Le occasioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le occasioni
AutoreEugenio Montale
1ª ed. originale1939
GenerePoesia
Lingua originale italiano

Le occasioni è una raccolta di poesie di Eugenio Montale (1928-1939) ed apparve per la prima volta presso l'editore Einaudi nel 1939: si trattava di una raccolta di 50 poesie, a cui se ne aggiunsero altre quattro nella seconda edizione del 1940.

La maggior parte di esse erano state man mano pubblicate in varie riviste, e già nel 1932 cinque testi avevano costituito un piccolo volumetto, dal titolo La casa dei doganieri e altri versi. La raccolta presenta una struttura più concentrata di quella degli Ossi di seppia. Ossi di Seppia presentava otto sezioni, mentre quest'opera è divisa in sole cinque sezioni: dopo una poesia introduttiva, Il balcone, i testi sono raggruppati in quattro parti, numerate progressivamente con numeri da I a IV. Solo la II sezione ha un nome, Mottetti, e include 20 brevi componimenti; la terza, comunque priva di nome, presenta tre poesie dal comune titolo di Tempi di Bellosguardo.

La dedica iniziale "a I.B." è riferita a Irma Brandeis, che è presente nell'opera nella trasfigurazione poetica del personaggio di Clizia. Sempre di origine ebraica sono altre protagoniste delle liriche, come Dora Markus, Gerti Frankl e Liuba di Liuba che parte; tra esse, oltre alla Brandeis, Montale conobbe personalmente soltanto Gerti.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Eugenio Montale, La casa dei doganieri e altri versi, Vallecchi Editore, Firenze, 1932.
  • id., Le occasioni, (copertina illustrata da un'incisione di Francesco Menzio), Einaudi, Torino, I ed. ottobre 1939; II ed. accresciuta 1940; III ed. 1942; IV ed. 1943; V ed. 1945.
  • Eugenio Montale, Le occasioni. 1928-1939, Collezione Lo "Specchio".I poeti del nostro tempo, Milano, Mondadori, 1949-1976.
  • id., in L'opera in versi, edizione critica a cura di Rosanna Bettarini e Gianfranco Contini, Collana i millenni, Einaudi, Torino, 1980-1981.
  • id., Le occasioni. A cura di Dante Isella, Collana Nuova raccolta di classici italiani annotati, Einaudi, Torino, 1996-2003, ISBN 978-88-06-16518-5.
  • id., Le occasioni, commento e cura di Tiziana Rogatis, saggio critico di Luigi Blasucci, scritto di Vittorio Sereni, Collana Oscar poesia del Novecento, Mondadori, Milano, 2011, ISBN 978-88-04-52595-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il carteggio Einaudi-Montale per «Le occasioni (1938-1939)», a cura di Carla Sacchi, Einaudi, Torino, 1988.
  • Le «occasioni» di Eugenio Montale 1928-1939, Collana Quaderni ginevrini di italianistica, Pensa Multimedia, 2014, ISBN 978-88-6760-133-2.
  • Massimo Colella, Dal «gesto» alla «bufera»: Bellosguardo e Finisterre, in «Satura», VII, 28, 2014, pp. 42-56.
  • Massimo Colella, «Lo stupore che invade la conchiglia del Campo». Tempo e tempi di un trittico montaliano (tra Occasioni e Altri versi), in «Rivista di Letteratura Italiana», XXXIV, 2, 2016, pp. 99-116.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura