Bassa modenese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bassa modenese
Stati Italia Italia
Regioni Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Territorio 9 comuni della provincia di Modena
Capoluogo Modena
Lingue italiano, dialetto modenese della Bassa
Nome abitanti modenesi

La Bassa modenese, denominata anche semplicemente "la Bassa" dai modenesi, è una porzione territoriale situata a nord della provincia di Modena, estesa per circa 15 chilometri in lunghezza e 40 chilometri in larghezza. Questa parte di territorio comprende i comuni del modenese situati al di sotto dei 25 metri sul livello del mare. Il territorio de "la Bassa" è delimitato a nord dalla provincia di Mantova, ad ovest dalla provincia di Reggio Emilia e ad est dalle province di Ferrara e quella di Bologna. Il territorio comprende anche l'unione comuni modenesi Area nord (UCMAN) con annesso corpo di polizia municipale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine etrusca e gallica, fu anche colonia romana. Durante il XVIII secolo e la prima metà del XIX secolo, il territorio era posto sotto l'autorità del Ducato di Modena e Reggio, esclusa la città di Mirandola, posta sotto l'autorità della famiglia nobiliare dei Pico dal 1311 al 1711, anno nel quale la cittadina passò al duca Rinaldo d'Este (1655-1737) e diventò anche essa parte del ducato. Nel 1737 entrò a far parte del ducato anche la cittadina di Novellara. Le zone furono anche teatro dei moti del 1831, capitanati dal patriota carpigiano Ciro Menotti, noto affiliato alla carboneria e ideatore del progetto di coinvolgere il duca di Modena, Francesco IV, in un'insurrezione dal carattere costituzionalista.

La Bassa modenese è stata colpita dal sisma dell'Emilia del 2012.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

La Bassa modenese comprende un totale di 9 comuni.

Comuni della Bassa Modenese con distanza da Modena:

Idrografia e conformazione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Nella bassa modenese scorrono i fiumi Secchia e Panaro, entrambi affluenti di destra del fiume Po. Il fiume Secchia nasce sull'appennino tosco-emiliano, presso il passo del Cerreto e possiede una direzione che lo porta a nord, facendogli raggiungere la pianura padana a Sassuolo, qui passa vicino alla città di Modena e con un alveo protetto dagli argini, confluisce nel Po, in zona a sud del mantovano, poco distante dalla foce del Mincio. Il fiume Panaro nasce con il nome rio delle Tagliole sull'appenino tosco-emiliano, vicino al monte Cimone, quando arriva sull'appennino modenese (precisamente a Pievepelago), cambia il proprio nome in Scoltenna, assumendo poco dopo la denominazione definitiva di Panaro, bagnando Finale Emilia e Bondeno. Per quello che riguarda la conformazione territoriale, "la Bassa" si trova in pieno della pianura padana, una terra molto fertile che favorisce il settore agroalimentare, con allevamenti e caseifici.

Cucina e piatti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

La terra è tra le zone d'origine del ballo liscio emiliano.

Architetture[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Collegio dei Gesuiti a Mirandola, dove all'interno si trova la biblioteca, la pinacoteca e il museo archeologico.
  • Torre dell'orologio di Finale Emilia.
  • Rocca Estense di San Felice Sul Panaro, dove all'interno si trova la biblioteca comunale e il museo archeologico. Sempre a San Felice è possibile vedere i resti delle mura di fortificazione.
  • Villa del Duca, a San Felice sul Panaro, una della residenze del duca Francesco IV d'Este.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia