Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Card Captor Sakura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cardcaptor Sakura)
Card Captor Sakura
カードキャプターさくら
(Kādokyaputā Sakura)
Sakuramanga.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana, raffigurante la protagonista Sakura Kinomoto
Generemahō shōjo, sentimentale
Manga
AutoreCLAMP
EditoreKōdansha
RivistaNakayoshi
Targetshōjo
1ª edizionegiugno 1996 – agosto 2000
Tankōbon12 (completa)
Editore it.Star Comics
Collana 1ª ed. it.Kappa Extra (Nº 16)
1ª edizione it.16 ottobre 1999 – 30 dicembre 2000
Volumi it.12 (completa)
Testi it.Andrea Pietroni (adattatore), Chigusa Namihira (traduttore)
Serie TV anime
Pesca la tua carta Sakura
RegiaMorio Asaka
SoggettoNanase Ōkawa
Char. designKumiko Takahashi
Dir. artisticaKatsufumi Hariu
MusicheTakayuki Negishi
StudioMadhouse
ReteNHK, Animax
1ª TV7 aprile 1998 – 22 giugno 1999
Episodi46 (completa) (35 + 11)
Aspect ratio4:3
Durata ep.24 min
Rete it.Italia 1, Italia Teen Television, Hiro
1ª TV it.27 settembre – 5 novembre 1999
Episodi it.46 (completa) (35 + 11)
Durata ep. it.24 min
Dialoghi it.Maria Teresa Letizia, Marina Mocetti Spagnuolo
Studio dopp. it.Merak Film
Dir. dopp. it.Maria Teresa Letizia
Serie TV anime
Sakura, la partita non è finita
RegiaMorio Asaka
SoggettoNanase Ōkawa
Char. designKumiko Takahashi
Dir. artisticaKatsufumi Hariu
MusicheTakayuki Negishi
StudioMadhouse
ReteNHK, Animax
1ª TV7 settembre 1999 – 21 marzo 2000
Episodi24 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.24 min
Rete it.Italia 1, Italia Teen Television, Hiro
1ª TV it.1º febbraio 2001 – febbraio 2005
Episodi it.24 (completa)
Durata ep. it.24 min
Dialoghi it.Maria Teresa Letizia, Marina Mocetti Spagnuolo
Studio dopp. it.Merak Film
Dir. dopp. it.Maria Teresa Letizia
Manga
Cardcaptor Sakura: Clear Card Arc
AutoreCLAMP
EditoreKōdansha
RivistaNakayoshi
Targetshōjo
1ª edizioneluglio 2016 – in corso
Tankōbon3 (in corso)
Serie TV anime
Cardcaptor Sakura: Clear Card Arc
RegiaMorio Asaka
SoggettoNanase Ōkawa
Char. designKunihiko Hamada
MusicheTakayuki Negishi
StudioMadhouse
ReteNHK
1ª TV7 gennaio 2018 – in corso
Episodi2 / 26 Completa al 8%
Aspect ratio16:9
Durata ep.24 min
Editore it.Yamato Video
Streaming it.YouTube (sottotitolata)

Card Captor Sakura (カードキャプターさくら Kādokyaputā Sakura?, Cardcaptor Sakura), spesso abbreviato in "CCS", è un manga shōjo e mahō shōjo, creato dalle CLAMP e pubblicato in Giappone sul mensile Nakayoshi, edito dalla Kōdansha, dal 1996 al 2000. In Italia è stato pubblicato da Star Comics dal 1999 al 2000. Nel 2001 l'opera ha vinto il famoso e prestigioso premio Seiun Award come 'manga dell'anno'.

Tra il 1998 e il 2000 è stato prodotto un anime di due stagioni da Madhouse di 70 episodi, noto in Italia come Pesca la tua carta Sakura per la prima stagione e Sakura, la partita non è finita per la seconda. La seconda stagione ha vinto il premio Animage Anime Grand Prix nel 1999. Nel 1999 e nel 2000 sono usciti anche due film d'animazione basati sulla versione animata.

