D'eux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
D'eux

Artista Céline Dion
Tipo album Studio
Pubblicazione 27 marzo 1995
Durata 47 min : 16 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Pop
Etichetta Columbia, Epic
Produttore Jean-Jacques Goldman, Erick Benzi
Certificazioni
Dischi d'oro Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
Regno Unito Regno Unito[8]
Dischi di platino Paesi Bassi Paesi Bassi[1]
Polonia Polonia[2]
Svizzera Svizzera[3] (4)
Belgio Belgio[4] (6)
Canada Canada[5] (7)
Europa Europa[6] (8)
Dischi di diamante Francia Francia[9]
(Vendite: 4.400.000+)
Céline Dion - cronologia
Album precedente
(1994)
Album successivo
(1995)

D'eux ("(di) loro" oppure "riguardo a loro" un gioco di parole con deux, "due") è un album dell'artista canadese Céline Dion, pubblicato il 27 marzo 1995. È stato reintitolato The French Album negli Stati Uniti d'America. È il diciottesimo album della Dion in lingua francese e il ventunesimo in totale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

« J'irai chercher ton cœur si tu l'emportes ailleurs,

même si dans tes danses d'autres dansent tes heures.

J'irai chercher ton âme dans les froids, dans les flammes. Je te jetterai des sorts pour que tu m'aimes encore... »

(dal brano Pour que tu m'aimes encore')

È il primo degli album in cui Céline collabora con il grande cantante e compositore francese Jean-Jacques Goldman, che ha scritto e prodotto questo album. Quest'album è il più grande successo di Céline Dion in lingua francese, in particolare include la sua più grande hit francofona Pour que tu m'aimes encore (unico brano francofono che Céline è solita cantare nei suoi concerti in paesi non anglofoni ed unico brano francofono presente, a parte nel periodo iniziale Et je t'aime encore, presente nello show della Dion a Las Vegas A New Day...). Altri singoli di successo che Céline non potrà non interpretare nei suoi concerti francofoni, sono Je sais pas, Destin, J'irai ou tu iras (in duetto con Goldman), così come il brano Vole, dedicato alla nipotina di Céline, Karine, scomparsa dopo una lunga lotta contro la fibrosi cistica.

Céline Dion nel video di Je sais pas, singolo arrivato alla numero 1 in Francia e Belgio Vallonia

Nel successivo album inglese della Dion, Falling into You, sono inserite alcune cover inglesi di questi brani: If That's What It Takes (cover di Pour que tu m'aimes encore), I Don't Know (cover di Je sais pas) e Fly (cover di Vole).

D'eux è stato lanciato nell'aprile 1995 con uno special TV di un'ora e poi promosso con il D'eux Tour, che include lo show allo Zenith Theatre di Parigi, da cui è stato poi tratto l'album dal vivo Live à Paris.

D'eux e il singolo Pour que tu m'aimes encore hanno vinto premi in molti presi, fra cui Juno Awards, Félix Awards, Victoires de la Musique. Céline ha ricevuto anche la Medaglia delle Arti e della Letteratura dal ministro della cultura francese, in riconoscimento del suo stato di "artista francofona" più venduta della storia. È un riconoscimento raro per una straniera, che sarà seguito, nel 2008, dal conferimento della Legion d'onore da parte del presidente francese Sarkozy.

Molti brani estratti da D'eux sono stati inseriti nel greatest hits francofono del 2005 On ne change pas. L'album della Dion del 2007 D'elles, si intitola così proprio in riferimento a D'eux, essendo pensato come una sua versione femminile.

Successo[modifica | modifica sorgente]

D'eux è l'album francofono più venduto della storia, con 9 milioni di copie vendute al mondo, di cui 4 in Francia. L'album è rimasto alla posizione numero 1 in Francia per quarantaquattro settimane consecutive ed è rimasto in classifica per due anni e mezzo, infrangendo ogni record. L'album successivo, Falling into You, pubblicato un anno dopo, entrò in classifica in Francia al 2º posto, mentre il 1° era ancora occupato da D'eux.

Nella regione Vallone del Belgio nessun altro album ha mai raggiunto il record di "D'eux", rimasto per trentasette settimane alla numero 1 e centotrentuno settimane in classifica. D'eux ha raggiunto la numero 1 in Svizzera (5 settimane) e Olanda (2 settimane).

Anche se francofono, entrò in classifica in molti paesi anglofoni, come il Regno Unito, dove raggiunse la posizione numero 7 (un record per un album francofono) e dove fu il primo album francofono ad ottenere il disco d'oro.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. "Pour que tu m'aimes encore" (Jean-Jacques Goldman) – 4:14
  2. "Le ballet" (Goldman) – 4:25
  3. "Regarde-moi" (Goldman) – 3:56
  4. "Je sais pas" (Goldman, J. Kapler) – 4:33
  5. "La mémoire d'Abraham" (Goldman) – 3:49
  6. "Cherche encore" (Erick Benzi) – 3:24
  7. "Destin" (Goldman) – 4:15
  8. "Les derniers seront les premiers" (Goldman) – 3:32
  9. "J'irai où tu iras" (with Jean-Jacques Goldman) (Goldman) – 3:27
  10. "J'attendais" (Goldman) – 4:24
  11. "Prière païenne" (Goldman) – 4:12
  12. "Vole" (Goldman) – 2:58

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifiche annuali[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1996) Posizione
Svizzera[27] 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Goud / Platina | NVPI
  2. ^ Listy bestsellerów, wyróżnienia :: Związek Producentów Audio-Video
  3. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community
  4. ^ http://www.ultratop.be/xls/Awards%201997.htm
  5. ^ Gold and Platinum
  6. ^ http://www.ifpi.org/content/library/platinum-europe-awards-2007.pdf
  7. ^ Scapolo, Dean (2007). The Complete New Zealand Music Charts 1966–2006. RIANZ. ISBN 978-1-877443-00-8.
  8. ^ http://www.bpi.co.uk/certifiedawards/search.aspx
  9. ^ Snepmusique.com, le site du Snep
  10. ^ Steffen Hung, Austrian Albums Chart, Austriancharts.at. URL consultato il 28 novembre 2011.
  11. ^ Belgian Flanders Albums Chart, Ultratop.be. URL consultato il 28 novembre 2011.
  12. ^ Belgian Wallonia Albums Chart, Ultratop.be. URL consultato il 28 novembre 2011.
  13. ^ Lwin, Nanda, Top 40 Hits: The Essential Chart Guide, Music Data Canada, 1999. ISBN 1-896594-13-1.
  14. ^ Danish Albums Chart, Top20.dk. URL consultato il 28 novembre 2011.
  15. ^ European Albums Chart in Billboard. URL consultato il 28 novembre 2011.
  16. ^ Steffen Hung, Finnish Albums Chart, Finnishcharts.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  17. ^ French Albums Chart, Infodisc.fr. URL consultato il 28 novembre 2011.
  18. ^ German Albums Chart, Musicline.de. URL consultato il 28 novembre 2011.
  19. ^ (JA) Celine Dion album sales ranking, Oricon. URL consultato il 27 agosto 2010.
  20. ^ Italian Albums Chart [collegamento interrotto]
  21. ^ Steffen Hung, New Zealand Albums Chart, Charts.org.nz. URL consultato il 28 novembre 2011.
  22. ^ Dutch Albums Chart
  23. ^ Portuguese Albums Chart, Artistas-espectaculos.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  24. ^ UK Albums Chart, Chartstats.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  25. ^ Steffen Hung, Swedish Albums Chart, Swedishcharts.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  26. ^ Steffen Hung, Swiss Albums Chart, Hitparade.ch. URL consultato il 28 novembre 2011.
  27. ^ SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica