Cassio Cherea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cassio Cherea (12 a.C.41) è stato un politico romano, di origine patrizia.

Secondo quanto scrive Tacito nei suoi Annali, nel 9 d.C. partecipò alla guerra in Germania con il ruolo di centurione. Nel 35 fu fatto questore. In disaccordo con l'operato dell'imperatore Caligola e vessato dalle sue continue criminali richieste (come quella di disporre liberamente delle mogli dei senatori), nel 41, quando era tribuno militare dei pretoriani, partecipò alla congiura ordita da cavalieri e senatori, e uccise personalmente l'imperatore. Per questo fu fatto giustiziare dal successore di Caligola, l'imperatore Claudio.

Cherea aveva motivazioni personali per uccidere il suo princeps: Caligola sembra che spesso lo sbeffeggiasse, a causa dei toni acuti della sua voce, sostenendo che fosse effeminato e chiamandolo "checca" (gunnis)[1], o costringendolo ad usare per il suo servizio parole d'ordine come "Priapo", "Amore" o "Venere".[2] Vi sarebbero state però anche ragioni politiche.[3]

Cassio Cherea è descritto nel celebre romanzo Io, Claudio, di Robert Graves, ed è rappresentato nella sua umanità simile ma complementare a quella di Caligola stesso nella tragedia Caligola, di Albert Camus. Infine appare come importante personaggio nel romanzo La dinastia, di Andrea Frediani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barrett, Anthony A. Caligola. L'ambiguità di un tiranno, Oscar Storia, Mondadori, 1993, Milano, pag. 245, ISBN 88-04-44938-1
  2. ^ Cassio Dione, LIX, 29; Seneca il giovane, De constantia sapientis, VIII; Montanelli 2011Tiberio e Caligola, 257.
  3. ^ Flavio Giuseppe, Antichità giudaiche, XIX, 1.6.