In occasione del ventesimo anniversario della nascita dell'opera, le CLAMP hanno annunciato un sequel, intitolato Cardcaptor Sakura: Clear Card Arc, pubblicato da luglio 2016 su Nakayoshi[1][2] e adattato in una nuova serie anime dal gennaio 2018[3][4][5], diffusa anche in Italia in simulcast da Yamato Video sottotitolata in italiano sulla piattaforma Yamato Animation[6]. Prima di quest'ultima, è uscito il 1º luglio 2017 un OAV che riprende il finale delle stagioni passate in una nuova versione[7].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Saga di Clow Card[modifica | modifica wikitesto]

Manga vol. 1~4 / Anime ep. 1~35 (st. 1)

Sakura Kinomoto, vivace bambina di 10 anni (14 nella versione italiana dell'anime), trova nella biblioteca del padre un libro intitolato The Clow. Dopo aver rotto il sigillo e aperto il misterioso libro, compare un buffo animaletto parlante, chiamato Kero-chan, che si proclama come Guardiano del Sigillo, cioè colui che deve proteggere il libro e le carte contenute al suo interno. Con la rottura del sigillo però, le Clow Card sono state liberate, e ora spetta a Sakura il compito di catturarle, aiutata da Kero-chan (soprannome di Cerberus).

Questa saga si concentra principalmente sulla cattura delle carte e sull'introduzione di nuovi personaggi, come la migliore amica di Sakura, Tomoyo Daidouji, e il catturacarte cinese Syaoran Li, suo rivale.

Card Captor Sakura - The Movie

Tra la prima e la seconda stagione è ambientato un lungometraggio animato, in cui Sakura vince un viaggio a Hong Kong, durante le vacanze di Natale. Insieme a Tomoyo, Touya e Yukito si recano nella città, dove incontrano Syaoran e Meiling con la sua famiglia. La trama si basa su una vicenda di Clow Reed, il potente mago che aveva creato le Clow Card e che in passato si era scontrato con una sua rivale, una misteriosa indovina.

Manga vol. 5~6 / Anime ep. 36~46 (st. 1)

La seconda stagione animata, che riprende vagamente gli eventi dei volumi numero 5 e 6, prepara Sakura al Giudizio Finale, cioè alla grande prova in cui la ragazzina, messa alla prova da Yue, deve dimostrare di essere all'altezza di diventare la nuova padrona delle carte. Dopo aver catturato tutte le carte, aiutata anche da Syaoran, la vera forma di Kero-chan viene rivelata, e compare anche Yue, il secondo guardiano delle Clow Card, che ha il compito di giudicare il candidato.

Saga di Sakura Card[modifica | modifica wikitesto]

Manga vol. 6~12 / Anime ep. 47~70 (st. 2)

Dopo essere diventata la nuova padrona delle carte, il nuovo compito di Sakura è quello di trasformare la carte di Clow in carte di Sakura, in modo che le carte non usino più la magia di Clow, ma quella che Sakura aveva creato dal nulla. Intanto nuovi problemi sorgono nella città di Tomoeda, e Syaoran finisce per innamorarsi di Sakura.

Vengono introdotti nuovi personaggi, come il misterioso Eriol Hiiragizawa, la cui missione sembra essere ostacolare Sakura. Insieme a lui compaiono Spinel Sun e Ruby Moon, rispettivamente le controparti di Kero-chan e Yue.

Gekijōban Cardcaptor Sakura: Fūin sareta card

Il secondo film, ambientato dopo la seconda stagione animata, parla della relazione di Syaoran e Sakura, appena accennata nell'ultimo episodio della serie. Viene introdotta una nuova carta, il Nulla, la cui esistenza era stata celata fino ad allora. La carta era stata creata per bilanciare il potere di tutte le altre, rendendola potente come tutte le 52 carte messe insieme. Dopo essersi risvegliata, questa carta inizierà a far scomparire nel nulla persone, oggetti e intere parti della città.

Saga di Clear Card[modifica | modifica wikitesto]

2º Manga vol. 1~3 / Anime ep. 1~26 (st. 3)

Sakura ormai è cresciuta e inizia le scuole medie insieme ai suoi amici, incluso Syaoran, appena ritornato in città. Dopo aver avuto un sogno premonitore riguardo una figura incappucciata, tutte le carte di Sakura diventano vuote e vengono rese completamente impotenti. Insieme a Kero-chan e Yue, Sakura con i suoi amici deve scoprire e catturare le nuove carte trasparenti, avendo a disposizione un nuovo potere più forte del precedente.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Card Captor Sakura.
Sakura Kinomoto (木之本 さくら Kinomoto Sakura?)
È la protagonista, una ragazzina di circa 10 anni che frequenta la scuola elementare (nella versione italiana dell'anime ha 14 anni e frequenta la scuola media). È nata il 1º aprile e le sue materie preferite sono musica ed educazione fisica, mentre ama poco la matematica. È allegra e ottimista. Infatuata di Yukito, in seguito si innamorerà di Syaoran.
Doppiata da Sakura Tange (giapponese), Renata Bertolas (italiano).
Syaoran Li (李 小狼 Ri Shaoran?)
È un ragazzino cinese giunto in Giappone per recuperare tutte le carte di Clow. È nato il 13 luglio. È un lontano discendente di Clow Reed. Entra subito in competizione con Sakura e Kero-chan, ma alla fine si innamora di Sakura.
Doppiato da Motoko Kumai (giapponese), Monica Bonetto (ep. 1~45) e Cinzia Massironi (ep. 46~70) (italiano).
Cerberus (ケルベロス Keruberosu?)
È il custode delle Carte di Clow, Sakura lo chiama "Kero-chan" (ケロちゃん?). Ha l'aspetto di un piccolo peluche dorato con due ali bianche. Ama giocare ai videogiochi e mangiare dolciumi.
Doppiato da Aya Hisakawa (giapponese), Patrizia Scianca (forma piccola) e Alberto Sette (forma grande) (stag. 2-3) (italiano).
Tomoyo Daidouji (大道寺 知世 Daidōji Tomoyo?)
È la migliore amica di Sakura. È nata il 3 settembre. Confeziona per la ragazzina tutti i suoi vestiti che indossa durante le missioni. Inoltre si diletta nel riprendere con una piccola videocamera le avventure della sua "beniamina".
Doppiata da Junko Iwao (giapponese), Patrizia Mottola (italiano).

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Il tema principale di Card Captor Sakura è senza dubbio il rapporto con gli altri. Sakura è una ragazza molto dolce, che crede fortemente sia nell'amicizia sia nell'amore; è infatti sempre pronta ad aiutare tutti, compreso Syaoran, che inizialmente si presenta come suo rivale.

Syaoran mentre confessa i suoi sentimenti a Sakura nell'episodio 70

Le CLAMP affermano che uno dei loro scopi era di rendere le minoranze "normali" agli occhi di Sakura[8], e uno dei punti principali era dunque creare un personaggio che credesse nell'amicizia e nell'amore sotto ogni forma. Per questo motivo, la minoranza composta da stranieri che si sono trasferiti in Giappone, rappresentata dai due studenti Syaoran ed Eriol (rispettivamente cinese e inglese), non subiscono episodi di xenofobia, ma anzi vengono calorosamente accolti nel Paese. Anche i personaggi omosessuali o bisessuali (come Touya, Yukito, Tomoyo, Syaoran e probabilmente Sakura) non vengono discriminati, ma invece accettati con disinvoltura.

Continuità[modifica | modifica wikitesto]

Le CLAMP hanno incluso la storia di Card Captor Sakura nel manga Tsubasa RESERVoir CHRoNiCLE, sempre delle stesse autrici.

È stato infatti rivelato che la protagonista, la Principessa Sakura, ha incontrato in sogno Sakura Kinomoto, dalla quale ha ricevuto lo Star Wand che, alcuni anni dopo, le sarebbe servito come pagamento per mandare suo figlio Syaoran (il cui vero nome in realtà è Tsubasa) nel Regno di Clow. A giudicare dalla divisa scolastica indossata da Sakura al momento dell'incontro, si deduce che esso sia avvenuto in un momento successivo al finale del manga, quando cioè Sakura frequenta già le scuole medie. In quello stesso incontro afferma che si sarebbe presa cura delle Carte di Clow, il che fa supporre che abbia imparato a controllarle anche senza lo scettro.

Come viene visto, Yuko Ichihara possiede lo scettro di Sakura, sia l'originale (Star Wand) che una replica precedentemente apparsa della forma base (Sealing Wand), difatti nel primo volume Yuko definisce lo scettro in suo possesso come "un'innocua imitazione" che "può solo emettere luci e suoni!". È stato inoltre rivelato che Sakura ha, sin da quando era bambina, dei sogni premonitori.

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Dei petali di ciliegio giapponese, motivo ricorrente della serie

Card Captor Sakura è stato inizialmente pubblicato sulla rivista shōjo Nakayoshi della Kōdansha da giugno 1996 all'agosto 2000, per poi essere raccolto e pubblicato il 12 tankōbon. I primi sei volumi sono ripubblicati nel 2000 in una versione bilingue, interrotta per la pubblicazione del manga negli Stati Uniti. Nel 2004 è stata presentata la ristampa, sempre di 12 volumi ma con nuove illustrazioni di copertina, così come nel 2015, in occasione del 60º anniversario della rivista[9]. Dal luglio 2016 viene pubblicato sempre su Nakayoshi un seguito dal titolo Cardcaptor Sakura: Clear Card, raccolto in tankōbon dal 2 dicembre seguente[1][2].

In Italia il manga è stato pubblicato per la prima volta dalla Star Comics dal 1999 al 2001, sulla collana Kappa Extra. È composto da 12 tankōbon, come in originale, mentre la lettura è stata ribaltata, diventando occidentale. La versione italiana è molto fedele all'originale. Una seconda edizione, sempre dalla Star Comics, è stata pubblicata dal 2011 in perfect edition, edizione speciale della casa editrice, che comprende un formato 14.5x21cm, pagine iniziali a colori, e sovracoperta. Come per Magic Knight Rayearth, i dialoghi sono stati riadattati e la lettura lasciata all'orientale[10].

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
Cardcaptor Sakura (12 volumi)
122 novembre 1996[11]ISBN 978-4-06-319743-3 16 ottobre 1999
24 aprile 1997[12]ISBN 978-4-06-319791-4 18 dicembre 1999
34 agosto 1997[13]ISBN 978-4-06-319844-7 20 febbraio 2000
45 dicembre 1997[14]ISBN 978-4-06-319881-2 22 aprile 2000
54 aprile 1998[15]ISBN 978-4-06-319924-6 23 maggio 2000
613 luglio 1998[16]ISBN 978-4-06-333954-3 24 giugno 2000
713 novembre 1998[17]ISBN 978-4-06-333989-5 25 luglio 2000
811 marzo 1999[18]ISBN 978-4-06-334049-5 26 agosto 2000
922 luglio 1999[19]ISBN 978-4-06-334099-0 27 settembre 2000
103 dicembre 1999[20]ISBN 978-4-06-334259-8 28 ottobre 2000
1124 febbraio 2000[21]ISBN 978-4-06-334286-4 29 novembre 2000
1231 luglio 2000[22]ISBN 978-4-06-334326-7 30 dicembre 2000
Cardcaptor Sakura: Clear Card (3 volumi)
12 dicembre 2016[23]ISBN 978-4-06-393099-3
21º aprile 2017[24]ISBN 978-1-63236-538-5
313 settembre 2017[25]ISBN 978-4-06-393266-9

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Card Captor Sakura.
Logo originale della serie

Card Captor Sakura è diventata una serie animata, creata dallo studio d'animazione Madhouse e diretta da Morio Asaka. Kumiko Takahashi ha lavorato come character designer e come capo direttore d'animazione della serie. Anche le autrici hanno collaborato al progetto, con Nanase Ōkawa come scrittrice della sceneggiatura, e Mokona come collaboratrice per i costumi di Sakura e il design delle Carte di Clow. La versione animata, infatti, propone altre 34 carte, che sommate alle 19 del manga, arrivano a 53. Vengono aggiunti due personaggi: il maggiordomo di Li e la parente Mei Ling. Una volta che Li arriva in Giappone per catturare le carte, viene poi seguito da Mei Ling che intende portarlo di nuovo in Cina e sposarlo.

La serie animata, trasmessa su NHK e in seguito su Animax, è composta da tre stagioni: la prima stagione, intitolata Cardcaptor Sakura: Clow Card-hen (カードキャプターさくら クロウカード編?), è stata trasmessa dall'8 aprile al 29 dicembre 1998 (i primi 35 episodi) e dal 6 aprile al 13 luglio 1999 (i restanti 11 episodi) e si concentra sulla cattura delle carte (corrispondente ai primi sei volumi del manga); la seconda, invece, intitolata Cardcaptor Sakura: Sakura Card-hen (カードキャプターさくら さくらカード編?) è stata trasmessa dal 7 settembre 1999 al 21 marzo 2000 (24 episodi) e riguarda la trasformazione delle carte in Carte di Sakura (i restanti sei volumi). Una terza, intitolata Cardcaptor Sakura: Clear Card-hen (カードキャプターさくら クリアカード編?), è trasmessa dal 7 gennaio 2018 (26 episodi) e corrisponde al seguito del manga dall'omonimo titolo[3][4][5].

In Italia la prima stagione è stata trasmessa, con il titolo Pesca la tua carta Sakura, su Italia 1 dal 27 settembre 1999 fino al 5 novembre 1999. La seconda, invece, intitolata Sakura, la partita non è finita, ha avuto una trasmissione molto più travagliata: i primi 6 episodi sono stati trasmessi dal 1º febbraio 2001, la serie è stata poi bruscamente interrotta a causa delle tematiche omosessuali che potevano emergere. Entrambe le stagioni sono state ritrasmette su Italia 1 nell'estate 2006, tuttavia l'ultimo episodio non è mai stato trasmesso in chiaro. La terza stagione viene trasmessa simultaneamente col Giappone, sottotitolata, da Yamato Video[6].

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Le sigle italiane, scritte da Alessandra Valeri Manera e Franco Fasano ed interpretate da Cristina D'Avena, presentano un arrangiamento completamente diverso dalle originali e vengono usate sia in apertura che in chiusura.

Sigla di apertura
Sigla di chiusura
  • Groovy!, di Koumi Hirose (prima stagione; ep. 1-35)
  • Honey, di CHIHIRO (prima stagione; ep. 36-46)
  • FRUITS CANDY, di Megumi Kojima (seconda stagione; ep. 47-69)
  • Platinum (プラチナ?), di Maaya Sakamoto (seconda stagione; ep. 70)
  • Jewelry, di Saori Hayami (terza stagione; ep. 1-26)
Sigla di apertura e di chiusura italiana
  • Pesca la tua carta Sakura, di Cristina D'Avena (prima stagione; ep. 1-35)
  • Sakura, la partita non è finita, di Cristina D'Avena (seconda stagione; ep. 36-70)

Kero-chan ni omakase![modifica | modifica wikitesto]

Nella prima versione dell'anime in Giappone, Kero-chan appare alla fine di ogni episodio, in cui svolge la funzione di guida attraverso il mondo magico Card Captor Sakura. Questi segmenti, di circa 5 minuti, sono chiamati Kero-chan ni omakase! (ケロちゃんにおまかせ!? lett. "Lasciate fare a Kero-chan!") in originale, Kero's Corner nella versione americana. Dopo i titoli di coda, Kero-chan discute infatti i vari personaggi, i loro costumi e le loro caratteristiche, spesso in modo ironico. Nella versione italiana non è presente.

Alla fine del secondo film viene riproposto questo segmento, in cui Kero-chan e Spinel Sun si rincorrono per tutta Tomoeda per un takoyaki.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colonne sonore di Card Captor Sakura.

Sono stati distribuiti molti album con colonne sonore, composte da Takayuki Negishi. I primi 4 album sono composti dalle sigle iniziali e della musica di sottofondo della serie animata. Il quinto e sesto album sono rispettivamente la musica delle due versioni cinematografiche. Le restanti tre sono raccolte dai temi più generali. Sono stati anche pubblicati due cd drama, scritte da Nanase Ōkawa.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati prodotti due film, creati sulla base della serie animata. Non trattano nessuna storia del manga.

  • Card Captor Sakura - The Movie (劇場版カードキャプターさくら Gekijōban Kādokyaputā Sakura?) si svolge tra la prima e la seconda stagione originale della serie animata, cioè tra l'episodio 35 e il 36. In occasione delle vacanze invernali, una fortunata vincita porta Sakura e i suoi amici nella misteriosa Hong Kong, dove il gruppo farà anche la conoscenza dell'antica famiglia di Syaoran Li. Dovrà però affrontare una nuova sfida, e scontrarsi con la Madoushi, un'indovina che era stata respinta da Clow Reed del quale era innamorata.
  • Gekijōban Cardcaptor Sakura: Fūin sareta card (劇場版カードキャプターさくら 封印されたカード?), Sakura è alle prese con l'ultima e potentissima carta di Clow, che metterà alla prova il suo amore per Li Syaoran. Sakura è ormai diventata padrona delle Carte di Clow, dopo averle trasformate in Carte di Sakura. Una carta però, era talmente potente da poter sfuggire dal controllo del suo creatore, e perciò fu sigillata. Con la demolizione della casa di Eriol, la carta si è risvegliata: è The Nothing, la carta del Nulla, in grado di far sparire oggetti, persone e le stesse carte di Sakura. Alla fine del film Sakura riesce a dichiararsi a Syaoran.

OAV[modifica | modifica wikitesto]

Esistono tre OAV chiamati Tomoyo no Cardcaptor Sakura katsuyaku video nikki! (すてきですわ、さくらちゃん! 知世のカードキャプターさくら活躍ビデオ日記! Tomoyo no Kādokyaputā Sakura katsuyaku bideo nikki!?), conosciuti anche come Tomoyo's Video Diary Specials, ognuno di circa 5 minuti:

  • Video nikki! propone Sakura in una versione cantante, intenta (spinta da Tomoyo) a cantare la canzone "Catch You Catch Me", prima sigla di apertura originale dell'anime.
  • Video nikki 2! mostra le abilità di Sakura nel preparare torte.
  • Nikki special! indaga sul mistero degli occhi chiusi di Takashi. Viene infatti notato da Meiling che Takashi non apre mai gli occhi, eccetto alcune volte. Si scopre infatti che apre gli occhi solamente quando dice il vero, cioè raramente: la maggior parte delle volte inventa delle storielle che tutti finiscono per credere.

Un ulteriore OAV dal titolo Cardcaptor Sakura Clear Card Prologue Sakura to futatsu no kuma (カードキャプターさくら クリアカード編 プロローグ さくらとふたつのくま Kādokyaputā Sakura Kuria Kādo-hen Purorōgu Sakura to futatsu no kuma?), che riprende il finale delle prime due stagioni e introduce alla terza, è uscito in anteprima all'Anime Expo il 1º luglio 2017 e pubblicato in DVD e Blu-ray il 13 settembre seguente assieme al terzo volume del sequel del manga[7]. Il tema musicale è Yakusoku no sora (約束の空?), di Tomoyo Daidouji (Junko Iwao) & il coro della scuola elementare di Tomoeda.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

La serie sono stati tratti dieci videogiochi, sviluppati per PC, Game Boy, PlayStation, WonderSwan, Dreamcast, Game Boy Advance e PlayStation 2. Tutti i videogiochi sono stati distribuiti soltanto in Giappone. Il primo videogioco prodotto è stato Cardcaptor Sakura: Itsumo Sakura-chan to issho! pubblicato nel 1999 per Game Boy[26], mentre l'ultimo è stato Cardcaptor Sakura: Sakura-chan to asobo! pubblicato nel 2004 per PlayStation 2[27].

  • Cardcaptor Sakura: Itsumo Sakura-chan to issho!
  • Animetic Story Game 1: Cardcaptor Sakura
  • Cardcaptor Sakura: Sakura to fushigina Clow Cards
  • Cardcaptor Sakura: Clow Card Magic
  • Tetris with Cardcaptor Sakura: Eternal Heart
  • Cardcaptor Sakura: Tomoe shōgakkō dai undōkai
  • Cardcaptor Sakura: Tomoyo no video taisakusen
  • Cardcaptor Sakura: Sakura Card de Mini-Game
  • Cardcaptor Sakura: Sakura Card-hen Sakura Card to tomodachi
  • Cardcaptor Sakura: Sakura-Chan to asobo!

Libri e artbook[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, la Kōdansha ha pubblicato un libro chiamato Clow Card Fortune Book (カードキャプターさくら クロウカードフォーチュンブック?), una sorta di guida su come leggere le Carte di Clow come se fossero tarocchi. Il libro, scritto personalmente dalle CLAMP, è stato pubblicato solamente in Giappone.

Dalla serie sono stati tratti quattro artbook di illustrazioni originali, con commenti delle stesse CLAMP: Cardcaptor Sakura Illustration (1998), Cardcaptor Sakura Illustration 2 (2000), Cardcaptor Sakura Illustration 3 (2000) e Cardcaptor Sakura Memorial Book (2001). Dalla serie TV e dai film sono stati invece tratti tre volumi intitolati Cardcaptor Sakura Illustrations Collection Cheerio!, pubblicati dal 1999 al 2000, e quattro volumi chiamati Cardcaptor Sakura Complete Book (Clow Card-hen) (1999), Movie Cardcaptor Sakura Complete Book (1999), Cardcaptor Sakura Complete Book 2 (Sakura Card-hen) (2000) e Cardcaptor Sakura Complete Book (Fūin sareta card) (2000), questi ultimi contenenti informazioni aggiuntive, riassunti degli episodi e interviste.

Trasmissioni e adattamenti nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Stato Canale/i televisivo Data prima TV Titolo
Arabia Saudita Arabia Saudita Spacetoon
Australia Australia Network Ten, Seven Network, Cartoon Network Cardcaptors
Canada Canada Teletoon Cardcaptors
Corea del Sud Corea del Sud KBS 1TV, Spacetoon, Cartoon Network 23 giugno 1999 – settembre 2000 Cardcaptor Cherry (카드캡터 체리?)
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Cartoon Network Arabia
Finlandia Finlandia Yle TV1, Cartoon Network, MTV3, Yle TV2
Francia Francia Fox Kids, M6 4 settembre 1999 Sakura, chasseuse de cartes
Germania Germania ProSieben, Super RTL, Nickelodeon, Disney Time 11 ottobre 2003
Indonesia Indonesia RCTI, Animax, Spacetoon, Antv, Trans TV
Irlanda Irlanda RTÉ One
Israele Israele Disney Channel
Italia Italia Italia 1, Italia Teen Television, Hiro 27 settembre 1999 – febbraio 2001 Pesca la tua carta Sakura
Sakura, la partita non è finita
Cardcaptor Sakura
Regno Unito Regno Unito Pop Girl Cardcaptors
Spagna Spagna Canal 33, K3 18 settembre[28] – 25 dicembre 2000[29] (CT)
Sakura, la caçadora de cartes
Sakura, cazadora de cartas
Sakura Cardcaptors
Stati Uniti Stati Uniti 4Kids TV, Kids WB, Cartoon Network (Toonami) 17 giugno 2000 – 14 dicembre 2001[30][31] Cardcaptors

Adattamento in Italia[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana è stata trasmessa per la prima volta, censurata, su Italia 1 con due titoli: Pesca la tua carta Sakura (i primi 35 episodi, dal novembre 1998) e Sakura, la partita non è finita (i restanti 35, dal marzo 2001). Le modifiche apportate nella versione italiana riguardano soprattutto i personaggi principali e le relazioni tra di loro. Alcuni nomi sono stati leggermente modificati, come Yukito in Yuki. Al personaggio Syaoran Li invece è stato invertito il nome con il cognome, diventando Li (nome) e Syaoran (cognome).

L'età della protagonista, inoltre, passa da 10 a 14 nella serie italiana. Tutte le relazioni considerate 'improprie' vengono tagliate: l'amore provato da Tomoyo per Sakura viene trasformato in una semplice amicizia, così come quello provato da Touya, fratello di Sakura, per Yukito. La cotta iniziale di Syaoran per Yukito viene tagliata, anche se dopo si scopre che era semplice attrazione causata dai suoi poteri magici. La relazione tra Rika e il suo maestro Terada venne alleggerita, così come l'eccessiva ammirazione di Sakura per la signorina Mizuki.

Adattamento in America[modifica | modifica wikitesto]

La serie Card Captor Sakura fu pesantemente modificata per il pubblico americano. Il nome divenne Cardcaptors, e i primi 8 episodi non vennero mai trasmessi. La serie cominciò così con l'arrivo di Syaoran, che divenne il coprotagonista, insieme a Sakura. Questo taglio, secondo la rete americana, è stato apportato per attrarre più ragazzi a guardare la serie. Infatti, il 60% degli spettatori erano ragazzi, mentre il restante 40% ragazze.

La cittadina immaginaria di Tomoeda, in cui si svolge la storia, diventa Reedington. La Tokyo Tower nominata da Sakura, diventa la Radio Tower. Tutte le relazioni reputate inopportune furono cambiate, come nell'edizione italiana. Perfino la sigla iniziale fu modificata, per inserire le parole "Cardcaptor" al posto di "Card Captor Sakura". Successivamente la serie TV venne raccolta in 9 DVD e subito dopo venne pubblicata in versione integrale sempre per il mercato DVD dalla Pioneer, con l'audio in giapponese e i sottotitoli in inglese.

Tutti i nomi, eccetto Sakura e Meiling, furono cambiati in nomi tipicamente americani. Inoltre, il cognome di Meiling divenne 'Rae', per cancellare ogni legame con Syaoran, visto che i due erano promessi al fidanzamento. La seguente tabella riporta i nomi originali e quelli americani:

Personaggi
Sakura Kinomoto Sakura Avalon Syaoran Li Li Showron Clow Reed Clow Reed Takashi Yamazaki Zachary
Touya Kinomoto Tory Avalon Meiling Li Meilin Rae Eriol Hiiragizawa Eli Moon Naoko Yanagisawa Nikki
Fujitaka Kinomoto Aiden Avalon Tomoyo Daidoji Madison Taylor Yukito Tsukishiro Julian Star Chiharu Mihara Chelsea
Nadeshiko Kinomoto Natasha Avalon Sonomi Daidoji Samantha Taylor Kaho Mizuki Layla Mackenzie Rika Sasaki Rita
Cerberus Keroberos Spinel Sun Spinner Sun Terada Mr. Terada Maki Matsumoto Maggie

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (JA) 新連載「カードキャプターさくらクリアカード編」スタート!! (New series Cardcaptor Sakura: Clear Card Edition Starts!!), Kodansha, 3 giugno 2016. URL consultato il 9 luglio 2016.
  2. ^ a b (EN) New Cardcaptor Sakura Manga Is Sequel Launching in June, Anime News Network, 26 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2016.
  3. ^ a b (EN) Cardcaptor Sakura: Clear Card Anime Listed With 26 Episodes, Anime News Network, 5 dicembre 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  4. ^ a b (EN) Cardcaptor Sakura: Clear Card Arc Manga Gets TV Anime Series in January 2018, Anime News Network, 26 novembre 2016. URL consultato il 26 novembre 2016.
  5. ^ a b (EN) CLAMP's Nanase Ohkawa Writes, Oversees Scripts For New Cardcaptor Sakura Anime, Anime News Network, 26 dicembre 2016. URL consultato il 26 dicembre 2016.
  6. ^ a b Yamato Video annuncia due simulcast per gennaio, AnimeClick.it, 1º gennaio 2018. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  7. ^ a b Anime Expo Holds World Premiere of Cardcaptor Sakura: Clear Card Arc Prologue Anime, Anime News Network, 6 giugno 2017. URL consultato il 1º luglio 2017.
  8. ^ Intervista: Card Captor Sakura (da CLAMP no kiseki 2), su community.livejournal.com. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  9. ^ (EN) Lynzee Lamb, Card Captor Sakura Clow Cards Reprinted for Nakayoshi's 60th Anniversary, su Anime News Network, 10 settembre 2014. URL consultato il 25 giugno 2015.
  10. ^ News: Notizie da Mantova - Star Comics, su starcomics.com. URL consultato l'11 marzo 2011.
  11. ^ (JA) カードキャプターさくら(1)(Cardcaptor Sakura (1)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  12. ^ (JA) カードキャプターさくら(2) (Cardcaptor Sakura (2)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  13. ^ (JA) カードキャプターさくら(3) (Cardcaptor Sakura (3)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  14. ^ (JA) カードキャプターさくら(4) (Cardcaptor Sakura (4)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  15. ^ (JA) カードキャプターさくら(5) (Cardcaptor Sakura (5)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  16. ^ (JA) カードキャプターさくら(6) (Cardcaptor Sakura (6)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  17. ^ (JA) カードキャプターさくら(7) (Cardcaptor Sakura (7)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  18. ^ (JA) カードキャプターさくら(8) (Cardcaptor Sakura (8)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  19. ^ (JA) カードキャプターさくら(9) (Cardcaptor Sakura (9)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  20. ^ (JA) カードキャプターさくら(10) (Cardcaptor Sakura (10)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  21. ^ (JA) カードキャプターさくら(11) (Cardcaptor Sakura (11)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  22. ^ (JA) カードキャプターさくら(12) (Cardcaptor Sakura (12)), Kodansha. URL consultato il 13 settembre 2010.
  23. ^ (JA) カードキャプターさくら クリアカード編(1), Kodansha. URL consultato il 14 marzo 2017.
  24. ^ (JA) カードキャプターさくら クリアカード編(2), Kodansha. URL consultato il 3 aprile 2017.
  25. ^ (JA) カードキャプターさくら クリアカード編(3), Kodansha. URL consultato il 14 settembre 2017.
  26. ^ Card Captor Sakura: Itsumo Sakura-chan to Issho! for Game Boy Color, GameSpot. URL consultato il 24 settembre 2010.
  27. ^ (JA) カードキャプターさくら 「さくらちゃんとあそぼ!」, GameSpot. URL consultato il 24 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2009).
  28. ^ (ES) Servei Català de Doblatge, su tv3.cat. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  29. ^ (ES) Vivir en Barcelona - Televisión, su hemeroteca.lavanguardia.com. URL consultato il 25 gennaio 2012.
  30. ^ Cardcaptors, MSN TV. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  31. ^ Cardcaptors - 'Revelations' Episode Info, MSN TV. URL consultato il 2 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga