Armata di Golan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Armata di Golan (ゴラン Goran?) è un'armata fittizia presente nel manga e anime Ken il guerriero.

L'Armata è ciò che rimane del reparto d'incursione speciale dell'esercito, i cui membri erano chiamati Berretti Rossi a causa dell'elemento distintivo della loro divisa, appunto un berretto da marines di colore rosso. Dopo l'olocausto, sono divenuti una setta di fanatici militaristi, convinti di essere stati "prescelti da Dio" in quanto sopravvissuti alla guerra atomica e per questo legittimati ad opprimere liberamente i più deboli e ad appropriarsi con la forza di ogni cosa desiderino.

Nel manga il loro scopo è fondare una loro nazione ideale, la Terra di Dio (ゴッドランド Goddorando?, dall'inglese "God Land"), rapendo le donne per generare una prole di prescelti; appaiono successivamente alla morte di Shin.

Nella serie TV, invece, essi fanno parte integrante dell'Esercito di Shin, che adorano come un dio, tanto da essersi ridefiniti appunto come l'Armata di Dio (ゴッドアーミー Goddo Āmī?, dall'inglese "God's Army"): tale appellativo si basa anche sul gioco di parole relativo al termine shin, che in giapponese ha proprio tra i suoi significati anche quello di dio. Inoltre, vessano il vicino villaggio in cambio di protezione.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Maggiore
Nome orig.少佐 (Shōsa)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 11
  • Anime: Episodio 6
Voce orig.Tomomichi Nishimura
Voce italianaSandro Dori
SpecieUmano
SessoMaschio

Il Maggiore (少佐 Shōsa?) è un membro dell'Armata di Golan. Egli è un uomo di corporatura normale con occhiali e baffetti, capelli neri (castani nell'anime) ed indossa una tenuta militare che ricorda vagamente quella degli ufficiali tedeschi della seconda guerra mondiale; combatte servendosi di pugnali da lancio ed usando una garrota per decapitare i suoi avversari (nella serie TV usa invece una frusta per strangolarli).

Il suo grado militare viene nominato solo nella serie animata (nel manga, infatti, è indicato semplicemente come un soldato e svolge anche i ruoli che nella serie TV sono invece occupati dal Capitano della Squadra di Sorveglianza e dal Capitano della Squadra di Ricerca). In entrambe le versioni risulta un individuo freddo e spietato: nel manga compie l'esecuzione dei ribelli dinnanzi alle donne che essi avevano tentato di liberare, mentre nella serie TV costringe il vincitore di un combattimento, durante un addestramento, ad uccidere il fratello sconfitto. Estremamente spavaldo nella sua vigliaccheria, ritiene i popolani di cui si sbarazza facilmente non all'altezza di un combattimento contro di lui, ma quando si ritrova ad affrontare avversari del calibro di Kenshiro si presenta un diverso finale: questi, nauseato dal suo disumano atteggiamento, lo sconfigge facilmente e tramite la stimolazione dei punti di pressione altera il suo sistema nervoso, impedendogli di muoversi liberamente e ritorcendogli contro la sua stessa tecnica di esecuzione, costringendolo a decapitarsi da solo con la sua garrota (nell'anime si strangola con la frusta).

Sergente Pazzo[modifica | modifica wikitesto]

Sergente Pazzo
Nome orig.マッド軍曹 (Maddo Sāji)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 13
  • Anime: Episodio 6
Voce orig.Yasurō Tanaka
Voci italiane
SpecieUmano
SessoMaschio
Poteri
  • Abile nel combattimento all'arma bianca
  • Capacità fisiche notevoli

Il Sergente Pazzo (マッド軍曹 Maddo Sāji?) chiamato Sergente Mad nell'anime, è il capo istruttore dell'Armata di Golan. Di corporatura imponente e muscolosa, è calvo, con dei baffetti neri (biondi nell'anime) ed è vestito con abiti militari. Il personaggio è probabilmente stato ispirato dal lottatore wrestling Robert Remus (soprannominato infatti Sgt. Slaughter, cioè Sergente Carneficina). Combatte usando pugnali da assalto con cui è capace di effettuare 10 affondi al secondo e speciali aghi da lancio cavi, coi quali uccide gli avversari per dissanguamento. Nella serie TV usa solo i pugnali, che sono però anche intinti di un letale veleno di scorpione. Inoltre, essendo un uomo alquanto grosso, possiede una notevole forza fisica.

È lui nella serie TV su ordine del Maggiore (mentre nel manga è una sua iniziativa) a costringere un soldato ad uccidere suo fratello, sconfitto in combattimento durante un addestramento.

A differenza del manga, dove viene raggiunto da Kenshiro nella Terra di Dio ed affrontato direttamente fin dal primo incontro, nella serie TV viene mostrato anche come uno stratega, andando a prendere Ken in città e riuscendo a metterlo fuori combattimento, dopo averlo distratto con una serie di cariche esplosive per poi colpirlo alle spalle con una palla demolitrice. Tuttavia, Ken riesce successivamente a liberarsi dalle catene che lo tenevano legato; il Sergente Pazzo tenterà di nuovo la stessa tattica, ma senza successo. Durante il suo scontro con Kenshiro tenta di pugnalarlo a ripetizione e di colpirlo con gli aghi ma senza successo alcuno, essendo Ken estremamente più veloce di lui. Dopodiché, Kenshiro riesce a prenderlo alle spalle e lo uccide facilmente, non prima di avergli estorto il nascondiglio del Colonnello grazie alle tecniche Hokuto.

Colonnello[modifica | modifica wikitesto]

Colonnello
Nome orig.大佐 (Kāneru)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 15
  • Anime: Episodio 6
Voce orig.Kōji Yada
Voci italiane
SpecieUmano
SessoMaschio
Poteri
  • Sacra Scuola di Nanto
  • Capacità predittiva dei movimenti degli avversari in combattimento
  • Capacità fisiche sovrumane
  • Utilizzo dell'aura combattiva
  • Abile nel combattimento all'arma bianca

Il Colonnello (大佐 Kāneru?), il cui vero nome è Karmell, è il temuto fondatore e capo supremo dell'Armata di Golan, nonché uno dei pochi Berretti Rossi sopravvissuti all'olocausto. Ha due grosse cicatrici che gli attraversano entrambi i lati della faccia, una benda che gli copre l'occhio destro, i capelli castani ed è vestito con la tipica divisa dell'Armata. Combatte usando degli affilati boomerang e dei corti artigli metallici che posiziona sulle dita per incrementare le sua capacità di lacerazione, è inoltre estremamente abile nel corpo a corpo ed è in grado di predire i movimenti degli avversari osservandone gli occhi ed i minimi movimenti muscolari: grazie a questa sua capacità è stato scambiato per un telepate. Il suo stile di combattimento rientra tra le tecniche Nanto e prende il nome di Pugno Silenzioso di Nanto (南斗無音拳 Nanto Muon Ken?).

Inizialmente, riesce a mettere in difficoltà persino Kenshiro con i suoi boomerang, ma subito dopo quest'ultimo li neutralizza evadendoli con la Danza del Vuoto Assoluto (空極流舞 Kūkyoku Ryūbu?). Dopo aver tentato di colpire il Colonnello ripetutamente, ottenendo però solo alcune leggere ferite, Kenshiro intuisce l'abilità del suo avversario di prevedere i suoi movimenti così chiude gli occhi e resta immobile, offuscando ogni possibile lettura, per poi colpire il nemico solo al momento giusto, riuscendo così a spiazzare il Colonnello e a danneggiarlo seriamente. Quando Lynn si intromette per aiutare Ken, il Colonnello tenta di ucciderla con una lancia, sapendo che Kenshiro si sarebbe messo nel mezzo per salvarla ed infatti l'uomo di Hokuto si getta per fare da scudo alla bambina, finendo con la lancia conficcata nel braccio. Il Colonnello pensa di aver riguadagnato terreno ma a questo punto si accorge che Ken, con l'attacco di prima, lo ha privato completamente della vista mediante la pressione del punto di pressione Domei (瞳明 Dōmei?). Oramai totalmente alla mercé del suo avversario, Ken finisce il Colonnello col Colpo della distruzione ossea di Hokuto (北斗壊骨拳 Hokuto Kaikotsu Ken?, "Colpo dell'Implosione" nell'anime).

Nel manga, durante il combattimento con Kenshiro, viene fatto un excursus sulla nascita della setta dei Golan: chiamato a rapporto dai suoi superiori, il Colonnello li trova impegnati in un'orgia. Evidentemente a disagio, viene schernito da uno di loro che gli dice che tutta l'abilità dei Golan non sarà mai tanto potente come il suo dito, in grado di attivare le armi atomiche. Quando, dopo l'olocausto, solo il corpo dei Berretti Rossi è sopravvissuto, il Colonnello si convince che ciò sia imputabile all'azione di Dio, che ha voluto punire l'edonismo dei suoi superiori e premiare la dedizione e la disciplina dei Golan; a questo punto solo loro, i guerrieri che si sono allenati sino a raggiungere la perfezione umana, sono in grado di rifondare e comandare l'umanità. Il Colonnello inizia a radunare seguaci e a rapire donne per generare altri Golan e fondare così una nazione utopica definita "Terra di Dio". Inoltre, prima di morire, si chiede come mai Kenshiro utilizzi in questo modo la sua forza sovrumana, invece di costruire egli stesso una nazione ideale.

Nel film d'animazione, il Colonnello non è un uomo a capo di un'organizzazione militare, ma è uno dei generali dell'esercito di Shin. Fa una brevissima apparizione in due scene. Nella prima, lo si vede discutere con il suo padrone, nella seconda, lo si vede insieme a tutti gli altri generali di Shin che sono in subbuglio perché l'esercito del Re di Hokuto è alle porte di "Croce del Sud". Dopo che il suo capo lo ferma per chiedergli dove sia finita Julia, gli risponde che al momento si stanno occupando di contrastare l'attacco nemico. Accecato dalla rabbia, Shin lo uccide, trapassandogli lo stomaco con una mano, indignato dal fatto che il Colonnello consideri più importante fronteggiare Raoul, anziché dare il via alle ricerche di Julia.

Personaggi esclusivi dell'anime[modifica | modifica wikitesto]

Capitano della Squadra di Sorveglianza[modifica | modifica wikitesto]

Capitano della Squadra di Sorveglianza
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 6
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio

Il Capitano della Squadra di Sorveglianza è un ufficiale dell'Armata di Golan e svolge parte del ruolo che nel manga è occupato dal Maggiore. Il suo aspetto e la sua divisa ricordano molto quelli del Maggiore. In combattimento utilizza dei nunchaku.

È a capo della squadriglia incaricata di riscuotere il pizzo presso la popolazione del villaggio vessato dall'Armata. Completamente privo di scrupoli, non batte ciglio quando una vecchia, nell'attraversare la strada, cade sul loro cammino rischiando di essere investita se non fosse stato per l'intervento di Kenshiro. Risulta anche facilmente corruttibile: basta una bottiglia di whisky offertagli da Johnny, il proprietario di un bar, per convincerlo a non chiedere altro cibo oltre a quello già riscosso. Durante una sua incursione si imbatte nell'uomo di Hokuto che, deciso a fermarlo, lo sfida e lo uccide facilmente.

Capitano della Squadra di Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Capitano della Squadra di Ricerca
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 7
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio

Il Capitano della Squadra di Ricerca è un ufficiale dell'Armata, ha l'aspetto di un uomo con una barbetta e la divisa tipica dell'Armata di Golan, indossa inoltre un foulard viola. Combatte con un fioretto e un pugnale.

Viene incaricato di scovare Kenshiro e, non trovandolo, cercherà di stanarlo con ogni mezzo: ragionando come un cacciatore, arriva ad utilizzare un'esca, catturando e giustiziando il padre di una bambina (la stessa che nel manga viene invece resa orfana dal Maggiore), nel tentativo di spingerlo a presentarsi al suo cospetto. Una volta che questo accade, uccide anche la madre della bambina, non ritenendo più necessaria l'esca una volta che la preda si è già presentata. Kenshiro, infuriato tremendamente da questo gesto così barbaro, si avventa sul plotone del Capitano uccidendo tutti i soldati con estrema facilità. Il Capitano, una volta rimasto solo, a differenza degli altri membri dell'Armata sembra avere grande timore di Kenshiro prima di decidersi ad attaccarlo, ottenendo solo di essere intercettato e colpito dal Colpo del Rimorso di Hokuto (北斗残悔拳 Hokuto Zankai Ken?). Una volta sconfitto, implora pietosamente con lacrime di coccodrillo per avere salva la vita e Kenshiro gli permette di fuggire. Credendo di esser stato risparmiato, il Capitano si allontana con una jeep ma proprio mentre sta ancora gongolando, troverà inevitabilmente la morte.

Bakam[modifica | modifica wikitesto]

Bakam
Nome orig.バッカム (Bakkamu)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 8
Voce orig.Takeshi Watabe
Voce italianaBruno Cattaneo
SpecieUmano
SessoMaschio

Bakam (バッカム Bakkamu?) è il capo delle guardie del corpo personali del Colonnello, ultimo ostacolo da superare prima di giungere da lui. Ha l'aspetto di un uomo muscoloso con la barba e i capelli castani ed indossa la tipica divisa militare dell'Armata.

Lui e i suoi uomini combattono principalmente con particolari aghi da lancio (tecnica utilizzata invece dal Sergente Pazzo nel manga) i quali, una volta conficcatisi nel corpo dell'avversario, grazie ad un dispositivo, lo uccidono per dissanguamento. Insieme ai suoi sottoposti tenta così di fermare Kenshiro, che riesce tuttavia a respingere gli aghi con la contrazione dei suoi muscoli ed uccide tutte le guardie in poco tempo; a questo punto Bakam tenta di attaccare Kenshiro con un pugnale ma viene facilmente battuto ed ucciso.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga