Druso Cesare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Druso Cesare
Great Cameo of France CdM Paris Bab264 white background Drusus Caesar.jpg
Druso Cesare e la madre Agrippina maggiore (Dettaglio dal Gran Cammeo di Francia, Cabinet des médailles, Parigi)
Nome completo Drusus Iulius Caesar Germanicus
Nascita 7
Morte Roma, 33
Luogo di sepoltura Mausoleo di Augusto, Roma
Dinastia Giulio-Claudii
Padre Germanico
Madre Agrippina maggiore
Consorte Emilia Lepida

Druso Giulio Cesare Germanico (in latino: Drusus Iulius Caesar Germanicus; 7Roma, 33[1]), meglio conosciuto semplicemente come Druso Cesare o Druso III (per distinguerlo dal prozio Druso maggiore e dallo zio Druso minore),[2] è stato un nobile romano, membro della dinastia giulio-claudia.

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Statua virile in nudità eroica, forse di Druso, figlio di Germanico e Agrippina maggiore, 1-50 d.C. circa, da Roselle (Museo archeologico e d'arte della Maremma, Grosseto)

Druso era il figlio secondogenito di Germanico e Agrippina maggiore.[3] Il padre era figlio di Druso maggiore, a sua volta figlio di Tiberio Claudio Nerone e Livia Drusilla, moglie dell'imperatore Augusto, e la madre Antonia minore, figlia di Marco Antonio e di Ottavia minore, sorella di Augusto.[4] Germanico fu poi adottato dallo zio Tiberio.[4] La madre era invece figlia di Marco Vipsanio Agrippa, (generale e amico di Augusto) e di Giulia maggiore, unica figlia naturale del primo imperatore.[5] Era inoltre fratello dell'imperatore Gaio Cesare "Caligola" e di Agrippina minore, moglie dell'imperatore Claudio e madre dell'imperatore Nerone.[5] Suoi altri fratelli erano Nerone Cesare, Giulia Drusilla e Giulia Livilla.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 7 e nel 19 il padre morì, forse fatto avvelenare dallo stesso Tiberio con l'aiuto di Gneo Calpurnio Pisone, che si suicidò poco dopo.[6] Nel 23 prese la toga virilis con gli stessi privilegi concessi al fratello Nerone.[7] Druso fu fidanzato da piccolo con la sorella di Marco Salvio Otone[8] ma infine sposò Emilia Lepida, figlia di Marco Emilio Lepido (figlio di Cornelia Scipione, figlia a sua volta di un precedente matrimonio di Scribonia, prima moglie di Augusto), e di Vipsania Marcella (figlia di Agrippa e della sua seconda moglie Claudia Marcella maggiore).[9] Lo storico latino Tacito riferisce che, durante l'unione, "lei perseguitò il marito con continue accuse." Nel 36 fu accusata di aver commesso adulterio con un schiavo e si suicidò, "poiché non c'era alcun dubbio sulla sua colpevolezza"[10]

Fu adottato da Tiberio, suo nonno adottivo e prozio naturale[4], dopo la morte del proprio figlio Druso minore nel 23. I due fratelli ebbero il compito di pronunciare l'elogio funebre e Tiberio decise subito dopo di affidare i figli di Germanico direttamente al Senato.[11] Per tre anni ci fu un periodo di splendore per gli eredi di Germanico, che vennero nominati principes iuventutis e che videro la loro popolarità aumentare in tutto l'impero.[12] Nel 26, però, Druso iniziò a frequentare il prefetto del pretorio Lucio Elio Seiano, che sfruttando la sua gelosia verso il fratello, lo mise contro Nerone ed Agrippina, che favoriva il figlio maggiore.[13] Entrambi i fratelli, i più vicini alla successione di Tiberio, venivano spiati giorno e notte da Seiano, che mirava al potere imperiale.[14] A questo scopo Seiano usò la moglie di Druso, Emilia Lepida, per controllare il marito e riferirgli ogni sua mossa.[15] Nel 29 la madre e il fratello Nerone, furono accusati di tramare contro Tiberio e vennero imprigionati, esiliati ed infine uccisi.[16] Druso venne allora chiamato a Capri da Tiberio, che voleva tenerlo vicino a sé.[17] Nel 31 Tiberio, iniziando ad essere sospettoso, nominò Druso quale suo erede, poiché aveva paura di cadere vittima di qualche sommossa.[18] Neanche questo salvò il figlio di Germanico che, infatti, dopo pochi anni dalla sua partenza, venne richiamato a Roma, arrestato ed infine incarcerato nelle segrete del Palatino.[19] Morì di fame dopo nove giorni di segregazione, imprigionato negli scantinati del Palazzo Imperiale, ridotto a masticare l'imbottitura del letto.[20] Dopo la sua morte Tiberio fece esporre in pubblico il corpo e infierì sul defunto, presentandolo come folle e depravato sessuale.[21]

