as the patron saint of light. ... most churches have St Lucia procesions where young people wear crowns of evergreens (to symbolise new life) and carry burning candles while singing the carol Santa Lucia.
  11. ^ Alban Butler e Paul Burns, Butler's Lives of the Saints, A&C Black, 1995, p. 113, ISBN 978-0-86012-261-6.
    «A fourth-century inscription mentioning that a girl called Euskia died on Lucy's feast-day survives at Syracuse. Lucy was honoured at Rome in the sixth century as one of the most illustrious virgin martyrs whose lives the Church celebrates. Her name is included in the Canons of the Roman and Ambrosian rites and occurs in the oldest sacramentaries, in Greek liturgical books, and in the marble calendar of Naples. ...In England two ancient churches were dedicated to her, and she has certainly been known since the end of the seventh century.».
  12. ^ a b Charles MacFarlane, The Camp of Refuge: A Tale of the Conquest of the Isle of Ely, Simpkin, Marshall & Co., 1887, p. 480.
    «She appears to have died in prison, of wounds, on 13th December 304, A.D. In the 6th century she was honored at Rome among the most illustrious virgins whose triumphs the church celebrates, as appears from the Sacramentary of St. Gregroy, Bede, and others.».
  13. ^ Carla Barnhill, St. Lucy’s Day, in Issue 103, Christian History Magazine.
    «Eventually, Lucy’s story made its way from Italy to Scandinavia, most likely with missionaries who came to evangelize the Vikings. The story of a young girl bringing light in the midst of darkness no doubt held great meaning for people who, in the midst of a North Sea December, were longing for the relief of warmth and light.».
  14. ^ (SV) Nordisk familjebok (1876–1926), Runeberg. URL consultato il 13 dicembre 2014.
  15. ^ Christmas (Encyclopædia Britannica)
  16. ^ Hamer, Richard. 2006. Guilte Legende. Oxford University Press for the Early English Text Society. Volume 1, p 25.
  17. ^ Bridge, James. "St. Lucy." The Catholic Encyclopedia Vol. 9. New York: Robert Appleton Company, 1910. 1 December 2017
  18. ^ Hamer, Richard. 2006. Volume 1, pp 22–25.
  19. ^ Blunt, John Henry Blunt. The Annotated Book of Common Prayer, London, 1885:176
  20. ^ Hassett, Maurice. "Palm in Christian Symbolism." The Catholic Encyclopedia Vol. 11. New York: Robert Appleton Company, 1911. 1 December 2017
  21. ^ Joelle Hanson, Santa Lucia Day traditions, ELCA, 13 dicembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2015.
    «The tradition of planting wheat on St. Lucy's Day comes from Hungary, Croatia and other European nations. Plant wheat grains in a round dish or plate of soil, then water the seeds. Place the container in a warm spot. If the planting medium is kept moist (not sopping wet), the seeds will germinate and the shoots will be several inches high by Christmas. Then the new green shoots, reminding us of the new life born in Bethlehem, may be tied with a ribbon, if desired, and a candle may be placed near them as a symbol of the Light of Christ.».
  22. ^ National Day – Festival of Lights and Renewal
  23. ^ Winter Solstice celebrations in Finland, Euronews, 14 dicembre 2012.
  24. ^ Folkhälsan: Lucia – legend och historia. Archiviato il 11 ottobre 2007[Date mismatch] in Internet Archive.
  25. ^ Steves, Rick. "Norwegian Christmas", Rick Steves' Europe

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]