Giulia minore (sorella di Cesare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giulia minore (102 a.C.51 a.C.) è stata una donna romana, sorella di Gaio Giulio Cesare e nonna di Augusto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Gaio Giulio Cesare e Aurelia Cotta, e sorella, inoltre, di Giulia maggiore. Sposò Marco Azio Balbo, pretore che proveniva da una famiglia plebea di ordine senatorio, dal quale ebbe due figlie, entrambe di nome Azia:

Fu probabilmente lei la Giulia sorella di Cesare coinvolta come testimone e accusatrice, insieme alla madre Aurelia, nel caso del sacrilegio di Publio Clodio Pulcro nel 62 a.C..[1] Morì nel 51 a.C., l'anno successivo alla scomparsa del marito; la sua laudatio funebris fu pronunciata dal nipote Ottaviano, appena dodicenne.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Svetonio, De vita Caesarum, Vita Divi Iuli, 74.
  2. ^ Svetonio, De vita Caesarum, Augustus, 8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]