Ti con zero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rivista di management ed economia col medesimo nome, vedi ticonzero.
Ti con zero
Autore Italo Calvino
1ª ed. originale 1967
Genere raccolta di racconti
Sottogenere fantascienza umoristica, fantastico
Lingua originale italiano
Serie Cosmicomiche
Preceduto da Le cosmicomiche
Seguito da La memoria del mondo e altre storie cosmicomiche

Ti con zero è una raccolta di racconti di Italo Calvino pubblicata da Einaudi nel 1967. I racconti in essa presenti hanno forti legami con quelli de Le cosmicomiche, pubblicate in raccolta due anni prima dallo scrittore ligure (ed originariamente pubblicate tra il 1963 e il 1964).

Il testo di Ti con zero è suddiviso in tre sezioni "Altri Qfwfq", "Priscilla" e "Ti con zero" composte rispettivamente da quattro, tre e quattro racconti. I racconti che fanno parte della raccolta non furono composti da Calvino tutti di seguito ma nella stesura dei racconti vi fu una pausa a ridosso della pubblicazione delle Cosmicomiche (prima metà del 1966), periodo durante il quale venne scritto un solo racconto[1]. Dopo questa pausa Calvino procedette alla stesura dei racconti che compongono il ciclo di Ti con zero escludendo un solo racconto dalla raccolta rispetto ai quattro esclusi nel 1965.

Trame[modifica | modifica sorgente]

Altri Qfwfq[modifica | modifica sorgente]

La prima sezione nella quale sono suddivisi i racconti di Ti con zero è quella che più direttamente si ricollega a Le cosmicomiche: anche in questo caso il protagonista dei quattro racconti ("La molle luna", "Gli Uccelli", "I cristalli" e "Il sangue, il mare") è Qfwfq.

Caratteristica dei racconti è quella della durata dell'orizzonte temporale abbracciato dalla narrazione: in media di molti milioni di anni.

Priscilla[modifica | modifica sorgente]

Definita dall'autore come "una lunga storia d'amore" questa sezione è composta di tre parti, "Mitosi", "Meiosi" e "Morte".

Ti con zero[modifica | modifica sorgente]

Costituiscono "i racconti deduttivi", secondo la definizione dello stesso Calvino: si tratta di quattro racconti che trattano di paradossi; in particolare il racconto che dà il titolo alla raccolta è incentrato sul paradosso di Zenone.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. le note di Claudio Milanini a Italo Calvino, Romanzi e racconti, vol. II, Milano, Arnoldo Mondadori Editore 1992, coll. "I meridiani"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]