Belton (Texas)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Belton
city
(EN) City of Belton
Belton – Stemma Belton – Bandiera
Belton – Veduta
Il centro di Belton vicino al tribunale della contea di Bell
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaBell
Territorio
Coordinate31°03′32.04″N 97°27′47.88″W / 31.0589°N 97.4633°W31.0589; -97.4633 (Belton)Coordinate: 31°03′32.04″N 97°27′47.88″W / 31.0589°N 97.4633°W31.0589; -97.4633 (Belton)
Altitudine155 m s.l.m.
Superficie51,65 km²
Abitanti18 216 (2010)
Densità352,68 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale76513
Prefisso254
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Belton
Belton
Belton – Mappa
Sito istituzionale

Belton è un comune (city) degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Bell nello Stato del Texas. La popolazione era di 18,216 abitanti al censimento del 2010. Fa dell'area metropolitana di Killeen-Temple-Fort Hood. La città si trova sul corridoio della Interstate 35 tra Austin e Waco.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Belton è situata a 31°03′32″N 97°27′48″W / 31.058889°N 97.463333°W31.058889; -97.463333 (31.058904, -97.463382)[1].

Secondo lo United States Census Bureau, la città ha una superficie totale di 51,65 km², dei quali 49,03 km² di territorio e 2,63 km² di acque interne (5,08% del totale).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Belton c. 1881

L'area fu colonizzata alla fine degli anni 1840. Quando la contea di Bell venne fondata nel 1850, il piccolo insediamento di Nolan Springs, chiamato così in onore dell'avventuriero Philip Nolan, fu scelto come capoluogo della contea e rinominato in Nolanville. Il colonnello Henry B. Elliot mappò l'area ed E. Lawrence Stickney pianificò la città. La città fu progettata sul piano di Shelbyville, con una grande piazza sul tribunale. La prima vendita dei lotti della città si tenne il 26 agosto 1850. Joe Townsend e A. T. McCorcle sono stati tra i primi commercianti a costruire negozi. W. H. Tichenal era noto per le vendite delle merci dal suo carro sulla piazza, e John C. Henry, con un barile di whisky e una tazza di latta, gestiva un saloon sotto un albero appena ad est del sito dove più tardi fu costruito un ponte su Main Street. L'ufficio postale fu creato con il nome di Nolanville nell'ottobre del 1850. Nel dicembre del 1851, la legislatura del Texas incorporò la città e le cambiò il nome in Belton, prendendo il nome dalla contea di Bell. Un piccolo tribunale di tronchi fu eretto sulla piazza del tribunale nel 1852. Una diligenza iniziò ad operare nello stesso anno e la città si trasformò in una fermata sull'itinerario della posta da Little Rock, Arkansas, a San Antonio[2].

Verso la metà degli anni 1850, numerosi commercianti aprirono negozi presso o vicino alla piazza del tribunale, e Belton emerse come centro del commercio della regione. L'originale tribunale di tronchi fu venduto all'asta nel 1855, e un nuovo edificio in calcare fu costruito nel 1859. Nel 1860, Belton, con una popolazione di 300 abitanti, era la più grande città della contea[2].

Durante la crisi di secessione, c'era un forte sentimento a favore dell'Unione a Belton. Un quotidiano indipendentista, l'Independent, veniva pubblicato da quelle parti, e nell'elezione del 1859 gli abitanti della contea di Bell votarono in modo straordinario per Sam Houston. Tuttavia, nel 1861 la contea votò con un ampio margine per la secessione. Un gran numero di uomini di Belton servì nelle forze confederate e gli abitanti locali crearono piccole aziende per sostenere gli sforzi della guerra, tra cui un complesso di penne di stoccaggio e la macellazione per la lavorazione del manzo secco[2].

Dopo la guerra, Belton visse un periodo prolungato di violenza e di illegalità. Le truppe federali furono sistemate nella città per proteggere il giudice federale Hiram Christian ma non furono in grado di fermare una serie di omicidi ai danni dei politici. Numerosi simpatizzanti dell'Unione che furono rinchiusi come prigionieri per omicidi ai politici vennero linciati dalla folla di Belton nel 1866, e alla fine degli anni 1860 il Ku Klux Klan e diverse altre organizzazioni simili erano cresciute. I repubblicani si dimostrarono impotenti per fermare la crescente marea, e nei primi anni 1870 i conservatori democratici erano ancora una volta saldamente sotto controllo[2].

