Milonia Cesonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Milonia Cesonia
Milonia Caesonia.jpg
Ritratto di Milonia Cesonia (Promptuarii Iconum Insigniorum, Guillaume Rouillé)
Consorte dell'imperatore romano
In carica 39 – 24 gennaio 41
Predecessore Lollia Paolina
Successore Valeria Messalina
Morte Palatino, Roma, 24 gennaio 41
Dinastia Gens Caesonia (per nascita)
Giulio-claudia (per matrimonio)
Padre Cesonio
Madre Vistilia
Consorte Primo marito sconosciuto
Caligola (39-41)
Figli Dal primo marito: 3 femmine
Da Caligola: Giulia Drusilla

Milonia Cesonia (in latino: Milonia Caesonia; ... – Roma, 24 gennaio 41) è stata una nobildonna romana, quarta moglie dell'imperatore Caligola.

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Busto dell'imperatore Caligola, secondo marito di Cesonia (Ny Carlsberg Glyptotek, Copenaghen)

Poco si sa sulla famiglia di origine di Cesonia: sua madre era Vistilia, un nobildonna sposata più volte e con sette figli.[1] Sappiamo il nome di cinque dei sei fratellastri di Cesonia: Quinto Pomponio Secondo, console suffetto nel 41, Publio Pomponio Secondo, console suffetto nel 44, un certo Orfito, Publio Suillio Rufo, questore nel 15, e Gneo Domizio Corbulone, influente generale sotto Claudio e Nerone.[2] I due Pomponii erano probabilmente parenti di Gaio Pomponio Grecino, console suffetto nel 16, Orfito era il padre di Servio Cornelio Scipione Salvidieno Orfito, console nel 51, e Suillio Rufo era il padre di Marco Suillio Nerullino, console nel 50.[3] Prima di sposarsi con Caligola, inoltre, Cesonia aveva già avuto un altro marito e tre figlie.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Caligola e Cesonia erano amanti già prima del loro matrimonio e la donna restò incinta dell'imperatore.[5] Caligola, senza un erede, la sposò quindi nel 39 dopo aver divorziato dalla terza moglie, Lollia Paolina, accusata di essere sterile.[6] Secondo Svetonio e Giovenale, Cesonia diede a Caligola un filtro d'amore, cosa che causò la follia dell'imperatore.[7] Cesonia, già madre di tre figli, dette all'imperatore una figlia, Giulia Drusilla, secondo Svetonio lo stesso giorno del loro matrimonio mentre secondo Cassio Dione un mese dopo; appena nata la bambina, l'imperatore la portò sul Campidoglio e la pose in grembo alla statua di Minerva, affinché la nutrisse e la allevasse.[8]

Caligola fu assassinato il 24 gennaio del 41 da alcuni membri del Senato e della guardia pretoriana, guidati dai tribuni Cassio Cherea e Cornelio Sabino.[9] Poche ore dopo anche Cesonia venne uccisa, pugnalata da un centurione, insieme a Giulia Drusilla, che fu schiacciata contro un muro.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, VII, 4; Barrett 2002, p. 73.
  2. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, VII, 4; Zissos 2015, p. 49.
  3. ^ Zissos 2015, p. 49.
  4. ^ SvetonioGaio Cesare, XXV; Barrett 2002, p. 74.
  5. ^ Cassio Dione, LIX, 23.7.
  6. ^ Cassio Dione, LIX, 23.7; SvetonioGaio Cesare, XXV.
  7. ^ Giovenale, Satire, VI, 615-617; SvetonioGaio Cesare, L.
  8. ^ Cassio Dione, LIX, 28.7; SvetonioGaio Cesare, XXV.
  9. ^ Flavio Giuseppe, Antichità giudaiche, XIX, 1.15; SvetonioGaio Cesare, LVIII.
  10. ^ SvetonioGaio Cesare, LIX; Montanelli 2011Tiberio e Caligola, 257.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232201590 · GND (DE14256141X · CERL cnp01274052