Eric Woolfson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eric Woolfson
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereRock progressivo
Art rock
Soft rock
Pop rock
Periodo di attività musicale1975 – 2009
Strumentovoce, Tastiera
GruppiThe Alan Parsons Project
Album pubblicati7
Studio7
Sito ufficiale

Eric Woolfson (Glasgow, 18 marzo 1945Londra, 2 dicembre 2009) è stato un cantante, tastierista, produttore discografico e sceneggiatore britannico, noto per essere stato il fondatore del gruppo rock The Alan Parsons Project.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Woolfson nasce in una famiglia ebraica a Charing Cross, Glasgow; successivamente la famiglia si trasferisce a Erskine. Frequentò la High School of Glasgow. L'interesse per la musica fu dato da uno zio e pensò di suonare il pianoforte.[1] Dopo la scuola fece per breve tempo il ragioniere, prima di trasferirsi a Londra per lavorare in ambito musicale. Woolfson sposò Hazel nel 1969 ed ebbero due figlie e quattro nipoti.[2]

Eric Woolfson era membro della comunità ebraica di Glasgow; appassionato sin da ragazzo di letteratura e di politica, è stato nei primi anni ottanta anche membro attivo dell'ora estinto Partito Socialdemocratico Inglese.

Muore la mattina del 2 dicembre 2009 a causa di un tumore al rene. Riposa nel Cathcart Cemetery di Glasgow.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Arriva a Londra nel 1963 lavorando come pianista, e successivamente divenne compositore, collaborando con all'epoca autori come Andrew Lloyd Webber e Tim Rice.[4] Nel 1971, con l'aiuto di Eric Stewart, Kevin Godley, Lol Creme e Graham Gouldman (più tardi 10cc), pubblicò un singolo con il nome Eric Elder, "San Tokay"-"Sunflower", con etichetta Philips 6006 081 e (US) Philips 40699. Woolfson produsse un singolo di Graham Gouldman, "Nowhere to Go" - "Growing Older" pubblicato nel 1972 dalla CBS (7739). A cavallo degli anni '6'-'70 Woolfson fu produttore per diverse case discografiche quali Arista Records ed Epic Records[5]. Nonostante il successo le difficoltà economiche lo spinsero a intraprendere l'attività di manager. Il successo arrivò subito; i due primi artisti messi sotto contratto furono Carl Douglas e Alan Parsons.

The Alan Parsons Project[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 incontra Alan Parsons agli Abbey Road Studios mentre lavoravano a progetti diversi. Parsons chiese a Eric di diventare suo manager, lavorando assieme ad altre band come Cockney Rebel, Ambrosia e The Hollies.[6][7]

Nel 1975 Eric e Alan formano The Alan Parsons Project, pensato in origine come nome per il progetto di collaborazione tra i due. Dal 1976 al 1987, Woolfson e Parsons scrivono testi e musica di dieci album, raggiungendo oltre 50 milioni di copie vendute; nel 1990 Woolfson lascia la band per intraprendere una carriera solista.[8] In quel periodo Woolfson fu coautore di tutti i brani della band.[9]

Carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Freudiana fu originariamente pensato come undicesimo album di The Alan Parsons Project, ma Woolfson pensò di realizzarne un musical. Mentre l'album veniva registrato, Brian Brolly conobbe Woolfson e promise di aiutarlo nell'opera musicale; con l'aiuto di Brolly, Woolfson riuscì nell'impresa.

Musical[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo musical fu Freudiana, messo in scena nel (1991), poi Gaudi (1996) e Gambler (1997). Una quarta opera Edgar Allan POE, sulla vita di Edgar Allan Poe, vide la luce agli Abbey Road Studios di Londra nel 2003.[10] Il successivo album Poe: More Tales of Mystery and Imagination contiene quasi tutti i brani dell'opera mentre Edgar Allan Poe tutte e 17 le tracce.[11]

Produttore discografico[modifica | modifica wikitesto]

Significativa fu anche la sua carriera come produttore discografico, avendo lavorato con artisti quali Rolling Stones, Andrew Loog Oldham, Marianne Faithfull, Swinging Blue Jeans, Poets, Kansas, Tremeloes, Art Movement.

Discografia The Alan Parsons Project[modifica | modifica wikitesto]

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Musical[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Woolfson, su telegraph.co.uk, Telegraph.
  2. ^ Musician Eric Woolfson dies aged 64, su news.bbc.co.uk, BBC News, 3 dicembre 2009.
  3. ^ nytimes.com, 4 dicembre 2009, https://www.nytimes.com/2009/12/04/arts/music/04woolfson-1.html?_r=0.
  4. ^ ondarock.it, https://www.ondarock.it/interviste/ericwoolfson.htm.
  5. ^ amazon.com, https://www.amazon.com/Alan-Parsons-Project-Time-Gold/dp/B07YNS5X2H.
  6. ^ amazon.it, https://www.amazon.it/Sings-Alan-Parsons-Project-That/dp/B001UDYI9K..
  7. ^ theparsonsday.altervista.org, http://www.theparsonsday.altervista.org/biodisco.html..
  8. ^ it.wikitechpro.com, https://it.wikitechpro.com/584565-eric-woolfson-HVWKHG.
  9. ^ progarchives.com, http://www.progarchives.com/artist.asp?id=2762..
  10. ^ EDGAR ALLAN POE Musical – Abbey Road Studio Concert Showcase, November 2003, London, su edgar-allan-poe-musical.com. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  11. ^ Uncle Creepy, Poe, More Tales of Mystery and Imagination Getting a CD and DVD Release, su dreadcentral.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74054188 · ISNI (EN0000 0001 2037 1907 · Europeana agent/base/69036 · LCCN (ENn88638384 · GND (DE134561082 · BNF (FRcb14050980q (data) · BNE (ESXX1086122 (data) · NLA (EN35597053 · WorldCat Identities (ENlccn-n88638384