Servio Cornelio Scipione Salvidieno Orfito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Servio Cornelio Scipione Salvidieno Orfito
Nome originaleServius Cornelius Scipio Salvidienus Orfitus
GensCornelia
Consolato51

Servio Cornelio Scipione Salvidieno Orfito (in latino: Servius Cornelius Scipio Salvidienus Orfitus; ... – ...) è stato un politico romano, console nel 51.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Orfito fu console ordinario nel 51, insieme all'imperatore Claudio.[1] Fu proconsole dell'Africa dal 62-63 sotto Nerone. Nel 65 fu l'autore della proposta di cambiare i nomi dei mesi di aprile, giugno e luglio in, rispettivamente, Neroneo, Claudio e Germanico.[2] In seguito cadde in disgrazia e fu accusato di tradimento dal senatore Marco Aquilio Regolo. Fu condannato e giustiziato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tacito, Annales. Wikisource-logo.svg
    • (IT) Annales — traduzione in italiano di Progettovidio;
    • (EN) Annales — traduzione in inglese di Chicago University.
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
50
Gaio Antistio Vetere II
Marco Suillio Nerullino
51
con Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico V
52
Lucio Salvio Otone Tiziano I
Fausto Cornelio Silla Felice