Elizabeth Hurley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elizabeth Hurley
Elizabeth Hurley Sensuous.jpg
Altezza 173[1] cm
Misure 86.5-61-86.5[1]
Taglia 34[1] (UE) - 4[1] (US)
Scarpe 41[1] (UE) - 9,5[1] (US)
Occhi Azzurri
Capelli Castani

Elizabeth Jane Hurley (Basingstoke, 10 giugno 1965) è un'attrice, supermodella, produttrice cinematografica e stilista britannica.

Dal 1994 al 2001 è stata la donna immagine per l'azienda cosmetica Estée Lauder.

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Roy Leonard Hurley è un maggiore del British Army, mentre la madre Angela May Titt è un'insegnante di scuola elementare. Ha una sorella maggiore di nome Kate e un fratello minore di nome Michael James Hurley. Durante gli anni scolastici si tinge i capelli di rosa e porta i piercing.

Dopo essersi diplomata al "London Studio Centre" la Hurley fece il suo debutto nel film Aria, che venne selezionato come miglior film al Festival di Cannes del 1987.

Alla fine degli anni ottanta fu impegnata in diversi film e serie televisive in Gran Bretagna. Il suo primo film ad Hollywood lo fece accanto a Wesley Snipes in Passenger 57 - Terrore ad alta quota, nel 1992. Liz Hurley continuò a prendere parte a diversi film, tra cui nel 1997 Austin Powers - Il controspione e nel seguito del 1999, Austin Powers - La spia che ci provava.

La sua carriera cinematografica continua nel 2000 in un ruolo accanto a Brendan Fraser in Indiavolato (Bedazzled) e in seguito con Matthew Perry in Tutta colpa di Sara.

Durante la sua carriera di attrice la Hurley lavorò anche come modella, produttrice e lanciò anche una sua linea di costumi da bagno e abiti da mare. Apparve inoltre in un reality show che metteva in competizione un gruppo di designers di moda chiamato Project Catwalk, che a sua volta prendeva spunto dal reality Project Runway.

Oltre ad interpretare il ruolo di Diana Payne nella quinta stagione della serie televisiva Gossip Girl, la Hurley si occupa della Elizabeth Hurley Beach, la sua personale campagna di prodotti alimentari biologici e vestiario per l'estate.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È stata legata all'attore Hugh Grant per tredici anni, dal 1987 al 2000. Nel 1995 la loro unione finì sotto l'occhio dei media, quando Grant venne arrestato a Los Angeles per aver avuto un rapporto in un luogo pubblico con una prostituta.[2]

Nel 2001 ci fu una accesa disputa tra la Hurley e l'allora fidanzato Steve Bing in merito ad una gravidanza. Il milionario rifiutò pubblicamente di riconoscere il bambino come suo, affermando che in quel periodo sia lui che la Hurley avessero altre relazioni. Il 4 aprile 2002, Hurley da alla luce un bambino, Damian Charles, e nello stesso mese Bing diede il via ad un procedimento legale per determinarne la paternità. Nel giugno di quello stesso anno la High Court di Londra confermò la paternità di Bing, in seguito al positivo riscontro sul test del DNA. Il padrino di suo figlio è l'ex compagno Hugh Grant.

Il 2 marzo 2007 sposa Arun Nayar. Nel dicembre 2010, la Hurley viene vista in compagnia dell'ex giocatore di cricket australiano Shane Warne e annuncia che lei e il marito Nayar erano separati da diversi mesi. Il divorzio ufficiale viene raggiunto nel giugno 2011. Nel settembre dello stesso anno, Hurley annuncia il fidanzamento ufficiale con Warne tramite Twitter. Nel dicembre 2013, la coppia ha rotto il fidanzamento.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Campagne come modella[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici Italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Elizabeth Hurley è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Elizabeth Hurley, su Fashion Model Directory, Fashion One Group.
  2. ^ Arrestato per atti osceni l'attore Hugh Grant, corriere.it, 28 giugno 1995. URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il ).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN85827378 · LCCN: (ENno97070305 · ISNI: (EN0000 0001 0921 9031 · GND: (DE130073830 · BNF: (FRcb14188629v (data)