Nel 37, subito dopo la morte di Tiberio, il nuovo imperatore Caligola pose le ceneri di Druso nel Mausoleo di Augusto concedendogli tutti gli onori.[22]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Druso Cesare
Statua virile in nudità eroica, forse di druso III figlio di germanico e agrippina maggiore, 1-50 dc ca, da roselle.JPG
Padre:
Console Germanico Giulio Cesare
Bust Germanicus Massimo.jpg
Nonno paterno:
Console Druso maggiore
Drusus the elder bust.jpg
Bisnonno paterno:
Pretore Tiberio Claudio Nerone
Trisnonno paterno:
Druso Claudio Nerone
Trisnonna paterna:
Claudia
Bisnonna paterna:
Livia Drusilla
Trisnonno paterno:
Pretore Marco Livio Druso Claudiano
Trisnonna paterna:
Alfidia
Nonna paterna:
Antonia minore
Hera Ludovisi Altemps Inv8631.jpg
Bisnonno materno:
Console Marco Antonio
Trisnonno materno:
Pretore Marco Antonio Cretico
Trisnonna paterna:
Giulia Antonia
Bisnonna paterna:
Ottavia minore
Trisnonno paterno:
Pretore Gaio Ottavio
Trisnonna paterna:
Azia maggiore
Madre:
Agrippina maggiore
Agripina Maior (M.A.N. Madrid) 01.jpg
Nonno materno:
Console Marco Vipsanio Agrippa
Agrippa Gabii Louvre Ma1208.jpg
Bisnonno materno:
Lucio Vipsanio Agrippa
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
Giulia maggiore
-0020 Altes Museum Mädchenkopf anagoria.JPG
Bisnonno materno:
Imperatore Augusto
Trisnonno materno:
Pretore Gaio Ottavio
Trisnonna materna:
Azia maggiore
Bisnonna materna:
Scribonia
Trisnonno materno:
Pretore Lucio Scribonio Libone
Trisnonna materna:
Sentia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tacito, Annales, VI, 23
  2. ^ Nony 1988, I, 20
  3. ^ Cassio Dione, LVII, 22; SvetonioGaio Cesare, VII
  4. ^ a b c SvetonioGaio Cesare, I
  5. ^ a b c SvetonioGaio Cesare, VII
  6. ^ SvetonioGaio Cesare, II
  7. ^ Tacito, Annales, IV, 4; Nony 1988, I, 115
  8. ^ SvetonioOtone, I
  9. ^ Nony 1988, I, 123
  10. ^ Tacito, Annales, VI, 40
  11. ^ Tacito, Annales, IV, 8; Nony 1988, I, 116
  12. ^ Nony 1988, I, 119
  13. ^ Tacito, Annales, IV, 60; Nony 1988, I, 125; Sampoli 2003, XI, 178
  14. ^ Sampoli 2003, XI, 179
  15. ^ Nony 1988, I, 124
  16. ^ Tacito, Annales, V, 4
  17. ^ Spinosa 1991, III, 170
  18. ^ SvetonioTiberio, LXV
  19. ^ Nony 1988, I, 128; Spinosa 1991, III, 170
  20. ^ Tacito, Annales, VI, 23; Spinosa 1991, III, 170
  21. ^ Tacito, Annales, VI, 24
  22. ^ SvetonioGaio Cesare, XV

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti moderne

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN43208867