Cucina maldiviana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alcuni piatti tradizionali delle Maldive
Masroshi. Snack salati maldiviani

La cucina maldiviana, chiamata anche cucina Dhivehi, comprende la tradizione culinaria dell'arcipelago delle Maldive e dell'isola indiana di Minicoy. La cucina tradizionale dei maldiviani si basa su tre elementi principali e sui loro derivati: noci di cocco, pesce e amidi.

Noce di cocco[modifica | modifica wikitesto]

Mas huni con chapati (roshi)

Il cocco viene utilizzato nella forma grattugiata, spremuto per ottenere il latte di cocco, o come olio di cocco in piatti fritti. L'hunigondi è l'attrezzo tradizionale maldiviano utilizzato per grattugiare il cocco: è una sedia lunga e bassa con una lama d'acciaio seghettata all'estremità. Il cocco grattugiato viene utilizzato in piatti come il mas huni. Il cocco grattugiato può essere in alternativa ammollato in acqua e spremuto per ottenere latte di cocco (kaashi kiru), ingrediente essenziale in molti curry maldiviani e altri piatti.[1]

Pesce[modifica | modifica wikitesto]

Il tonno è uno degli ingredienti essenziali in molti piatti maldiviani.

Il pesce preferito è principalmente il tonnetto striato, sia essiccato che fresco. Altre specie di pesci simili che fanno parte della dieta media delle Maldive sono: tonnetto alletterato (Latti), tonno pinna gialla (kanneli), il tombarello (raagondi), Suro occhione (mushimas), wahoo (kurumas), corifena (fiyala) e sugarotto (rimma). Questi possono essere consumati bolliti o lavorati.

Il tonno lavorato (pesce delle Maldive) viene utilizzato a tranci o come filetti. Per preparare i curry, il tonno lavorato crudo o ancora morbido viene tagliato a fette di circa un centimetro di spessore. Il tonno lavorato a secco viene utilizzato principalmente per preparare pasti veloci chiamati gulha, masroshi, kulhi bōkiba, kavaabu, bajiya (la versione locale del samosa indiano) e fathafolhi. Mescolato con cocco, cipolle e peperoncino è un elemento essenziale della colazione maldiviana, noto come Mas huni. A differenza degli isolani del Pacifico, i maldiviani non hanno la tradizione di mangiare pesce crudo.

La pasta marrone densa a base di tonno conosciuta come rihaakuru è anche un elemento essenziale nella cucina maldiviana.[2]

Cibi amidacei[modifica | modifica wikitesto]

Bonda (Bondi) di Maliku (Isola di Minicoy)

Questi sono amidi come il riso, che viene mangiato bollito o macinato in farina, o tuberi come il taro (ala), la patata dolce (kattala) e la manioca (dandialuvi), così come frutti come l'albero del pane (bambukeyo) o il pandano (kashikeyo). I tuberi e l'albero del pane si mangiano bolliti. Il frutto del pandano viene per lo più consumato crudo dopo essere stato tagliato a fettine sottili.

Curry[modifica | modifica wikitesto]

Diversi curry delle Maldive e parotha.

Il curry più importante nella cucina delle Maldive è cucinato con dadini di tonno fresco ed è conosciuto come mas riha. Il kukulhu riha (pollo al curry) è cucinato con una diversa miscela di spezie.

I curry di verdure alle Maldive includono quelli che utilizzano bashi (melanzana), tora (Luffa aegyptiaca), barabō (zucca), chichanda (Trichosanthes cucumerina) e muranga (Moringa oleifera), oltre a banane verdi acerbe e alcune foglie come ingredienti principali. Normalmente si aggiungono pezzi di pesce delle Maldive per dare un certo sapore al curry di verdure. I curry si mangiano solitamente con riso al vapore o con il roshi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Use of Coconut in Maldivian cooking, su nadiyas-tastesofmaldives.blogspot.com.
  2. ^ MIFCO; Rihaakuru, su mifco.com.mv (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Xavier Romero-Frias, Eating on the Islands, vol. 26, n. 2, Himal Southasian, pp. 69–91, ISSN 1012-9804 (WC · ACNP).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]