Cucina kuwaitiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Khouzi

La cucina kuwaitiana comprende le abitudini culinarie del Kuwait. Essa risente della tradizione beduina, nonché delle cucine persiana, indiana e levantina. Inoltre, grazie alla massiccia immigrazione, in Kuwait si sono diffuse le cucine più disparate, come quella libanese, giapponese e polinesiana.[1]

Caratteristiche principali[modifica | modifica wikitesto]

In quanto un paese islamico, in Kuwait è proibito il consumo di carne di maiale e di alcol. Pertanto, le carni maggiormente diffuse sono agnello, montone e pollo. La tradizione peschereccia inoltre offre una certa varietà nella dieta kuwaitiana.[1]

I principali cibi provenienti dalla tradizione beduina presenti nel paese sono il laban, la carne di montone e i datteri, mentre dalla cucina libanese provengono l'hummus, il tabbouleh e il fattoush. Il Golfo Persico offre cernie, pampi, alose indiane e pomadasys argenteus, solitamente conditi con prezzemolo, cipolla e a volte anche aneto. Un piatto tipicamente arabo è il khouzi, a base di carne di agnello ripieno di riso e noci, mentre i dolma sono degli involtini di verdure ripieni di carne e spezie. Tra i contorni non manca la pita, un tipo di pane piatto, mentre il sumac è un tipo di erba aromatica. Diffusissimi sono i tipi di kebab, tra cui lo shawerma. La frutta è ampiamente disponibile, e tra i dolci è presente l'Umm Ali, una sorta di crème caramel di origine egiziana.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Sheena Smith, Susan Corner, Ulrika Thor e Simon White, Kuwait : the complete residents' guide, Dubai, Explorer, 2006, p. 18, ISBN 9768182466.
Controllo di autoritàLCCN (ENsh85031852 · J9U (ENHE987007560219105171