Dopo la ricostruzione, la città continuò a crescere come centro del commercio per l'area agricola circostante. Una delle principali vie di alimentazione della pista Chisholm attraversava lungo il confine orientale della città, e numerose mandrie di bestiame si originarono o passarono attraverso l'area durante gli anni 1870 e 1880. Nel 1867, la prima banca della città fu organizzata da Josephus Zacharias Miller e altre persone, e Belton presto si sviluppò come centro bancario della regione. Alla fine degli anni 1860 e 1870, ha avuto inizio un esperimento religioso e sociale, il Belton Woman's Commonwealth o il movimento Belton Sanctificationist. Guidate da Martha White McWhirter e molte altre donne prominenti di Belton, le "Sanctificationists" si spezzarono dalle chiese protestanti create nella città e formarono una cooperativa economica. Nel 1887, fu aperto il Central Hotel con tre piani, per molti anni, fu la città più grande e più moderna, e negli anni successivi operavano una lavanderia a vapore e varie aziende vicine. Il gruppo fondò anche la prima biblioteca della città in una stanza dell'hotel[2].

Nel 1879, un incendio distrusse gran parte del quartiere centrale degli affari della città, ma i negozi furono rapidamente ricostruiti. Un nuovo tribunale in architettura neorinascimentale, disegnato dall'architetto Jasper N. Preston, fu costruito alla fine degli anni 1870, e nella metà degli anni 1880 Belton possedeva una popolazione di 4.000 abitanti, un servizio giornaliero di posta e un servizio di diligenze, tre giornali, un teatro dell'opera, cinque scuole, un mulino a vapore e mulini di farina, due hotel, 13 negozi alimentari, e tre banche. Durante questo periodo, Belton si sviluppò anche come centro della trasformazione e della spedizione per le coltivazioni di cotone crescenti nella regione. Il primo mulino di cotone fu costruito nella città nel 1879 e un certo numero di sgranatrici di cotone cominciò ad operare[2].

All'inizio degli anni 1880, la prima ferrovia, la Gulf, Colorado and Santa Fe Railway, raggiunse la città, e la Missouri-Kansas-Texas Railroad fu costruita nel 1882. Tuttavia, Temple, fondata dalla Santa Fe otto miglia a nord-est nel 1881 e promossa in modo aggressivo dalla ferrovia, superò velocemente Belton come città più grande della contea. Alcune aziende di Belton si trasferirono a Temple, ma l'importanza di Belton come capoluogo della contea e centro del cotone assicurò la sua sopravvivenza. Una linea interurbana elettrica che collega le due città fu costruita nel 1905, e il commercio si sviluppò tra loro. La fine del XIX secolo vide anche altri importanti sviluppi: un sistema idrico pubblico fu costruito a metà degli anni 1880, un dipartimento dei vigili del fuoco fu organizzato nel 1884, e la città ricevette l'elettricità nel 1889. Nel 1885, il Baylor Female College, più tardi University of Mary Hardin-Baylor, fu trasferito a Belton. La Belton Academy, fondata nel 1886, era attiva fino al 1911. Una grande fabbrica della filatura del cotone fu aperta nel 1901 e nel 1904 la città possedeva una popolazione di 3,700 abitanti. Nel dicembre del 1913, gran parte del centro fu inondato a causa del Nolan Creek, ma la città continuò a prosperare fino degli anni 1930, quando il prezzo del cotone diminuì e l'inizio della grande depressione costrinse molte aziende a chiudere. La popolazione, che raggiunse un picco di 6.500 abitanti nel 1928, scese a 3.779 nel 1931. L'economia iniziò a riprendersi solamente nei primi anni 1940 con lo sviluppo della vicina Fort Hood[2].

Dopo la seconda guerra mondiale, la popolazione era cresciuta costantemente. Nel 1950, a Belton erano presenti una popolazione di 6.246 abitanti e 180 aziende. Nel 1990, la città possedeva una popolazione di 12.476 abitanti. Nel 2000, la popolazione era aumentata a 14.623 abitanti[2].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[3] del 2010, la popolazione era di 18,216 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 74,46% di bianchi, l'8,1% di afroamericani, lo 0,87% di nativi americani, l'1,6% di asiatici, lo 0,19% di oceanici, l'11,8% di altre razze, e il 2,98% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 29,06% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas