Eva Mameli Calvino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eva Mameli Calvino

Eva Mameli Calvino, all'anagrafe Giuliana Luigia Evelina Mameli (Sassari, 12 febbraio 1886Sanremo, 31 marzo 1978), è stata una botanica e naturalista italiana. Fu la prima donna a conseguire la libera docenza in botanica presso un'università italiana, fu amante delle sfide scientifiche[1] e di quelle civili (le fu conferita la medaglia d'argento della Croce Rossa e di bronzo dal Ministro degli Interni).[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Calvino nel giardino di villa Meridiana nel 1939

Nasce a Sassari da Giovanni Battista Mameli, alto ufficiale dei carabinieri, e Maria Maddalena Cubeddu, originaria di Ploaghe (non risponde a verità quanto ripetutamente scritto[3], cioè che il padre "era dei Mameli di Lanusei", parente di Goffredo Mameli, autore dell'inno nazionale italiano[4]). Fu sorella minore del chimico Efisio Mameli.

Nel 1903 a Cagliari consegue il diploma presso l'Istituto Tecnico Pietro Martini e lo stesso anno si iscrive alla Facoltà di Scienze dell'Università di Cagliari, dove nel 1905 ottiene una "licenza in fisica e matematica", un diploma superiore utile a insegnare nelle scuole[5]. Dopo la morte del padre, si trasferisce con la madre a Pavia, dove presso l'Università il fratello Efisio era docente di chimica[6]. A Pavia, nel 1907, si laurea in Scienze Naturali[7]. Nel 1915 ottiene la libera docenza in botanica, prima donna in Italia per tale disciplina[8].

Con il marito Mario Calvino lascia l'Italia per Cuba nel 1920. I due ritorneranno in Italia nel 1925 per stabilirsi a Sanremo, dove a Calvino era stata offerta la direzione della neoistituita Stazione sperimentale di floricoltura "Orazio Raimondo". Nel 1926 Eva Mameli Calvino diresse l'Orto botanico dell'Università di Cagliari, fino al 1929 quando tornò a Sanremo per svolgere delle attività presso la stazione diretta dal marito.

Fu docente di botanica all'Università di Cagliari, attiva presso la Stazione sperimentale di floricoltura di Sanremo, e per la sua opera di tutela degli uccelli è considerata la «prima e unica donna» del movimento per la conservazione della natura tra le due guerre[9].

Fu la madre dello scrittore Italo Calvino e del geologo Floriano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La prima di una lunga serie di pubblicazioni (oltre 200) di Eva Mameli Calvino risale al 1906, risultato delle sue ricerche eseguite nell'Orto botanico di Cagliari sul genere Fumaria, mentre un anno dopo pubblicò Sulla flora micologica della Sardegna[10] al quale diede seguito con un'ulteriore pubblicazione nel 1908.[11].Si è occupata, con i suoi scritti, prima di lichenologia, micologia e fisiologia vegetale, poi di genetica applicata alle piante ornamentali, fitopatologia e floricoltura[12]. Dal 1930, periodo in cui fonda assieme al marito la Società italiana amici dei fiori e la rivista «Il Giardino Fiorito», che dirigeranno dal 1931 al 1947, in svariati articoli si occupa della protezione degli uccelli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al merito della Croce Rossa Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito della Croce Rossa Italiana
Medaglia di bronzo al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor civile

[13]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • La città di Torino e quella di Avigliana le ha dedicato dei giardini.
  • La città di Soave le ha dedicato un parco urbano.
  • A Cagliari un istituto tecnico commerciale porta il suo nome.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F. Pedrotti, «Natura Alpina», LVI (2005), n° 3-4, p. 110.
  2. ^ Treccani.it Enciclopedia Mameli, Giuliana Eva Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 68 (2007), su treccani.it.
  3. ^ Pasquale Porcu, La mamma di Calvino? Era una scienziata sarda, 12 maggio 2013.
  4. ^ Riccardo Virdis, Tonino Loddo, "Le presunte origini ogliastrine di Eva Mameli Calvino", Studi Ogliastrini, 14 (2018), pp. 135-156.
  5. ^ Paola Govoni, "The Making of Italo Calvino: Women and Men in the 'Two Cultures' Home Laboratory", 2014, pp. 187-221.
  6. ^ Paola Govoni, "La casa laboratorio dei Calvino Mameli, tra scienza, arte e letteratura. Con lettere inedite di Italo Calvino a Olga Resnevic Signorelli", Belfagor, 2012, pp. 545-567.
  7. ^ Ivi.
  8. ^ A. Dröscher, Mameli Calvino Eva Giuliana, voce (on line) in Scienza a due voci. Le donne nella scienza italiana dal Settecento al Novecento dell'Università di Bologna.
  9. ^ Franco Pedrotti, Eva Mameli Calvino e la sua attività per la protezione degli uccelli, in «Natura Alpina», LVI (2005), nº 3-4, p. 110.
  10. ^ Eva Mameli Calvino, Sulla flora micologica della Sardegna. Prima contribuzione, in Atti dell'Istituto botanico di Pavia, s. 2, XIII, 1907, pp. 153-175.
  11. ^ Seconda contribuzione (ibid.), XIV, 1908, pp. 2-18.
  12. ^ Franco Pedrotti, op. cit., p. 107.
  13. ^ Elisabetta Strickland, Scienziate d'Italia: diciannove vite per la ricerca, Donzelli Editore, 2011, p. 78, ISBN 9788860366313.
  14. ^ Istituto Tecnico Commerciale Statale Eva Mameli Calvino, Cagliari, su cylex-italia.it. URL consultato il 26 settembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Areddu. A., Il caso Calvino, prefazione di Guido Melis, Sanremo, Leucotea editore, 2013.
  • Accati E., Fiori in famiglia. Storia e storie di Eva Mameli Calvino (Donne nella scienza), Editoriale Scienza, 2011, ISBN 978-88-7307-531-8.
  • Dröscher A., Mameli Calvino Eva Giuliana, voce (on line) in Scienza a due voci. Le donne nella scienza italiana dal Settecento al Novecento, dizionario delle "scienziate" italiane dell'Università di Bologna.
  • Forneris P., Marchi L., Il giardino segreto dei Calvino. Immagini dall'album di famiglia tra Cuba e Sanremo, Genova, De Ferrari, 2004.
  • Paola Govoni, Donne in un mondo senza donne». Le studentesse delle facoltà scientifiche in Italia, 1877-2005, in Quaderni storici, n. 1, 2009, pp. 213-248.
  • Govoni P., "La casa laboratorio dei Calvino Mameli, tra scienza, arte e letteratura. Con lettere inedite di Italo Calvino a Olga Resnevic Signorelli", in Belfagor, 2012, pp. 545-567.(on line).
  • Govoni, P., The Making of Italo Calvino: Women and Men in the 'Two Cultures' Home Laboratory, in Writing about Lives in Science: (Auto) Biography, Gender, and Genre, edited by P. Govoni and Z. A. Franceschi, Goettingen: Vandenhoeck &Ruprecht/V&R Unipress, 2014, pp. 187-221 (on line).
  • Macellari E., Eva Mameli Calvino, Ali&No editrice, 2010, ISBN 978-88-6254-047-6., con l'introduzione di Laura Guglielmi (online).
  • Migliore L., Mameli, Giuliana Eva, in «Dizionario Biografico degli Italiani», vol. 68, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma, 2007, pp. 376-378.
  • Elisabetta Mondello, Italo Calvino, Iconografia, Edizioni Studio Tesi, 1990.
  • Omar Onnis e Manuelle Mureddu, Illustres. Vita, morte e miracoli di quaranta personalità sarde, Sestu, Domus de Janas, 2019, ISBN 978-88-97084-90-7, OCLC 1124656644. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  • Franco Pedrotti, Eva Mameli Calvino, in Eadem, I pionieri della protezione della natura in Italia, Trento, Temi, 2012, pp. 139-144.
  • Secci M. Cristina, 2020, Eva Mameli Calvino. Retrato de una botánica italiana en Cuba (1920-1925), Editorial de la Universidad de Sevilla, ISBN 978-84-472-2203-2, pp. 159 (accesso libero).
  • Secci M. Cristina, 2017, Eva Mameli Calvino. Gli anni cubani (1920-1925), Metodi e Prospettive, Franco Angeli, ISBN 978-88-917-5273-4, pp. 141, Milano, 2017 (on line).
  • Secci M. Cristina, 2015, Sra Eva Mameli de Calvino, utile e forestiera botanica a Cuba, in Centroamericana 24.2 (2014), ISSN 2035-1496 (WC · ACNP), pp. 77-108 (pdf on line).
  • Secci M. Cristina, 2015, Eva Mameli y Mario Calvino: una presencia soslayada en el México revolucionario, in Literatura Mexicana vol. 26, n. 2, ISSN 0188-2546 (WC · ACNP), pp.  53-66, Centro de Estudios Literarios Instituto de Investigaciones Filológicas, UNAM (pdf on line).
  • Secci M. Cristina, 2013. Eva Mameli: le piante, il mio dovere e la mia passione, in Altre Modernità, n. 10, Università degli Studi di Milano, ISSN 2039-1544 (WC · ACNP) pdf on line
  • Secci M. Cristina, 2013, Eva Mameli: transformar las pasiones en deber, y vivirlas, in Revolución y Cultura. 3, ISSN 0864-1315 (WC · ACNP), pp 12-14, La Habana, Cuba pdf on line
  • Secci M. Cristina, 2013, Introducción, in Eva Mameli, Mario Calvino, 250 preguntas y respuestas sobre jardinería, Ed. DGE Equilibrista, Ciudad de México.
  • Secci M. Cristina, 2014, Eva Mameli e Mario Calvino: la scienza in valigia , in Quaderno di Italianistica n. 17, Ambasciata d'Italia a Cuba, L'Avana, Cuba, ISBN 9788861823495.
  • Secci M. Cristina, 2016, L'oasi tranquilla dell'orto botanico di Cagliari: cronistoria della formazione universitaria di Eva Mameli Calvino, in Ammentu Bollettino Storico e Archivistico del Mediterraneo e delle Americhe, ISSN 2240-7596, pdf on line
  • Elisabetta Strickland, Scienziate d'Italia. Diciannove vite per la ricerca, Roma, Donzelli Editore, 2011.
  • Virdis R., Loddo T., Le presunte origini ogliastrine di Eva Mameli Calvino, in "Studi Ogliastrini", 14 (2018), pp. 135-156

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70804268 · ISNI (EN0000 0001 1877 6585 · SBN SBLV235610 · LCCN (ENn2005088379 · GND (DE144038315 · BNF (FRcb16542284k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2005088379