Claudia Livilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di donna dal Gran Cammeo di Francia, identificata con Livilla.

Claudia Livia Giulia, o semplicemente Livilla (13 a.C.31), è stata una nobildonna romana, figlia di Antonia minore, nipote di Augusto, e di Druso maggiore, fratello dell'imperatore Tiberio. Era pertanto la sorella di Germanico e dell'imperatore Claudio.

Appartenne dunque alla famiglia giulio-claudia. Sposò in prime nozze nell'1 d.C. Gaio Cesare, nipote di Augusto e destinato a succedergli sul trono, e dopo la morte di questi, nel 4 d.C. Druso minore,[1] figlio di Tiberio, morto in giovane età nel 23 forse avvelenato dal prefetto Seiano che lo vedeva come ostacolo alla sua scalata al potere; a questo assassinio sembra non sia stata estranea la stessa Livilla, che nel frattempo pare fosse divenuta l'amante di Seiano. Dopo la morte del marito venne tuttavia esiliata e morì in esilio.

Dal matrimonio con Druso nacquero Giulia Livia (5-43 sposò in prime nozze il figlio maggiore di Germanico, Nerone Cesare, e poi l'eques Rubellio Blando da cui ebbe Rubellio Plauto), Germanico Gemello (19-23) e Tiberio Gemello (19-38).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Barbara Levick, Drusus Caesar and the adoptions of A.D. 4, in Latomus, vol. 25, nº 2, 1966, p. 233.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]