Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Aretusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Aretusa (disambigua).
Aretusa
Picart alpheus arethusa.jpg
Alfeo tenta di rapire Aretusa
SessoFemmina
la Storia di Alfeo e Aretusa sulla fontana rococò del Gros-Horloge di Rouen.

Aretusa (in greco antico: Ἀρέθουσα; in latino: Arethūsa) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Nereo e di Doride.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Il dio Alfeo, figlio di Oceano, si innamorò di lei spiandola mentre faceva il bagno nuda.

Aretusa però fuggì dalle sue attenzioni, scampando sull'isola di Ortigia, a Siracusa, chiedendo soccorso alla dea Artemide, che la tramutò in una fonte[1]. Zeus, commosso dal dolore di Alfeo, lo mutò in fiume a sua volta, permettendogli così, dal Peloponneso, in Grecia, di percorrere tutto il Mar Ionio per unirsi all'amata fonte. Forse in ragione di questa unione simbolica tra le due sponde dello Ionio Strabone afferma:

«Ogni volta che a Olimpia si celebrava un sacrificio – si diceva –, le acque della fonte Aretusa si macchiavano di rosso; e se a Olimpia si gettava una coppa nel fiume Alfeo, questa riemergeva nelle acque del mare di Siracusa.»

(Strabone, 6, 2, 4.)

Ancora oggi il mito rivive nell'isola di Ortigia grazie alla cosiddetta Fonte Aretusa, uno specchio di acqua che sfocia nel Porto Grande di Siracusa[1][2].

Aretusa nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

La ninfa è citata in una gran quantità di opere; fra queste si ricordano:

Nonché diverse poesie dell'Arcadia (da Marino a Jacopo Sannazzaro a diversi altri).

500 lire italiane

Nel 1966, Aretusa venne raffigurata sulla vecchia banconota da 500 lire italiane.

Aretusa nell'autorità popolare[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b F. S. Villarosa, Dizionario mitologico-storico-poetico, vol. I, Napoli, Tipografia Nicola Vanspandoch e C., 1841, p. 41.
  2. ^ Hermannus Torrentinus, Elucidario poetico, presso Domenico Lovisa, 1756. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  3. ^ Pagina di Arethusa e Alpheus in Theoi.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Antica[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

  • Fernando Palazzi, Giuseppe Ghedini, Piccolo dizionario di mitologia e antichità classiche, 15ª ed., Milano, Arnoldo Mondadori, luglio 1940 [agosto 1924].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153206030 · GND (DE14225861X