Charles Napier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles Napier a Bakersfield nel 2008

Charles Napier (Scottsville, 12 aprile 1936Bakersfield, 5 ottobre 2011) è stato un attore e produttore cinematografico statunitense.

Ha interpretato oltre 180 film, ed è noto principalmente per essere apparso in molte pellicole dirette da Russ Meyer, quali Supervixens e Lungo la valle delle bambole. Ha interpretato un ruolo anche nei cult movie The Blues Brothers e Il silenzio degli innocenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Napier debuttò nel mondo del cinema nel 1969. Dopo essere apparso in alcune serie televisive, tra le quali Star Trek, interpretò infatti un ruolo in Cherry, Harry & Raquel, diretto da Russ Meyer, in cui sfoggiò uno dei primi nudi integrali maschili della storia del cinema[1]. Nel 1970 Meyer lo volle anche per Lungo la valle delle bambole, suo grande successo, e l'anno successivo per I sette minuti che contano. Per la sua interpretazione in Supervixens (1975) Meyer disse: «Senza Napier il film non avrebbe mai avuto lo stesso successo, ne sono sicuro, nonostante le grandi tette e le sette ragazze»[1].

Successivamente Napier lavorò con registi come John Landis (interpretò il rude cantante dei Good Old Boys, fantomatico complesso country nel film The Blues Brothers), Jonathan Demme e Stephen Frears, e recitò anche in Rambo 2 - La vendetta. Interpretò anche alcuni film italiani di genere, come lo slasher Camping del terrore e il fantascientifico Alien degli abissi.

Ha preso parte anche a note serie televisive come Kojak, Dallas, Hazzard, CSI: Crime Scene Investigation, CHiPs e Renegade. Muore a 75 anni, nel 2011; riposa nel Cimitero Nazionale di Bakersfield, ad Arvin, in California.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Charles Napier è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Furia Berti, Russ Meyer. Milano, Editrice il Castoro, 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16875407 · ISNI (EN0000 0000 7142 2180 · LCCN (ENno2001055264 · GND (DE139411674 · BNF (FRcb13897854n (data) · WorldCat Identities (ENno2001-055264