Bitto Albertini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bitto Albertini, nome d'arte di Adalberto Albertini (Torino, 5 settembre 1923Zagarolo, 22 febbraio 1999), è stato un direttore della fotografia, sceneggiatore e regista italiano. Ha utilizzato vari altri pseudonimi, tra i quali Al Albert e Albert Thomas.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si avvicina al mondo del cinema durante la guerra, sia come aiuto operarore che come assistente alla regia; si occupa per la prima volta della codirezione della fotografia nel film La fiamma che non si spegne di Vittorio Cottafavi del 1949.

È direttore della fotografia di svariate pellicole degli anni cinquanta e sessanta, per debuttare nella regia con il film Supercolpo da 7 miliardi nel 1966.

Nel 1975 dirige Emanuelle nera, il film che lanciò l'attrice indonesiana Laura Gemser.

Muore a Zagarolo nel 1999 all'età di 75 anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Direttore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Bolaffi del cinema italiano, i registi, Torino 1975.
  • Cataloghi Bolaffi del cinema italiano 1945/1955 - 1956/1965 - 1966/1975.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61752286 · ISNI (EN0000 0001 1655 6271 · SBN IT\ICCU\BVEV\063235 · LCCN (ENno2005092538 · GND (DE122316177 · BNF (FRcb14073937q (data)