Austin Powers in Goldmember

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Austin Powers in Goldmember
Austin powers goldmember.png
Titoli di testa del film
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2002
Durata94 min
Rapporto2,35:1
Generecomico
RegiaJay Roach
SoggettoMichael McCullers
SceneggiaturaMike Myers
ProduttoreEric McLeod, Demi Moore, Claire Rudnick Polstein, Jennifer Todd, Suzanne Todd
Casa di produzioneNew Line Cinema
FotografiaPeter Deming
MontaggioJon Poll, Greg Hayden
Effetti specialiKeith Marbory, Dave Johnson, Christopher Nelson
MusicheGeorge S. Clinton, Quincy Jones
ScenografiaRusty Smith
CostumiDeena Appel
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Austin Powers in Goldmember (Austin Powers in Goldmember) è un film parodia del 2002 diretto da Jay Roach, basato sui personaggi nati dalla fantasia del comico canadese Mike Myers, che fu attore protagonista ed autore della sceneggiatura della pellicola.

È il terzo e ultimo film della serie, preceduto da Austin Powers - Il controspione, nel 1997, e Austin Powers - La spia che ci provava, nel 1999.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che il Dottor Male e Mini-Me sono evasi dalla prigione di massima sicurezza dove erano rinchiusi, Austin Powers viene richiamato in servizio. Infatti il Dottor Male, in combutta con il misterioso Goldmember, sta organizzando un altro viaggio nel tempo per impossessarsi del pianeta. Il folle piano prevede anche il rapimento della spia più famosa d'Inghilterra, Nigel Powers, il padre di Austin. Nel suo viaggio a ritroso nel tempo Austin approda nel 1975 e ritrova la sua ex fiamma, Foxxy Cleopatra, che diventa sua alleata.

Camei[modifica | modifica wikitesto]

Nel film vi è un folto cameo di personaggi, quali Tom Cruise, John Travolta, Steven Spielberg, Danny DeVito, Kevin Spacey, Gwyneth Paltrow, Britney Spears, Quincy Jones, Nathan Lane e Ozzy Osbourne.

Quando Austin Powers fa esplodere la testa di Britney Spears, dice «Oops!... L'ho fatto di nuovo». Questo, più evidente nella versione inglese, è un riferimento alla canzone Oops!... I Did It Again della stessa Britney Spears.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Possibile sequel[modifica | modifica wikitesto]

A ottobre 2005, in un'intervista con Entertainment Weekly, Mike Myers ha discusso la possibilità tornare protagonista in un eventuale quarto film[1] A maggio 2007, in un'intervista con IGN, Myers ha affermato che c'è un'idea pienamente concepita per un quarto capitolo.[2]

A maggio 2007, alla prima di Shrek terzo, Mike Myers ha annunciato che è stato previsto un quarto film di Austin Powers, ma che si concentrerà più sul dottor Evil piuttosto che su Austin. Ha affermato inoltre che avrebbe iniziato a lavorarci dopo il film The Love Guru che lo vede protagonista[3] A febbraio 2008, è stato annunciato che Jay Roach sarebbe tornato come regista. Nell'aprile 2008, è stato riferito che era stato offerto un ruolo nel film a Gisele Bündchen[4]. A luglio 2008, Mike Myers ha dichiarato di aver iniziato a scrivere Austin Powers 4 e che la trama è "veramente basata su Dottor Male e suo figlio"[5]. Inoltre, nel settembre del 2015, Verne Troyer (noto anche per aver recitato su Harry Potter e la pietra filosofale e Parnassus, oltre che ai film precedenti di Austin Powers) ha espresso la sua voglia di tornare nel ruolo di Mini-Me[6].

Nell'aprile del 2017, mentre il ventesimo anniversario della serie di film si avvicinava, il regista Jay Roach ha affermato che un quarto film avrebbe avuto luogo solo se Myers avesse creato una buona storia[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema