Pepparkakor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pepparkakor
Freshly baked gingerbread - Christmas 2004.jpg
Origini
Altri nomiGinger nuts, ginger snaps
Luogo d'origineSvezia Svezia
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principalizenzero in polvere, spezie (tra cui cannella e noce moscata)

I Pepparkakor o Biscotti allo zenzero sono popolari biscotti svedesi aromatizzati alla cannella.[1] Comunemente sono conosciuti come Ginger snaps, da cui hanno avuto origine. I biscotti allo zenzero sono insaporiti con sciroppo di melassa,[2] con la polvere di zenzero e un insieme di altre spezie tra cui cannella e noce moscata.[3]

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito, nell'Isola di Man, in Australia e Nuova Zelanda e nelle ex colonie dell'impero britannico vengono chiamati con il nome Ginger nuts (biscotti allo zenzero). I Ginger nuts non devono essere confusi con i Pepper nuts (biscotti al pepe) che sono una varietà del pan di zenzero, di diametro più piccolo e più spessi. I biscotti allo zenzero della McVitie's sono stati classificati tra i dieci migliori biscotti da inzuppare nel tè.[4] I Ginger nuts sono i biscotti più popolari in Nuova Zelanda per la loro resistenza anche dopo essere stati inzuppati. La prima tra le fabbriche di produzione dolciaria Griffin's Food ha stimato che se ne producano all'incirca 60 milioni l'anno, dato da cui trae il suo titolo il libro 60 Million Gingernuts, una relazione su gli archivi economici della Nuova Zelanda.[5][6][7]

Nel nord Europa sono anche chiamati pan di zenzero o "brunkage" in danese (letteralmente "biscotti marroni"), pepparkakor in svedese, piparkakut in finlandese, piparkūkas in lettone, piparkoogid in estone e pepperkaker in norvegese (letteralmente "biscotti al pepe"). Nella preparazione, quando vengono stesi sono molto fini e tagliati in diverse forme; sono molto lisci e sottili, quindi anche più croccanti e in alcuni casi anche più saporiti del resto delle varianti di altri paesi. I chiodi di garofano, la cannella e il cardamomo sono i principali ingredienti dei pepparkakor, in cui il sapore dello zenzero è impercettibile. In passato per aromatizzare si usava il pimento che fu poi sostituito con i chiodi di garofano.[8] Negli Stati Uniti il loro nome più comune è ginger snaps e sono generalmente dei biscotti tondi, più spessi dei pepparkakor, caratteristici per le crepe sulla superficie. Una delle ricette prevede lo sciroppo d’acero.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pronuncia corretta di Pepparkakor su Pronny the Pronouncer Archiviato il 23 maggio 2016 in Internet Archive..
  2. ^ Grandma's Molasses Ginger Snaps Recipe
  3. ^ Abigail Johnson Dodge. "Ginger Snaps." Fine Cooking Dec 2005. 8 Jan 2010 http://www.finecooking.com/recipes/ginger-snaps.aspx
  4. ^ "Chocolate digestive is nation's favourite dunking biscuit". The Telegraph. 2 May 2009
  5. ^ FAQs | Griffin's Archiviato il 5 aprile 2016 in Internet Archive.
  6. ^ http://books.google.co.nz/books/about/60_Million_Gingernuts.html?id=HvV4t-jTwwgC&redir_esc=y
  7. ^ Gingernuts 250g | Griffin's Archiviato il 13 maggio 2016 in Internet Archive.
  8. ^ Mattila, Anna-Liisa: Piparikirja. Jyväskylä: Atena, 2001. ISBN 951-796-263-0.
  9. ^ Pasanen, Melissa with Gencarelli, Rick: Cooking with Shelburne Farms, food and stories from Vermont. New York, Viking Studio: 2007. ISBN 978-0-670-01835-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]