D'Artagnan (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
D'Artagnan
Titolo originaleThe Musketeer
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2001
Durata104 min
Genereazione, avventura, drammatico
RegiaPeter Hyams
SoggettoAlexandre Dumas
SceneggiaturaGene Quintano, Fabrice Ziolkowski
ProduttoreMoshe Diamant
Produttore esecutivoMark Damon, Steven Paul, Rudy Cohen, Frank Hübner, Romain Schroeder
Casa di produzioneMDP Worldwide, Crystal Sky Worldwide, Signature Entertainment, D'Artagnan Productions LTD., Apollomedia, Q & Q Media, Carousel Pictures Company, Film Fund Luxembourg
FotografiaPeter Hyams
MontaggioTerry Rawlings
Effetti specialiGeorges Demétrau, Kelley Ray
MusicheDavid Arnold
ScenografiaPhilip Harrison, Milly Burns
CostumiRaymond Hughes, Cynthia Dumont
TruccoZoltan Elek, Katja Reinert-Alexis, Linda Mooney
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

D'Artagnan è un film del 2001 diretto da Peter Hyams, basato sul classico di Alexandre Dumas (padre) I tre moschettieri, il cast è composto da attori come Catherine Deneuve, Stephen Rea, Mena Suvari, Tim Roth e Justin Chambers.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

D'Artagnan è presentato come un ingenuo giovanotto di campagna, che dopo la dolorosa morte del padre per mano del crudele Febre, fa le prime esperienze di vita nello squallore della periferia parigina e fra amore, humor e duelli si spiana la strada del successo fra le guardie del re Luigi XIII.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì il 7 settembre 2001 quattro giorni prima degli attentati dell'11 settembre, ha riscosso successo al botteghino negli Stati Uniti[1][2] nonostante le recensioni ampiamente negative della critica. In Italia il film uscì l'8 febbraio 2002.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Universal Pictures ha collaborato con Miramax Films per acquistare i diritti del film in Nord America e Regno Unito per $ 7,5 milioni.[1][3]. Il film ha debuttato con un'apertura di 10,7 milioni prima di Two Can Play That Game[4]. Nel suo secondo fine settimana il film ha incassato 5,3 milioni di dollari[5]. Ha continuato a incassare 27 milioni di dollari in Canada e negli Stati Uniti, ed è stato molto redditizio per la Universal.[10] Il film ha anche incassato 7 milioni di dollari in altri mercati per un totale mondiale lordo di 34 milioni di dollari[2][6]. È stato il film numero uno nel paese durante la settimana degli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Martin Grove, Box Office Analysis: Sept. 9, su hollywood.com, 9 gennaio 2002. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  2. ^ a b https://web.archive.org/web/20030108144628/http://www.hollywood.com/news/detail/article/1092099/page/3
  3. ^ Lianne Wong, Mark Wahlberg In The News, su lchr.org. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  4. ^ Weekend Box Office Report:Next-Gen 'Musketeer' Captures No. 1; 'Two Can Play That Game' Scores No. 2, su Hive4media.com, 10 settembre 2001. URL consultato il 21 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2001). Ospitato su The Hollywood Reporter.
  5. ^ Weekend Box Office Report: 'Hardball' Is No. 1 Soft Touch in Tough Times, su Hive4media.com, 17 settembre 2001. URL consultato l'11 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2001). Ospitato su The Hollywood Reporter.
  6. ^ The Musketeer (2001) - Weekend Box Office, su boxofficemojo.com. URL consultato il 12 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema