Chad Stahelski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles F. Stahelski

Charles F. Stahelski, noto come Chad Stahelski (Palmer, 20 settembre 1968), è uno stuntman, attore, regista, produttore cinematografico ed ex artista marziale statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Palmer (Massachusetts), Stahelski si appassiona alle arti marziali fin da bambino, ottenendo cinture nere in varie discipline, come Jeet Kune Do e Kickboxing. Mentre frequenta l'University of Southern California si iscrive all'Accademia Dan Inosanto, diventando nel corso degli anni istruttore. È stato uno dei primi americani a competere in Giappone nel famoso concorso di arti marziali miste chiamato Shooto.

Assieme all'amico David Leitch inizia a lavorare nel mondo del cinema come stuntman. Dopo essere stato la controfigura di Brandon Lee ne Il corvo - The Crow, viene scelto come controfigura di Keanu Reeves nella trilogia di Matrix. Assieme al socio David Leitch ha fondato una società chiamata 87Eleven, per la formazione e il coordinamento degli stuntman, contribuendo ad alcuni successi hollywoodiani, come Sherlock Holmes - Gioco di ombre, Hunger Games, I mercenari 2, Man of Tai Chi, Wolverine - L'immortale e Hunger Games: La ragazza di fuoco.

Nel 2014 Stahelski e Leitch hanno co-diretto il film d'azione John Wick, con protagonista Keanu Reeves. Nel 2016 è stato scelto per dirigere il remake di Highlander - L'ultimo immortale per la LionsGate,[1] mentre nel 2017 ha diretto John Wick - Capitolo 2.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Stuntman[modifica | modifica wikitesto]

In questa sezione sono elencati i film in cui Stahelski ha lavorato come stuntman, controfigura o coordinatore degli stuntman.

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuele Biotti, Highlander: Chad Stahelski, co-regista di John Wick, dirigerà il reboot per la Lionsgate, badtaste.it, 23 novembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313504276 · ISNI (EN0000 0004 4542 2362 · LCCN (ENno2015015003 · GND (DE1073274454 · BNF (FRcb169683503 (data) · WorldCat Identities (ENno2015-015003